Scoppiano attacchi al confine tra Armenia e Azerbaigian, che potrebbero innescare un antico conflitto



CNN

La Russia ha affermato di aver mediato un cessate il fuoco tra Armenia e Azerbaigian dopo che questa settimana sono scoppiati combattimenti al confine tra i due paesi, che hanno portato a lotta vecchia di decenni Al limite della riaccensione.

“Chiediamo alle parti di astenersi da ulteriori escalation, di esercitare moderazione e di aderire rigorosamente al cessate il fuoco in conformità con le dichiarazioni tripartite dei leader di Russia, Azerbaigian e Armenia del 9 novembre 2020, 11 gennaio e 26 novembre 2021, Lo ha affermato il ministero degli Esteri russo in una nota.

Siamo in stretto contatto con Baku e Yerevan. La dichiarazione aggiunge che è stato ricevuto un appello dalla leadership armena per aiutare a risolvere la situazione… Ci aspettiamo che l’accordo raggiunto a seguito della mediazione russa per un cessate il fuoco dalle 9:00 ora di Mosca del 13 settembre sarà pienamente attuato.

La dichiarazione è arrivata dopo una telefonata tra il primo ministro armeno Nikol Pashinyan e il presidente Vladimir Putin martedì scorso. Anche i media locali in Azerbaigian hanno riportato il cessate il fuoco, ma hanno affermato che era già stato violato.

Martedì mattina, il ministero della Difesa armeno ha affermato che le forze armate azere hanno lanciato colpi di artiglieria sulle città di confine armene. L’attacco ha coinvolto droni e armi da fuoco di grosso calibro sparati contro Goris, Sotek e Jermuk, secondo il ministero della Difesa armeno.

Il ministero della Difesa azerbaigiano ha risposto con una dichiarazione in cui ha riconosciuto gli scioperi, ma ha affermato che gli scioperi erano “su piccola scala” e “mirati a garantire la sicurezza dei confini dell’Azerbaigian”.

Lunedì il ministero della Difesa azero ha accusato le forze armene di aver sparato armi leggere in direzione dell’insediamento di Novoivanovka nel distretto di Gadabay e dell’insediamento di Hosulu nel distretto di Lachin vicino al confine tra i due paesi. L’Armenia ha negato le accuse.

Nel 2020 i paesi si scontrano Il conteso Nagorno-Karabakh La regione, una regione senza sbocco sul mare tra l’Europa orientale e l’Asia occidentale, è abitata e controllata da etnia armena ma si trova in territorio azerbaigiano. Le ostilità sono terminate dopo che i separatisti sostenuti dagli armeni hanno accettato di rinunciare al controllo del territorio nella regione irrequieta.

Il tumulto nella regione per decenni, risale al crollo dell’Unione Sovietica, quando la regione, con il sostegno dell’Armenia, ha dichiarato la sua indipendenza dall’Azerbaigian. L’Azerbaigian ha sempre affermato che recupererà i territori riconosciuti a livello internazionale come Azerbaigian.

Martedì, l’Armenia ha invitato la Russia ad attuare a Trattato di difesa del 1997 Afferma che gli stati difenderanno la loro integrità territoriale e sovranità in caso di attacco da parte di uno stato straniero.

“È stata presa la decisione di richiedere formalmente alla Federazione Russa l’attuazione delle disposizioni del Trattato di amicizia, cooperazione e mutua assistenza, dell’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva e del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sull’aggressione contro il territorio sovrano della Repubblica di Armenia”, una dichiarazione rilasciata dall’Ufficio del Primo Ministro armeno.

La richiesta è arrivata dopo una sessione con il Consiglio di sicurezza armeno e una telefonata tra il primo ministro armeno Nikol Pashinyan e il presidente russo Vladimir Putin, secondo una dichiarazione rilasciata dall’ufficio di Pashinyan.

Russia In precedenza aveva schierato quelli che descriveva come forze di pace nella regione dopo aver mediato un cessate il fuoco all’inizio di novembre 2020, ponendo fine a un conflitto di quasi due mesi che ha ucciso almeno 6.500 persone, secondo Reuters.

Martedì Pashinyan ha anche parlato con il Segretario di Stato americano Anthony Blinken, chiedendo una “risposta adeguata” dalla comunità internazionale in risposta a quella che Pashinyan ha definito “l’aggressione dell’Azerbaigian contro il territorio sovrano dell’Armenia”, ha affermato il suo ufficio in un comunicato stampa. dichiarazione.

Lunedì sera, Blinken ha chiesto “l’immediata cessazione delle ostilità”.

“Gli Stati Uniti sono profondamente preoccupati per le notizie di attacchi lungo il confine armeno-azero, compresi gli attacchi segnalati contro insediamenti e infrastrutture civili all’interno dell’Armenia”, ha affermato Blinken in una nota. Come abbiamo chiarito da tempo, non ci può essere una soluzione militare al conflitto. Chiediamo la fine immediata di qualsiasi ostilità militare”.

READ  Politica cinese senza Covid: la censura ripulisce Internet dopo il discorso di un alto funzionario sulla cronologia di Pechino

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews