Un antropologo crede che un’antica specie umana possa sopravvivere sull’isola di Flores

Nel 2003, gli archeologi alla ricerca di prove della migrazione degli esseri umani moderni dall’Asia all’Australia si sono imbattuti in un piccolo, in qualche modo completo scheletro di una specie umana estinta sull’isola indonesiana di Flores, che divenne nota come Homo floresiensis. Oppure, come divenne più noto, lo Hobbitdopo le piccole creature che consumano la colazione da JRR Tolkein Lo Hobbit.

Inizialmente si pensava che questa specie fosse sopravvissuta fino a tempi relativamente recenti, circa 12.000 anni fa, prima che ulteriori analisi risalissero a Circa 50.000 anni. Ma un professore in pensione di antropologia all’Università dell’Alberta afferma che le prove della continua esistenza della specie potrebbero essere state trascurate e lo Hobbit potrebbe essere ancora vivo oggi, o almeno a memoria d’uomo.

In un articolo di opinione su il mondo Promuovi il suo prossimo libro Tra scimmia e uomoGregory Forth sostiene che i paleontologi e altri scienziati hanno trascurato la conoscenza indigena e i resoconti degli “uomini scimmia” che vivono nelle foreste di Flores.

“Il mio obiettivo nello scrivere il libro era trovare la migliore spiegazione, cioè il più razionale e il miglior supporto empirico, dei resoconti delle creature di Lio”, scritto nel widget. Questi includono segnalazioni di avvistamenti di oltre 30 testimoni oculari, con i quali ho parlato direttamente. Concludo che il modo migliore per spiegare quello che mi hanno detto è che gli ominidi sono sopravvissuti a Flores fino ad oggi o più recentemente”.

Scrive che la zoologia popolare locale del popolo Lio che abita l’isola contiene storie di umani che si sono trasformati in animali mentre si spostavano e si adattavano a nuovi ambienti, una specie di LamarckIl eredità delle proprietà fisiche acquisite.

READ  Un fossile svela i segreti di uno dei rettili più misteriosi della natura

“Come ha rivelato il mio lavoro sul campo, questi presunti cambiamenti riflettono osservazioni locali di somiglianze e differenze tra presunte specie ancestrali e i loro distinti discendenti”, afferma.

Lio identifica queste creature come animali e non hanno il linguaggio o la tecnologia complessi degli umani. Tuttavia, si nota la loro curiosa somiglianza con gli umani.

“Per Leo, l’aspetto dell’uomo-scimmia come qualcosa di non umano rende la creatura anomala e quindi problematica e inquietante”, ha scritto Forth.

Al momento, la prima data che possiamo decidere definitivamente H. fluorescenza La sopravvivenza è ancora 50.000 anni fa. Ma Forth esorta a incorporare la conoscenza indigena mentre studiamo l’evoluzione degli ominidi.

Conclude: “Il nostro istinto iniziale, suppongo, è quello di considerare gli uomini-scimmia di Flores come del tutto immaginari. Ma, prendendo sul serio ciò che la gente dice, non ho trovato una buona ragione per crederlo”. “Quello che dicono sulle creature, supportato da altri tipi di prove, è molto coerente con le specie di ominidi sopravvissute, o una specie che si è estinta solo negli ultimi 100 anni”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews