Shanghai celebra il successo del COVID, Pechino sull’orlo del baratro

  • Shanghai non segnala casi di COVID al di fuori delle aree di quarantena
  • Pechino è in allerta, preparandosi a ulteriori restrizioni
  • La svolta sarebbe una vittoria per Xi in un anno cruciale
  • L’infezione diminuisce quando la Cina inizia la festa del lavoro

SHANGHAI/PECHINO (Reuters) – Shanghai ha dichiarato sabato di non aver trovato nuovi casi di COVID-19 ogni giorno al di fuori delle aree di quarantena, segnando una pietra miliare nella sua battaglia per contenere il virus che ha paralizzato la città e paralizzato 25 milioni di persone. Nella capitale, Pechino, sull’orlo del baratro.

Le strade di Pechino erano stranamente tranquille all’inizio dei cinque giorni di festa del Primo Maggio, poiché i residenti temevano che le autorità avrebbero imposto maggiori restrizioni durante le vacanze quando molti avrebbero viaggiato o socializzato.

“Guardi una città che una volta era affollata e ora è vuota. Ti chiedi come queste persone riescano a sopravvivere”, ha detto Li, 35 anni, che lavora nel settore finanziario a Pechino, tra le lacrime.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Nella capitale commerciale orientale di Shanghai, scene di case ed edifici circondati da recinzioni per impedire ai residenti di andarsene hanno fatto notizia in un momento in cui la maggior parte degli altri paesi del mondo sta imparando a convivere con il COVID.

La Cina mantiene una politica senza COVID volta a debellare la malattia, il che sta causando frustrazione, soprattutto a Shanghai, dove molti residenti sono stati rinchiusi per più di un mese. Alcuni, che lottano per trovare cibo e altre necessità quotidiane, hanno mostrato una rara opposizione pubblica ai severi controlli del governo.

READ  Ultime notizie di guerra russo-ucraina: riprendono i colloqui di pace; La Gran Bretagna afferma che la marina russa ha circondato la costa del Mar Nero | notizie dal mondo

Tuttavia, se la campagna di tolleranza zero avrà successo, sarà una vittoria per l’approccio del presidente Xi Jinping in un anno in cui dovrebbe assicurarsi un terzo mandato senza precedenti.

I funzionari di Shanghai non hanno discusso dell’interruzione della trasmissione di COVID nella loro conferenza stampa quotidiana, ma i social media si sono rallegrati per la notizia.

Un post su Weibo diceva: “Shanghai ha finalmente raggiunto il livello di comunità zero!!! Spero che Shanghai si svegli il prima possibile!!”.

E zero casi sono stati registrati venerdì al di fuori delle aree di quarantena a Shanghai, rispetto ai 108 casi di giovedì. Tuttavia, alcuni hanno minimizzato il significato di questo risultato, osservando che la maggior parte dei residenti della città era confinata in una qualche forma di quarantena.

Sabato, le autorità sanitarie hanno affermato che ci sono quasi 16.000 aree chiuse a Shanghai, con oltre 4 milioni di persone a cui è vietato uscire di casa. Ad altri 5,4 milioni di persone è stato impedito di lasciare i loro complessi.

In pratica, a molti residenti rimasti nelle zone di prevenzione a basso rischio è ancora vietato lasciare i loro complessi.

“Attualmente, il controllo e la prevenzione delle epidemie in città sono ancora in condizioni critiche e la tendenza è ancora che le persone debbano rafforzare i controlli”, ha affermato Zhao Dandan, vicedirettore della Commissione sanitaria di Shanghai.

La battaglia per frenare la variante Omicron altamente portatile a Shanghai ha avuto un costo elevato per l’economia, con catene logistiche confuse dalle restrizioni.

READ  Hong Kong considera i test di massa mentre la battaglia contro il COVID si intensifica

L’attività delle fabbriche in Cina ad aprile si è contratta al ritmo più veloce in 26 mesi, al livello più basso dai primi mesi dell’epidemia, rilevata per la prima volta nella Cina centrale, poiché le chiusure hanno interrotto la produzione industriale e interrotto le catene di approvvigionamento. I dati pubblicati sabato hanno sollevato i timori di un forte rallentamento nel secondo trimestre che peserebbe sulla crescita globale. Leggi di più

I funzionari di Shanghai, che si dicono ansiosi di rimettere in funzione le fabbriche, hanno affermato che oltre l’80% delle 666 aziende prioritarie ha riavviato la produzione e hanno stilato un secondo elenco di 1.188 aziende.

Le infezioni diminuiscono quando la Cina entra nel giorno festivo del Primo Maggio, che dura fino a mercoledì, tradizionalmente una delle stagioni turistiche più trafficate. Leggi di più

Alcuni osservatori affermano che negli ultimi giorni le autorità sono state meno rigorose nel sottoporre le persone al test. Ma il governo locale di Pechino ha affermato che i residenti devono fornire i risultati del test del DNA prima di recarsi in luoghi pubblici o utilizzare i mezzi pubblici, validi dopo le vacanze.

I parchi a tema e i luoghi di intrattenimento della capitale possono funzionare solo a metà capacità durante le festività del Labor Day con prenotazione anticipata.

Pechino effettuerà anche altri due round di test COVID il 1 e il 3 maggio nel più popoloso distretto di Chaoyang, noto per la sua vita notturna, i centri commerciali e le ambasciate.

Un funzionario dell’ufficio commerciale locale ha detto che la città fermerà tutti i ristoranti tra l’1 e il 4 maggio, invitando i residenti a “cucinare a casa”.

I funzionari non hanno offerto un calendario o una strategia per tornare a una parvenza di normalità.

READ  La ricerca dell'Europa per sostituire il gas russo deve affrontare molti ostacoli

Nomura stima che 46 città siano in blocco totale o parziale, colpendo 343 milioni di persone. La Société Générale stima che le province con restrizioni significative rappresentino l’80% della produzione economica cinese.

La Cina rafforzerà il suo sostegno politico all’economia in risposta all’epidemia di coronavirus e ad altri venti contrari, ha affermato venerdì il principale organo decisionale del Partito Comunista, sollevando le scorte dai minimi di due anni. Leggi di più

Shanghai ha registrato 47 decessi per COVID-19 venerdì, in calo rispetto ai 52 del giorno prima. Alcuni hanno messo in dubbio il tasso di mortalità, con molti residenti che affermano che parenti o amici sono morti dopo aver contratto il coronavirus già a marzo.

Pechino ha segnalato 295 nuovi casi di COVID-19 dal 22 aprile, di cui 123 sono stati trovati nel distretto di Chaoyang, ha affermato l’autorità sanitaria locale.

Complessivamente, la Cina continentale ha riportato 10.793 casi giornalieri di COVID-19, in calo rispetto ai 15.688 nuovi casi del giorno prima, ha affermato sabato la Commissione sanitaria nazionale.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Segnalazione di Brenda Goh a Shanghai, Min Zhang e Xu Jing a Pechino; Scrittura di Anne Marie Rowntree; Montaggio di William Mallard e Ross Russell

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews