Starliner attracca per la prima volta alla ISS

Aggiornato alle 22:45 ET con brevi commenti post-lancio.

TITUSSVILLE, Florida – La navicella spaziale Boeing CST-100 Starliner è attraccata con successo alla Stazione Spaziale Internazionale il 20 maggio, poco più di 24 ore dopo il lancio.

Il veicolo spaziale si è agganciato alla porta di aggancio anteriore sul modulo Harmony della stazione alle 20:28 ET. Gli osservatori hanno segnalato un solido molo che fissa il veicolo spaziale alla stazione circa 20 minuti dopo, anche se i portelli che separano il veicolo spaziale dalla stazione non si apriranno fino alle 11:45 circa del 21 maggio.

L’aggancio si è verificato più di un’ora dopo la pianificazione originale poiché i controller hanno risolto diversi problemi minori. Ciò includeva il circuito di aggancio del veicolo spaziale, che doveva essere ritirato ed esteso nuovamente prima che il veicolo spaziale potesse fare il suo avvicinamento finale.

“Al team congiunto di Boeing e NASA, l’equipaggio della Expedition 67 desidera estendere le nostre congratulazioni per questa grande occasione”, ha detto l’astronauta della NASA Bob Hines, attualmente sulla stazione, dopo aver confermato l’attracco. “La giornata di oggi segna un’importante pietra miliare per fornire un ulteriore accesso commerciale all’orbita terrestre bassa, preservare la Stazione Spaziale Internazionale e consentire l’obiettivo della NASA di riportare gli esseri umani sulla Luna e infine su Marte”.

“Questa è stata una missione dimostrativa davvero importante”, ha detto brevemente Kathy Lueders, amministratore associato per le operazioni spaziali della NASA un’ora dopo l’attracco. “Vedere quel velivolo ora ormeggiato alla Stazione Spaziale Internazionale è solo un fenomeno straordinario”.

Né la NASA né la Boeing hanno fornito aggiornamenti sullo stato della missione Orbital Flight Test (OFT) 2 per più di 17 ore dopo il briefing post-lancio del 19 maggio, un silenzio insolito che ha sollevato i timori di un problema con il veicolo spaziale. Un portavoce della Boeing ha detto a SpaceNews che la società fornirà un aggiornamento sulla missione “tra poco”, ma la società non ha rilasciato tale aggiornamento fino a più di tre ore dopo.

READ  Un punto di nidificazione di titanosauri è stato trovato in Brasile

In questo aggiornamento, Boeing ha confermato che il veicolo spaziale era generalmente in buone condizioni, avendo condotto diversi test come previsto. Uno dei problemi era il “comportamento non nominale” del circuito di raffreddamento termico sul veicolo spaziale, ma la società ha affermato che il sistema ha mantenuto temperature stabili.

“Il team di terra ha fatto un lavoro fantastico nella gestione di quegli episodi”, ha detto Steve Stitch, Commercial Crew Program Manager della NASA, nel briefing post-attracco. Ha detto che un po’ di umidità potrebbe essere entrata negli anelli del refrigerante che si sono congelati e hanno bloccato il filtro, facendo aumentare la pressione nell’anello. I controller sono stati in grado di gestire la temperatura di questi anelli del refrigerante e c’era molto margine nel sistema.

Un altro problema è stato il guasto di 2 dei 12 propulsori per il controllo dell’assetto orbitale reversibile (OMAC) durante il processo di inserimento nell’orbita del veicolo spaziale che si è bruciato poco dopo il lancio. Boeing ha affermato nella dichiarazione che la bassa pressione della stanza probabilmente ha causato lo spegnimento dei motori.

Mark Naby, vicepresidente e responsabile del programma dell’equipaggio commerciale di Boeing, ha affermato che gli ingegneri hanno sviluppato un guasto tre e identificato “tre o giù di lì” cause plausibili, che non ha specificato, indicando in seguito che i due propulsori potrebbero essersi guastati per motivi diversi. “Potremmo non conoscere mai il vero motivo alla base di ciò, perché non restituiamo questa macchina”, ha detto. I propulsori si trovano nel modulo di servizio, che viene smaltito prima del rientro e brucia nell’atmosfera.

READ  Un antropologo crede che un'antica specie umana possa sopravvivere sull'isola di Flores

Gli altri motori dell’OMAC hanno continuato a funzionare bene, eseguendo numerose manovre mentre il veicolo spaziale si avvicinava alla stazione prima che i più piccoli propulsori del sistema di controllo della reazione (RSC) assumessero il compito di avvicinamento finale. I motori dell’OMAC non verranno più utilizzati fino a quando la navicella spaziale non si brucerà alla fine della missione.

Oltre ai due propulsori OMAC, anche due propulsori RCS sono stati fermati mentre si avvicinavano alla stazione dopo aver subito un calo della pressione ambiente. “Non credo che sappiamo ancora cosa sia successo a quei propulsori, ma l’auto ha molta ridondanza”, ha detto Stitch, anche per quanto riguarda il molo e l’atterraggio.

Starliner dovrebbe rimanere alla stazione almeno fino al 25 maggio. Stich ha detto che la prima opportunità di annullare l’attracco stabilirebbe un atterraggio a White Sands Space Harbor nel New Mexico alle 18:46 ET di quel giorno, tempo permettendo. “Non abbiamo fretta di tornare indietro. Vogliamo imparare da questo veicolo il più possibile mentre è in orbita”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews