Una centrifuga solare “cannibale” diretta verso la Terra potrebbe portare l’aurora boreale fino all’Illinois e causare problemi di tensione.

Il sole potrebbe inviare una tempesta sulla Terra nei prossimi giorni. Secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration, domenica la nostra stella infuocata ha scatenato una serie di esplosioni dirigendosi verso il nostro pianeta che potrebbero innescare una potente tempesta geomagnetica.

Una di queste eruzioni, chiamata espulsione di massa coronale, o CME, dovrebbe entrare in collisione e consumarne un’altra, creando quello che viene chiamato un evento CME cannibale. Secondo The Weather Channel, questi eventi possono innescare potenti tempeste geomagnetiche, nel qual caso sono diretti nella nostra direzione.

Immagine della NASA del sole, che mostra il bagliore solare e l'espulsione di massa coronale
Questa immagine del 2004 dell’Osservatorio solare ed eliosferico della NASA mostra un bagliore solare, a destra, eruttato dalla macchia solare gigante 649, inviando un’espulsione di massa coronale (CME) nello spazio.

NASA SOHO/AFP tramite Getty Images


La National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) prevede che le espulsioni avvengano giovedì, ma prima che ciò accada, l’agenzia ha affermato che anche la Terra crollerà mercoledì con un vento solare relativamente veloce, noto come un buco coronale ricorrente ad alta velocità. Il solo vento solare può causare una leggera tempesta geomagnetica mercoledì, ma lo sono anche queste condizioni Si prevede un’escalation Per condizioni forti, note come G3, una volta che compaiono i brillamenti solari.

La National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) ha affermato che almeno quattro espulsioni di massa coronale hanno il potenziale per avere un impatto diretto sulla Terra.

Tempeste geomagnetiche disposte su A Scala Dal G1 al G5, con il G5 che è il più estremo. In una situazione del genere, ci sarebbero diffusi problemi di controllo della tensione e alcune reti elettriche potrebbero subire un “guasto completo o blackout”, secondo NOAA.

Una tempesta G3, come quella prevista, potrebbe richiedere la rettifica di alcuni sistemi di tensione di alimentazione e può anche provocare alcuni falsi allarmi sui dispositivi di protezione dell’alimentazione.

Una tempesta del genere può anche creare un bellissimo effetto collaterale: l’aurora boreale visibile al di fuori del loro solito regno.

La National Oceanic and Atmospheric Administration ha precedentemente affermato che l’aurora boreale, nota anche come aurora boreale, può essere vista fino all’Illinois e all’Oregon se colpiscono il G3.

Quando il CME ha colpito la Terra mercoledì, ha innescato una tempesta geomagnetica G2 e l’aurora boreale è stata vista a Herzogswald, in Germania, secondo il quotidiano britannico The Guardian. spaziotempo.com, che tiene traccia degli ultimi dati di NOAA. Herzogswald si trova a 51 gradi di latitudine nord, più o meno in linea con il Quebec centrale e l’Ontario in Canada. Come ha notato spaceweather.com, le luci erano visibili in quella città attraverso “nuvole, nebbia e luci urbane”.

Giovedì mattina, lo ha affermato la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA). Zona di impatto Sono per lo più regioni a 50°N e oltre, aggiungendo che l’aurora boreale può essere visibile a latitudini più elevate come il Canada e l’Alaska.

Sempre mercoledì, l’astronauta della NASA Bob Haynes, pilota della missione SpaceX Crew-4 lanciata ad aprile, ha condiviso le sue foto dell’aurora boreale vista dallo spazio. Ha indicato la recente attività solare per creare la stravaganza.

Dove e quanto saranno intense le luci è meglio stimato da NOAA con 30-90 minuti di anticipo. Il radar mostra che giovedì mattina verso le 2:45 ET, la probabilità di vedere l’aurora boreale dal North Dakota, dal Minnesota e dalla maggior parte del Canada è aumentata notevolmente.

È possibile trovare una previsione a breve termine delle luci qui.

Aurora boreale sopra il cielo del Minnesota
L’aurora boreale può essere vista all’orizzonte settentrionale nel cielo notturno sopra il lago Wolf nella foresta statale di Cloquet nel Minnesota nelle prime ore del mattino del 28 settembre 2019.

Alex Corman/Star Tribune tramite Getty Images


READ  L'intera missione speciale degli astronauti SpaceX sta tornando a casa dopo una settimana di ritardo

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews