Un architetto ha chiesto all’intelligenza artificiale di progettare le città del futuro. Questo è quello che ho suggerito

scritto da Oscar Olanda, CNN

Manas Bhatia ha una visione audace per il futuro, una visione in cui grattacieli residenziali ricoperti di alberi, piante e alghe agiscono come “torri purificatrici dell’aria”.

In una serie di immagini dettagliate, l’architetto e designer di computer con sede a New Delhi ha dato vita all’idea. Gli edifici che immagina sono raffigurati in alto sopra una città futuristica, con le loro forme curvilinee ispirate alle forme trovato in natura.

Ma le immagini non erano del tutto dalla sua immaginazione.

Le torri concettuali dell’architetto sono state create utilizzando un software di imaging di intelligenza artificiale. a lui attribuito: Per gentile concessione di Manas Bhatia

Per il suo progetto concettuale “AI x Future Cities”, Bhatia si è rivolto a uno strumento di imaging AI, Midjourney, che produce immagini dettagliate basate su indicazioni scritte. Utilizzando una serie di descrizioni testuali, comprendenti frasi come “oroscopi futuri”, “tecnologia utopica”, “simbiotici” e “biomateriali”, Midjourney ha prodotto una serie di immagini digitali che Bhatia ha modificato affinando le affermazioni.

Possono essere necessari fino a 20 minuti per realizzare ciascuna delle opere d’arte surreali, ha detto Bhatia. Ha rivisto le sue descrizioni quasi 100 volte per ogni progetto, modificando e aggiungendo al testo per ottenere i risultati desiderati prima di ripulire le immagini con Photoshop.

“La parte per tentativi ed errori è la più divertente”, ha detto l’architetto al telefono. “Utilizziamo l’IA per creare le immagini e, nel processo, l’IA si allena e migliora nel tempo”.

Bhatia ha anche chiesto al programma AI di immaginare torri residenziali costruite sugli alberi, che continuano a crescere nel tempo.

Bhatia ha anche chiesto al programma AI di immaginare torri residenziali costruite sugli alberi, che continuano a crescere nel tempo. a lui attribuito: Per gentile concessione di Manas Bhatia

READ  Il filmato di Doom 4 rivela quanto sia diverso

In un altro progetto, “Architettura simbiotica”, Bhatia immaginava un futuro in cui gli edifici sarebbero stati fatti di materiali vivi. Usando riassunti come “gigante” e “cavo”, ha prodotto immagini di quello che ha definito un “futuro ideale” in cui gli appartamenti si formano all’interno di alberi delle dimensioni di sequoie.

Dice che è stato ispirato da Hyperion, una sequoia californiana di 380 piedi ritenuta l’albero vivente più alto del mondo. Ma ha anche attinto al suo lavoro quotidiano presso lo studio di architettura indiano Ant Studio, i cui progetti includono il retrofit degli edifici con nuove facciate per incoraggiare la ventilazione naturale e ridurre il consumo energetico.

“L’idea è stata l’ispirazione per il fatto che la ‘pelle’ dell’edificio sia organica e ispirata alla natura, e come si verificano il raffreddamento e la traspirazione per evaporazione in modo che le torri (possano) (regolare la loro temperatura durante il giorno)”, ha detto Bhatia, aggiungendo: “Se noi può creare materiali da costruzione per essere organici, vivere e crescere L’edificio può ventilarsi attraverso questi processi naturali.

Bhatia "architettura simbolica" Il progetto è stato ispirato da gigantesche sequoie.

Il progetto Bhatia “Symbionic Architecture” è stato l’ispirazione per le gigantesche sequoie. a lui attribuito: Per gentile concessione di Manas Bhatia

La recente popolarità degli strumenti di imaging AI come OpenAI DALL-E 2 e Google Ricerca Immaginare Fare nuove domande sulla creatività e l’integrità artistica.
Il mese scorso, il game designer del Colorado Jason M. Allen ha suscitato polemiche Vinci 300 dollari per il prezzo concorso artistico Con un’immagine futuristica in stile rinascimentale creata con Midjourney. Mentre alcuni utenti e artisti dei social media hanno espresso disapprovazione per i metodi di Allen, il designer ha affermato che il suo messaggio, la cui creazione ha richiesto più di 80 ore, si qualifica come un’opera d’arte digitale.

Per Bhatia, l’IA è solo un altro strumento. “L’arte è completamente aperta all’interpretazione”, ha detto. “E un artista può utilizzare qualsiasi tipo di strumento esistente per creare arte. Chiunque può usare l’intelligenza artificiale, ma nessuna persona creativa sarà in grado di ottenere un risultato altrettanto buono”.

L'architetto ritiene che l'IA sarà utilizzata in modo più ampio nel mondo del design.

L’architetto ritiene che l’IA sarà utilizzata in modo più ampio nel mondo del design. a lui attribuito: Per gentile concessione di Manas Bhatia

READ  Annunci e trailer più grandi di Wholesome Direct 2022

L’architetto ha aggiunto che producendo qualcosa al di là dell’immaginazione degli utenti, potrebbe innescare nuove idee e arricchire il processo di progettazione. Immagina persino un futuro in cui l’intelligenza artificiale può creare progetti 3D ed è integrata in un software che gli architetti utilizzano per modellare le loro creazioni.

“Ha un potenziale enorme”, ha detto. “Nel nostro studio, abbiamo provato a utilizzare l’intelligenza artificiale per creare immagini moodboard per la presentazione di un cliente, ed è andato tutto bene… Nel prossimo futuro, architetti e designer combinati con l’intelligenza artificiale saranno qualcosa in cui sperare”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews