Recente guerra Russia-Ucraina e notizie Zhelensky: annunci in diretta

Per decenni, il petrolio greggio proveniente dalla Russia è confluito in un’enorme raffineria nella città industriale di Schwedt sul fiume Oder in Germania, che impiega migliaia di lavoratori ed è una fonte affidabile di benzina, carburante per aerei e olio da riscaldamento per i residenti di Berlino. .

Ora, gli Stati membri dell’UE stanno lottando per essere d’accordo Termini del divieto di petrolio Per punire Mosca per la sua invasione dell’Ucraina, la raffineria di Schweitz è diventata un importante ostacolo negli sforzi della Germania per erodere la sua fiducia nel petrolio russo. L’occasione ha sensibilizzato i 1.200 dipendenti della raffineria.

La Germania fa affidamento sulla Russia per un terzo del suo petrolio.

In un video volto a spiegare la situazione ai tedeschi, il sig. disse Hebeck. La maggior parte di quel petrolio russo proviene da una raffineria di Schwartz.

Questa raffineria è un simbolo di quanto profondamente il fabbisogno di petrolio e gas della Germania sia legato ai suoi giganteschi esportatori di energia nell’est. La raffineria PCK – le cui radici nella Germania orientale prendono il nome dalla Petrolchemisches Kombinat o Petrolchimica Combine di proprietà statale – è di proprietà della compagnia petrolifera statale russa Rosneft. È collegato all’oleodotto Trushpa di epoca sovietica, uno dei più lunghi al mondo, che porta petrolio dai pozzi siberiani all’Europa occidentale.

È parte integrante del fabbisogno energetico della Germania, poiché produce carburante per le aree vicine, tra cui Berlino e la Polonia, le città più grandi della Germania. La disponibilità di petrolio a sufficienza per sostituire i 12 milioni di tonnellate di greggio che vengono lavorati ogni anno nella squat settentrionale attraverso i porti tedeschi e polacchi è solo una parte del mistero, ha detto Rosneft, aggiungendo che i funzionari tedeschi non erano interessati a far funzionare la raffineria . Petrolio non russo.

debito…Philip Singer / EPA, tramite Shutterstock

Per affrontare questo problema, la scorsa settimana il parlamento tedesco ha approvato una legge che semplificherebbe il sequestro di infrastrutture essenziali di proprietà straniera per prevenire un’emergenza nazionale. Funzionari tedeschi affermano che la nuova legge consentirà a Berlino di garantire che Berlino fornisca abbastanza petrolio fino a quando un’altra società non verrà trovata per acquistare le azioni di Rosneft.

READ  Vincitori dei Producers Association Awards 2022 (aggiornamento in tempo reale)

Guscio, la più grande compagnia energetica europea, con una partecipazione del 37,5% in PCK, ha recentemente affermato che sosterrà la raffineria per “mantenere le forniture alla regione anche a scapito delle perdite economiche”. L’anno scorso, Rosneft ha cercato di vendere la sua partecipazione nella raffineria di proiettili e Rosneft ha cercato di acquistarla, ma il ministero dell’Economia tedesco, che pesa sugli aspetti politici e strategici degli investimenti esteri, non ha ancora approvato la transazione.

Un’altra compagnia energetica, Alkmeen, Una parte del gruppo Liwathon, una holding energetica britannica di proprietà privata, ha espresso interesse a investire in Schwedt. “Possiamo fornire sicurezza e pieno utilizzo della distribuzione della raffineria PCK attraverso i porti tedeschi senza sussidi governativi”, ha affermato Alcmene in una dichiarazione via e-mail.

debito…Catherine Barella per il New York Times

Il presidente Olaf Scholes ha chiarito di essere consapevole delle preoccupazioni che circondano la raffineria e che garantire il suo futuro è una priorità.

In una recente riunione del suo partito nello stato del Brandeburgo, ha detto: “Stiamo osservando da vicino come questo può davvero funzionare”. “Ci assicureremo anche che i dipendenti non siano lasciati soli”.

I timori che i licenziamenti sarebbero stati in un angolo ha attirato centinaia di lavoratori, molti vestiti con l’arancione brillante e verde selvaggio ufficiale di PCK, alla mensa dell’azienda questo mese. Sono venuti a incontrare Hebek in stile municipio.

Come altre parti dell’ex Germania dell’Est, Schwartz ha subito diffuse perdite di posti di lavoro dopo il crollo del comunismo. I ricordi del 25 per cento di disoccupazione perseguitano ancora la regione.

READ  Plutone ha enormi iceberg che indicano la possibilità della vita

Inoltre, la raffineria non è solo una fonte di petrolio e di reddito; È anche il simbolo della città. Dopo che l’Unione Sovietica rase al suolo Schwart alla fine della seconda guerra mondiale, l’arrivo dell’oleodotto – il cui nome, Trushpa, significa amichevole in russo – e la raffineria attirò migliaia di lavoratori e le loro famiglie alla fine degli anni ’60, attirando posti di lavoro sicuri. Lo slogan di PCK: “Stiamo spostando Berlino e il Brandeburgo!”

Oggi, circa un decimo delle 30.000 persone della città ha posti di lavoro sicuri nei sindacati nelle raffinerie e nelle industrie ausiliarie. Molti lavoratori hanno detto al sig. Hanno usato l’incontro con Hebek per mettere in discussione l’atteggiamento del governo.

debito…Jens Schlueter / Agence France-Presse – Getty Images

“Perché dovremmo togliere e bandire un partner commerciale di cui si è fidato e sempre fornito per decenni?” Ha chiesto qualcuno che si è identificato come aver lavorato alla raffineria per 27 anni.

“Il mio desiderio è davvero di sbarazzarmi completamente dell’oleodotto di Trushpa”, ha detto un’altra dipendente che si è identificata come madre di tre bambini piccoli. “Non c’è alternativa redditizia.”

I dipendenti che hanno parlato durante l’evento non sono stati identificati e ai giornalisti è stato chiesto di proteggere la loro privacy.

Sig. Hebek ha cercato di rassicurare la folla sul fatto che la raffineria avrebbe continuato a funzionare. “Se tutto funziona sulla carta”, il greggio dalla Norvegia o dal Medio Oriente potrebbe essere spedito dai porti di Rostock, Danzica in Germania e Polonia, entrambi collegati alla raffineria da gasdotti.

Allo stesso tempo, ha riconosciuto che c’erano diversi punti nel processo.

READ  Rory McIlroy guida la US PGA mentre Tiger Woods lotta con il dolore alle gambe | PGA USA

L’impianto PCK, come altre raffinerie, è progettato per elaborare alcuni tipi di petrolio greggio dalla Russia. Il greggio di altri paesi dovrebbe essere miscelato con il petrolio nei serbatoi di riserva sulla costa nord-occidentale della Germania per formare una miscela adeguata.

Ci sarebbero voluti sette giorni di viaggio via mare per ottenere quella riserva di petrolio all’oleodotto di Rostock, poiché nessun tubo aveva attraversato l’ex confine che separava la Germania orientale e occidentale e il principale direttore del trasporto ferroviario di merci del paese non aveva quasi auto petrolifere.

Un altro possibile problema: il governo polacco si rifiuta di lavorare con le compagnie russe e dice ai funzionari tedeschi che il petrolio non arriverà da Danzica finché sarà interessato alla raffineria di Rosneft.

debito…Catherine Barella per il New York Times

“Non possiamo essere completamente sicuri di quello che stiamo facendo”, ha detto. Hebeck ha detto al personale delle pulizie. “Ma almeno è stato completamente discusso e pensato”.

Alla fine, il sig. Hebek e i funzionari locali vogliono vedere la raffineria abbandonare i combustibili fossili e concentrarsi sulle energie rinnovabili. Negli ultimi anni, PCK ha investito in combustibili sintetici a base di idrogeno. Verbio, che produce etanolo da fonti locali, opera nel sito della raffineria e immette bioenergia nel sistema di riscaldamento della città.

I funzionari a Berlino hanno sottolineato l’attrattiva economica della regione circostante, indicando il nuovo completamento Stabilimento di assemblaggio Tesla E l’annuncio di Intel a Impianto di produzione di chip da 19 miliardi di dollari. Entrambe le società sono state ispirate dalla pura energia rinnovabile, ha affermato Carsten Schneider, portavoce del presidente Scholes nell’est. Ha anche parlato con i residenti di Schwartz, in Germania.

“Assicuro loro che il governo tedesco non li abbandonerà, ma lavorerà per una soluzione a breve termine per conservare il petrolio altrove e per una ristrutturazione a lungo termine verso la produzione di energia rinnovabile”, ha affermato.

Il sindaco della città, Annakathrin Hope, ha dichiarato che vorrebbe allestire un campus per start-up, incubatori e altri innovatori energetici vicino alla raffineria per promuovere la transizione verso la produzione di energia verde. Ma ha detto che richiederebbe “milioni o miliardi”.

debito…Catherine Barella per il New York Times

Ha detto che sebbene i politici di Berlino fossero più concentrati sulla sua città, non aveva ancora visto scadenze o promesse ferme o promesse di assistenza finanziaria che le persone sarebbero state in grado di mantenere il proprio lavoro.

“E’ stato un buon inizio”, ha detto delle emozionanti visite delle ultime settimane. “Ma questo è solo l’inizio.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews