Un nuovo razzo della NASA spalanca le porte della torre di lancio mobile

Ingrandire / La sonda Orion si avvicina alla Luna lunedì.

NASA

Finora, l’ambiziosa missione Artemis I della NASA sembra procedere senza intoppi. La navicella spaziale Orion ha effettuato una serie di ustioni di spinta, Vola dolcemente attraverso la lunae ora testerà le sue capacità nello spazio profondo.

Lunedì sera, dopo un sorvolo della luna, la navicella Immagini restituite Dal viaggio di ritorno sulla Terra attraverso la rete dello spazio profondo. Sebbene non ci siano umani a bordo di Orion durante questo volo di prova, lo saranno durante la sua prossima missione. Le viste della luna da un’astronave umana – la prima in più di mezzo secolo – erano mozzafiato.

“Oggi è stata una giornata fantastica”, ha dichiarato Howard Hu, responsabile del programma del veicolo spaziale Orion, parlando delle prestazioni e delle immagini del veicolo spaziale. “Questo è un sogno per molti di noi che lavorano alla NASA. Eravamo come bambini in un negozio di dolciumi”.

Giro del razzo

Lunedì durante una conferenza stampa a Houston, il responsabile della missione Artemis I Mike Sarafin ha anche fornito un aggiornamento sulle prestazioni del razzo Space Launch System. “I risultati sono stati sorprendenti”, ha detto Sarafin.

Tutti gli eventi di classe, compresi i propulsori a razzo solido e il primo e il secondo stadio, erano nominali. Sarafin ha affermato che ogni metrica delle prestazioni in termini di propulsione e precisione era in linea con l’obiettivo o inferiore dello 0,3% rispetto alle aspettative. In termini di atterraggio della navicella Orion con il carico utile desiderato, il razzo era a sole tre miglia di distanza, un errore notevolmente piccolo.

READ  La capsula Boeing atterra sulla Terra dopo aver ricattato lo spazio

Sarafin ha riconosciuto che l’intensa spinta del razzo SLS ha causato alcuni danni alla torre di lancio mobile che ha sostenuto il razzo durante le operazioni di rifornimento e conto alla rovescia. C’erano danni alla base della rampa di lancio dove i booster producono la spinta e una rottura in alcune linee pneumatiche che trasportano i gas al veicolo. La violenta vibrazione del lancio ha rotto anche l’ascensore di accesso alla torre e ne ha fatto saltare le porte.

E mentre alcuni di quei danni sono stati maggiori del previsto, Sarafin ha affermato che tutti i problemi sono risolvibili. “Sarà pronto per la missione Artemis II”, ha detto della torre di lancio.

uscire

Finora Orion ha superato le aspettative nello spazio. Hu ha affermato che i pannelli solari nel suo modulo di servizio, forniti dall’Agenzia spaziale europea, hanno risparmiato il 22% di energia in più del previsto. Tutti i motori di propulsione della navicella, dal grande motore principale fino al piccolo sistema di controllo della reazione, funzionano come previsto. Un’ispezione visiva del veicolo, dalle telecamere montate sui suoi pannelli solari, non ha rilevato problemi di detriti di micrometeoriti o altri problemi.

Il prossimo grande passo della navicella arriverà venerdì, quando il suo motore principale brucerà per poco più di un minuto per metterlo in una lontana orbita retrograda attorno alla Luna e portarlo nello spazio profondo per testare la capacità di Orion di sostenerlo. Temperatura interna costante e stress di altri sistemi. Quindi il rover volerà di nuovo vicino alla Luna il 5 dicembre prima che i suoi motori si accendano.

Una vista della capsula di Orione, del suo modulo di servizio e della Luna.
Ingrandire / Una vista della capsula di Orione, del suo modulo di servizio e della Luna.

NASA

Il sorvolo del 5 dicembre dovrebbe fornire immagini migliori, perché durante il sorvolo di lunedì, l’approccio più vicino del rover era sul lato più lontano della luna, che in quel momento era nell’oscurità. Il prossimo volo sarà in pieno giorno, vicino ai siti di atterraggio dell’Apollo, che potrebbero essere fotografati dalla fotocamera della navicella.

READ  La tempesta solare potrebbe scatenare venti solari di 1,8 milioni di miglia all'ora sulla Terra domani

La NASA prevede di riportare Orion sulla Terra intorno a mezzogiorno dell’11 dicembre, precipitando al largo della costa della California meridionale. Sarafin ha detto che lui e altri alti funzionari che lavorano su Artemis rimarranno nervosi fino ad allora, anche se finora tutto è andato bene.

“Per me, è un sollievo che stiamo lavorando a pieno ritmo”, ha detto. “Ma c’è un accresciuto senso di consapevolezza. Siamo al sesto giorno di una missione di 26 giorni. Riposerò bene dopo il mio tuffo e il recupero sarà completo.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews