“Sono pronto per i colloqui” con Putin, ma se falliscono, potrebbe significare “terza guerra mondiale”.

Funzionari ucraini affermano che un altro comandante russo è stato ucciso durante i combattimenti, il quinto generale russo ucciso dall’invasione del 24 febbraio.

Il generale Oleg Midyev della 150a unità di fucilieri motorizzati della Russia e membri della sua unità sono stati uccisi dalle forze ucraine vicino a Mariupol la scorsa settimana. Telegrafo Post condiviso martedì da Anton Gerashchenko, consigliere del ministro degli interni ucraino.

Né il ministero della Difesa russo né i media statali russi hanno rilasciato alcuna dichiarazione sulla sua morte.

Alexei Arostovich, consigliere del capo dell’ufficio presidenziale, ha detto a NV News dell’Ucraina che Midyev faceva parte di un piccolo gruppo inviato a Mariupol.

Mythiev “ha continuato spesso a esemplificare come combattere perché i suoi soldati si rifiutavano di combattere.

“In genere, un generale sarà ucciso in corpo a corpo solo se guida personalmente sul posto.”

La CNN non può verificare in modo indipendente le affermazioni ucraine.

Anche la pagina Facebook ufficiale del Dipartimento delle comunicazioni strategiche (AFU StratCom) dell’Ufficio del comandante in capo delle forze armate ucraine ha confermato la morte di Mydev in un post su Facebook.

Nel 2016, Midyev è stato nominato comandante della 201a base militare russa in Tagikistan, secondo quanto riferito dai media statali russi.

La 201a base militare è la più grande base militare russa situata fuori dai suoi confini. Più di recente, i media statali russi hanno riferito che era di stanza come vice comandante del gruppo militare russo all’aeroporto di Hemim in Siria.

Il battaglione Azov, una milizia nazionalista radicale affiliata alle forze armate ucraine, ha condiviso per la prima volta una foto del corpo del generale sul proprio telegramma.

READ  Avvisi in tempo reale Covit-19: conteggio casi, ordini e notizie

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews