Yemen Houthi attacca le strutture energetiche saudite e danneggia una raffineria di petrolio

Il ministero dell’Energia dell’Arabia Saudita ha dichiarato domenica che il movimento Houthi dello Yemen, allineato con l’Iran, ha lanciato missili e droni contro impianti di desalinizzazione dell’energia e dell’acqua in Arabia Saudita, provocando un calo temporaneo della produzione in una raffineria, ma non ci sono state vittime.

Il ministero ha affermato in una dichiarazione che attacchi di droni hanno colpito una stazione di distribuzione di prodotti petroliferi nella regione meridionale di Jizan, una raffineria di gas naturale e una raffineria di Yasref nel porto di Yanbu, nel Mar Rosso.

Riferendosi alla Yanbu Aramco Sinopec Refining Company, una joint venture tra Saudi Aramco, la società ha affermato che l’attacco agli impianti YASREF ha portato a una riduzione temporanea della produzione della raffineria, che sarà compensata dalle scorte. (2222.SE) e China Petrochemical Corporation (Sinopec).

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Non vi è stato alcun impatto dagli attacchi alle sue forniture ai clienti, ha affermato il CEO di Aramco Amin Nasser in una telefonata in merito ai guadagni dell’azienda. Leggi di più nL2N2VN03N]

La coalizione a guida saudita che combatte gli Houthi ha affermato in precedenza che gli attacchi, avvenuti sabato notte e domenica mattina, hanno preso di mira anche un impianto di desalinizzazione ad Al Shuqaiq, una centrale elettrica a Dhahran Al Janoob e un impianto di gas a Khamis Mushait.

Ha detto che gli attacchi e i detriti dei proiettili di intercettazione hanno causato danni materiali ma non hanno provocato la perdita di vite umane.

Yahya Saree, portavoce militare del gruppo Houthi, ha affermato che il gruppo ha lanciato missili balistici, ali e droni contro le strutture di Aramco nella capitale, Riyadh, Yanbu e “altre aree”, seguiti da attacchi a “bersagli vitali” in altre regioni saudite .

La coalizione ha affermato che le indagini iniziali hanno mostrato che il gruppo ha utilizzato missili da crociera di fabbricazione iraniana nell’impianto di desalinizzazione e nel centro di distribuzione di Aramco a Jizan. Ha aggiunto che le difese aeree saudite hanno intercettato un missile balistico e nove droni.

I media statali hanno pubblicato foto e video di detriti di proiettili, auto e strutture distrutte e vigili del fuoco che hanno spento le fiamme.

Possibile verità

L’Arabia Saudita ha lottato per districarsi dal conflitto di sette anni che ha ucciso decine di migliaia di persone e lasciato milioni di yemeniti che rischiano la fame. Gli attacchi Houthi all’Arabia Saudita hanno anche messo in pericolo gli aeroporti e gli impianti petroliferi del regno e hanno causato la morte di alcuni civili.

L’ufficio dell’inviato speciale delle Nazioni Unite Hans Grundberg ha affermato domenica che l’inviato speciale delle Nazioni Unite sta discutendo una possibile tregua durante il mese sacro del Ramadan, che inizia ad aprile. Non era chiaro se le due parti avessero concordato i piani delle Nazioni Unite. Per saperne di più

Gli Houthi hanno estromesso il governo yemenita dalla capitale, Sanaa, alla fine del 2014, spingendo la coalizione a intervenire. Il conflitto è visto come una guerra per procura tra Arabia Saudita e Iran. Gli Houthi affermano di combattere un regime corrotto e un’aggressione straniera.

(Copertura) Moataz Mohamed, Yasmine Hussein e Omar Fahmy dal Cairo, Saeed Azhar e Maha El Dahan da Dubai Scrittura di Ghaida Ghantous Montaggio di Francis Kerry e Mark Potter

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews