Un alto funzionario della difesa statunitense ha affermato che finora le forze russe hanno perso circa 1.000 carri armati in Ucraina

Questo video, pubblicato dalle forze armate ucraine, mostra l’impatto devastante delle granate a propulsione a razzo russe TOS-1A che hanno colpito le posizioni ucraine vicino a Novomykhailivka nella regione di Donetsk il 26 maggio (Forze armate ucraine/Cover Images/Reuters)

Funzionari ucraini hanno affermato che le forze russe stanno utilizzando un’ampia gamma di armi su diversi fronti nell’Ucraina orientale nel tentativo di abbattere le ostinate difese ucraine, che sono in inferiorità numerica.

Molti di questi funzionari descrivono la situazione come “estremamente difficile” e riconoscono che le unità ucraine potrebbero dover ritirarsi in alcuni luoghi.

Funzionari ucraini affermano che negli ultimi giorni i russi hanno combinato missili balistici a corto raggio, sistemi missilistici a lancio multiplo, artiglieria pesante e carri armati in uno spietato bombardamento di paesi e città nelle regioni di Luhansk e Donetsk ancora controllate dall’Ucraina.

La polizia nazionale ucraina ha affermato che civili sono stati uccisi in attacchi a 13 insediamenti a Donetsk, con diverse città precedentemente non prese di mira. Le forze russe sembrano espandere il numero di città che bombardano mentre cercano di distruggere le difese ucraine e le linee di rifornimento.

Il loro obiettivo principale sembra essere la cattura di Sloviansk, che negli ultimi giorni ha visto un aumento dei bombardamenti. Il sindaco Vadim Lyach ha affermato che metà della città è ora senza acqua e che non ci sarà “fornitura di gas fino alla stagione del riscaldamento”.

Un numero crescente di funzionari ucraini descrive la situazione militare in termini strazianti, anche se i progressi della Russia sul campo sono stati modesti.

Fedir Venislavsky, membro della Verkhovna Rada e membro del Comitato per la sicurezza nazionale, ha descritto la situazione come “difficile”.

“I luoghi più caldi sono Severodonetsk e Lesichansk. Il nemico sta cercando di accerchiare le nostre forze”, ha detto alla televisione ucraina.

Le città gemelle di Luhansk furono quasi completamente distrutte, ma le truppe ucraine esistevano ancora. Si stima che a Severodonetsk siano ancora presenti circa 15.000 civili.

READ  Le sanzioni russe si ripercuotono sui mercati mondiali, i carri armati del rublo

Secondo l’ultima valutazione dell’Istituto per lo studio della guerra sul campo di battaglia, “le forze russe potrebbero dover lanciare un’offensiva di terra su Severodonetsk nei prossimi giorni per mantenere il ritmo dopo aver inviato una parte significativa di personale, artiglieria, aviazione e logistica davanti.”

Venislavskyi ha detto che se i russi potessero spezzare la resistenza ucraina lì, i loro “prossimi obiettivi sarebbero Bakhmut, Soledar”, le città più occidentali.

In particolare, i funzionari regionali affermano che l’autostrada che collega Bakhmut e Lyseshansk – il percorso per rifornire le forze ucraine – è costantemente sotto attacco.

“Il nemico prende parzialmente il controllo di Lyman e va alla periferia di Severodonetsk. La situazione in quest’area operativa sarà molto difficile nei prossimi giorni”, ha detto.

Ha anche notato che vengono inviate ulteriori forze russe, dicendo che “il nemico continua ad accumulare riserve vicino a Izyum per attaccare Sloviansk e Parvenkov”.

“Il nemico sta inviando unità dal Primorsky Krai, dall’Estremo Oriente e dalla Siberia in Ucraina. Vengono formati gruppi di battaglioni, caricati sulle ferrovie e inviati in Ucraina”, ha detto Venislavsky.

Un edificio danneggiato da un attacco missilistico nella città di Kramatorsk, nella regione di Donetsk, in Ucraina, il 26 maggio.
Un edificio danneggiato da un attacco missilistico nella città di Kramatorsk, regione di Donetsk, Ucraina, il 26 maggio (Carlos Barria/Reuters)

“Le forze armate stanno difendendo per il quarto mese ormai. Le nostre posizioni difensive vengono distrutte dal nemico ogni giorno”, ha affermato Serhiy Heyday, capo dell’amministrazione militare regionale di Luhansk.

“La regione di Luhansk, la parte sotto il controllo dell’Ucraina, è molto piccola in termini di superficie. Pertanto, i russi faranno del loro meglio per catturarla. Per loro, questo è il modo più semplice per ottenere almeno una vittoria intermedia. La nostra le forze si stanno gradualmente spostando verso posizioni più fortificate”, ha aggiunto.

Hayday è uno dei numerosi funzionari ucraini che affermano che le difese a est sono ampiamente superate in numero.

“Devi capire che un’enorme quantità di attrezzature e persone stanno combattendo contro di noi”, ha detto.
READ  L'ultima guerra Russia-Ucraina: cosa sappiamo il giorno 186 dell'invasione | Ucraina

“Richiede tempo [Western] Armi per raggiungerci. Devono passare da ovest a est dell’Ucraina. Uno o due obici non cambieranno la posizione; Li perderemo semplicemente. Quindi, dobbiamo aspettare e riorganizzarci”.

Ha anche riconosciuto la possibilità che le forze ucraine si ritirino.

“Forse dobbiamo lasciare altri due insediamenti. Ma dobbiamo vincere la guerra, non la battaglia”, ha detto Haiday.

Rostislav Smirnov, consigliere del ministro dell’Interno ucraino, ha detto alla televisione ucraina che “il vantaggio dei russi in [terms of] Otto a uno, “il vantaggio nell’attrezzatura è più del doppio.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews