Tracker Ucraina-Russia in diretta: Israele, Zelensky e NATO

Il primo ministro israeliano Naftali Bennett si è recato a Mosca per incontrare al Cremlino il presidente russo Vladimir Putin, secondo funzionari israeliani e russi, un raro momento diplomatico in una guerra che è giunta alla sua seconda settimana.

“La situazione in Ucraina è in discussione”, ha detto ai giornalisti il ​​portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, secondo il sito di notizie RIA Novosti, controllato dallo stato.

L’incontro arriva in un momento critico della guerra, con le forze russe che isolano le principali città e l’Ucraina in bilico in una crisi umanitaria. I diplomatici russi e ucraini continuano i colloqui bilaterali, ma molte iniziative diplomatiche di terzi, comprese quelle del presidente francese Emmanuel Macron, sono in stallo.

Israele è in una posizione unica per poter potenzialmente rinunciare a un accordo, data la sua alleanza con gli Stati Uniti, la sua tranquilla cooperazione con la Russia in Siria e i suoi legami culturali condivisi con l’Ucraina. Il signor Bennett e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky sono gli unici ebrei al mondo a capo dei governi nazionali.

L’ufficio di Bennett ha dichiarato sabato sera in una dichiarazione che l’incontro con Putin è durato quasi tre ore e si è svolto “in coordinamento e con la benedizione dell’amministrazione statunitense”. Inoltre, aggiungeva la dichiarazione, Bennett stava lavorando in coordinamento con Germania e Francia ed era “in costante dialogo con l’Ucraina”.

Non ci sono state informazioni immediate sull’esito della riunione. Un portavoce del signor Bennett ha detto di aver parlato con il signor Zelensky dopo aver incontrato il signor Putin.

Il governo israeliano ha Cerca di mantenere buone relazioni con i leader russi e ucraini durante l’attuale crisiSignor Bennett Il signor Zelensky aveva precedentemente chiesto di mediare tra le due parti.

READ  Zelensky afferma che tutti coloro che hanno partecipato all'attacco di Kramatorsk saranno ritenuti responsabili

Bennett ha lasciato Mosca sabato sera diretto a Berlino per incontrare il cancelliere tedesco Olaf Scholz. Il Sig. Schulz è stato in una breve visita in Israele questa settimana e, in un incontro con il Sig. Bennett, ha discusso del potenziale ruolo di Israele nella mediazione tra Russia e Ucraina.

Bennett ha parlato al telefono con Putin mercoledì, poche ore dopo aver parlato con Zelensky, negli ultimi round di conversazioni telefoniche tra di loro.

In segno dell’urgenza della missione, il sig. Bennett, ebreo osservante, ha lasciato Israele sabato mattina, durante il Sabbath, in violazione dell’ordine religioso di non viaggiare. Secondo la legge religiosa ebraica, la santità del sabato è invalidata dal principio di preservare la vita umana.

Il signor Bennett era accompagnato dal ministro israeliano per l’edilizia abitativa Ze’ev Elkin, che ha aiutato con la traduzione, secondo l’ufficio del primo ministro israeliano. Il signor Elkin ha spesso agito in una veste simile negli ultimi dieci anni negli incontri tra il predecessore di Bennett, Benjamin Netanyahu, e il signor Putin. Il signor Elkin, anche lui ebreo impegnato, è nato a Kharkiv, in Ucraina, nel 1971, quando faceva parte dell’Unione Sovietica, ed è emigrato in Israele nel 1990.

La delegazione israeliana comprendeva anche il consigliere per la sicurezza nazionale del primo ministro, Eyal Holata, il suo consigliere diplomatico Shimrit Meir e il suo portavoce, Matan Sidi.

Il signor Bennett era stato criticato nei giorni scorsi, anche dal signor Zelensky, per non essersi schierato strettamente con l’Ucraina e per non averle fornito alcun equipaggiamento militare.

Funzionari israeliani hanno affermato che Israele deve mantenere buone relazioni con la Russia in modo che possa continuare la campagna militare israeliana contro il trinceramento dell’Iran e di Hezbollah in Siria, dove la Russia mantiene una grande presenza.

READ  La guerra Ucraina-Russia: aggiornamenti in tempo reale - The New York Times

Hanno detto che Israele è anche preoccupato per le grandi comunità ebraiche in Russia e Ucraina. Dopo un incontro di sabato al Cremlino, l’ufficio di Bennett ha affermato di aver parlato anche con Putin della situazione degli israeliani e delle comunità ebraiche a seguito del conflitto in Ucraina.

L’incontro di sabato segue diverse richieste da parte del sig. Zelensky, sia del sig. Netanyahu che del sig. Bennett, di mediare tra lui e il sig. Putin. L’ultima richiesta è stata fatta in una conversazione telefonica il 25 febbraio, durante la quale il signor Zelensky ha richiesto anche equipaggiamento militare. Pur rifiutandosi di inviare equipaggiamento difensivo, Bennett ha accettato di cercare di mediare tra le nazioni.

Questo è stato seguito da diversi cicli di conversazioni telefoniche tra il signor Bennett e il signor Putin, tra il signor Bennett e il signor Zelensky e tra i funzionari delle loro squadre. I funzionari israeliani ritengono che la mediazione israeliana abbia avuto qualche effetto nel persuadere l’Ucraina ad avviare colloqui con la Russia in Bielorussia.

Il consigliere per la sicurezza nazionale di Israele, il signor Holata, ha informato il Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca sugli sviluppi dalla conversazione telefonica con il signor Zelensky.

Funzionari israeliani hanno affermato che l’incontro al Cremlino ha anche toccato i progressi nei colloqui a Vienna per tornare a un accordo nucleare con l’Iran e che Bennett ha espresso l’opposizione di Israele al ritorno dell’accordo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews