Rocket Lab acquisisce un booster che cade dallo spazio con un elicottero

Raccogli un razzo abbattuto e riportalo a riva…

Martedì (lunedì sera a New York), Rocket Lab, una piccola compagnia con un piccolo razzo, ha compiuto la prima metà di questa impresa durante il suo ultimo lancio dalla costa orientale della Nuova Zelanda.

Dopo aver inviato in orbita un carico utile di 34 piccoli satelliti, la compagnia ha utilizzato un elicottero per catturare lo stadio booster utilizzato per il razzo lungo 39 piedi prima che precipitasse nell’Oceano Pacifico.

In futuro, Rocket Lab spera di ricostituire un booster recuperato e quindi utilizzarlo in un’altra missione orbitale, un’impresa che solo un’azienda ha raggiunto finora: SpaceX di Elon Musk.

Un flusso video dall’elicottero mostrava un lungo filo sospeso dall’aereo con un cielo coperto sotto. Poi il booster è apparso penzolante sotto il baldacchino.

“Eccoci qui, abbiamo il nostro primo assaggio”, ha detto Muriel Baker, commentatore durante la trasmissione Rocket Lab. Un gancio aggrovigliato all’estremità del cavo dell’elicottero ha causato il malfunzionamento della linea del paracadute prima che il booster catturato oscillasse fuori dalla visuale della telecamera.

Inizialmente, gli applausi del centro di controllo della missione Rocket Lab hanno confermato il suo successo.

Tuttavia, l’azienda ha successivamente fornito un aggiornamento che si è qualificato per il successo. Peter Beck, amministratore delegato di Rocket Lab, ha dichiarato su Twitter che i piloti di elicotteri hanno riferito che il booster non era sospeso sotto l’elicottero come durante i test dei piloti e che lo hanno lasciato andare nell’oceano, dove è stato recuperato dal Rocket Lab nave.

Rocket Lab dà alla maggior parte dei suoi compiti nomi eccentrici. Questo è stato chiamato “There and Back Again”, un cenno al ripristino dell’aumentatore così come il sottotitolo del romanzo di JRR Tolkien “Lo Hobbit”. La trilogia di Lo Hobbit, diretta da Peter Jackson, è stata girata in Nuova Zelanda.

Enhanced Hunting di Rocket Lab è l’ultimo progresso in un settore in cui i razzi sono stati troppo costosi per essere monouso. Il riutilizzo totale o parziale di uno riduce il costo del trasporto di carichi utili nello spazio e può accelerare il ritmo di lancio riducendo il numero di razzi che devono essere costruiti.

“L’ottanta per cento del costo dell’intero razzo in quella prima fase, in termini di materiali e manodopera”, ha affermato Peter Beck, amministratore delegato di Rocket Lab, in un’intervista venerdì.

SpaceX ha aperto la strada a una nuova era di razzi riutilizzabili, e ora atterra e fa volare regolarmente i primi stadi dei suoi razzi Falcon 9 ancora e ancora. I secondi stadi di Falcon 9 (così come il razzo Electron di Rocket Lab) sono ancora trascurati e di solito bruciano mentre si rientra nell’atmosfera terrestre. SpaceX sta progettando il suo super razzo di nuova generazione, la Starship, per essere completamente riutilizzabile. Concorrenti come Blue Origin, United Launch Alliance e aziende cinesi stanno sviluppando missili che possono essere almeno parzialmente riutilizzati.

Le navette spaziali della NASA erano parzialmente riutilizzabili, ma richiedevano un lavoro laborioso e costoso dopo ogni volo e non mantenevano le promesse di operazioni simili a quelle di un aereo.

Per il Falcon 9, il razzo booster viene sparato più volte dopo che si è separato dai secondi stadi, rallentandolo nel suo percorso verso una posizione tranquilla su una piattaforma galleggiante nell’oceano o una posizione sulla terraferma. L’elettrone è un razzo molto più piccolo, il che rende più difficile il riutilizzo.

READ  La NASA inizia il conto alla rovescia per la fine della missione Insight su Marte

“Devi spendere tutto il tuo carburante solo per portare a termine i compiti”, ha detto il signor Beck. Ciò escludeva la possibilità di atterraggi di spinta come i booster Falcon 9.

Invece, gli ingegneri di Rocket Lab hanno escogitato un approccio più efficiente in termini di consumo di carburante, aggiungendo un sistema di propulsori che espellono il gas freddo per guidare il booster mentre cade e una protezione termica per proteggerlo da temperature superiori a 4.300 gradi Fahrenheit.

Il booster si staccò dal secondo stadio a un’altitudine di circa 50 miglia e durante la discesa accelerò fino a 5.200 mph.

“Se arriviamo a un appartamento, diciamo, di lato, il missile si esaurirà”, ha detto il signor Beck. “Quindi dobbiamo dirigere e controllare quel primo stadio per spegnere lo scudo termico e gli attuatori attraverso l’intero profilo di volo”.

L’attrito atmosferico fungeva da freno. Circa 7 minuti, 40 secondi dopo il decollo, la velocità di caduta del booster è rallentata a meno del doppio della velocità del suono. A quel punto è stato dispiegato un piccolo paracadute chiamato drogue, che ha aggiunto ulteriore trazione. Il baldacchino principale più grande ha rallentato il booster a una velocità più confortevole.

Rocket Lab ha dimostrato in tre lanci precedenti che i booster di elettroni possono sopravvivere di nuovo. Ma in quelle missioni, i booster sono stati sparpagliati nell’oceano e poi ritirati per un’ispezione.

Questa volta, un elicottero Sikorsky S-92 in bilico ha incontrato il booster d’aria, tirando un cavo a uncino che si aggrappava attraverso la linea tra i paracadute rotanti e i paracadute principali.

Con quasi tutto il carburante esaurito, il booster era molto più leggero di quanto non fosse al momento del lancio. Ma era ancora un pesante pezzo di metallo: un cilindro di quattro piedi di diametro e della lunghezza di un edificio di quattro piani e pesava quasi 2.200 libbre, o una tonnellata.

READ  Il razzo New Moon della NASA, il razzo più potente di sempre, decolla per la prima volta

Il signor Beck alla fine ha detto che Rocket Lab vorrebbe rinforzi per circa la metà delle sue missioni. Il peso aggiunto di propulsori, paracadute e protezione termica riduce il carico utile di 550 libbre dal 10 al 15 percento.

dopo questo mese, Rocket Lab può lanciare CAPSTONE, una missione finanziata dalla NASA ma gestita privatamente che studierà una traiettoria altamente ellittica attorno alla Luna per l’utilizzo da parte di una futura stazione spaziale lunare statunitense. Entro la fine di quest’anno, Rocket Lab spera di iniziare a utilizzare il suo secondo sito di lancio a Wallops Island, in Virginia.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews