Phil Mickelson e altri si ritirano dalla causa LIV Golf contro il PGA Tour

Phil Mickelson, il volto del caso antitrust federale contro il PGA Tour, si è ritirato dalla causa, insieme ad altri tre giocatori di LIV Golf.

Mickelson ha ufficialmente respinto le sue accuse contro il PGA Tour martedì mattina, secondo le notifiche depositate presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti nel nord della California, insieme ai golfisti LIV Taylor Gotch, Ian Poulter e Hudson Swafford.

Erano tra gli 11 golfisti che hanno citato in giudizio il PGA Tour il 3 agosto, sostenendo che il tour ha danneggiato le loro carriere essendo sospeso dagli eventi PGA e ostacolato gli sforzi di LIV Golf per lanciare un campionato competitivo.

Ora sono rimasti solo tre golfisti: Bryson Deschamps, Matt Jones e Peter Oehlen. LIV Golf, la controversa startup finanziata dall’Arabia Saudita che ha ribaltato il mondo del golf professionistico, inizialmente non era parte del caso, ma Si è unito alla causa il 26 agosto.

LIV Golf si unisce ai suoi giocatori nella causa, intensificando la faida con il PGA Tour

“Sono concentrato sull’andare avanti e sono molto felice di far parte di LIV, mentre sono anche grato per il mio tempo nel Tour”, ha detto Mickelson in una nota. “Sono lieto che i giocatori del Tour siano finalmente stati ascoltati, rispettati, apprezzati e beneficiato dei recenti cambiamenti. Con LIV coinvolta in questi problemi, i diritti dei giocatori saranno protetti e non lo ritengo più necessario per di far parte del procedimento”.

Uscendo dalla causa in una fase iniziale, i giocatori non hanno necessariamente lo stesso livello di esposizione alla scoperta e LIV Golf emerge come il nemico principale nell’aula del PGA Tour mentre persegue rivendicazioni antitrust.

READ  I giganti del sipario invitano Saquon Barkley e Daniel Jones? Precedente Top 10 scelte identificate sotto la guida di Brian Dabol

“Non è cambiato nulla. Il merito del caso – il comportamento anticoncorrenziale durante il PGA Tour – rimane e sarà completamente testato in tribunale”, ha affermato Jonathan Grilla, portavoce di LIV Golf. LIV sta con i giocatori che sono stati trattati molto male dal PGA Tour, ma riconosciamo anche che per avere successo non abbiamo più bisogno di una vasta gamma di giocatori con cui vestirsi.

Due giocatori che si sono ritirati dalla causa martedì – Gooch e Swafford – hanno tentato senza successo di entrare nei playoff della FedEx Cup nel PGA Tour cercando un ordine restrittivo temporaneo nel caso. Il giudice distrettuale degli Stati Uniti Beth Lapson Freeman ha negato la loro richiesta Il mese scorso, si diceva che i giocatori non fossero riusciti a dimostrare di essere stati squalificati dall’evento di fine stagione del tour che ammontava a “danni irreparabili”.

“Ora che abbiamo superato la stagione del PGA Tour e con LIV coinvolta in queste importanti questioni, non è necessario che io rimanga parte della causa”, ha detto Swafford in una nota. “Ho fiducia che questo caso dimostrerà il comportamento anticoncorrenziale del PGA Tour”.

Quattro dei querelanti nella denuncia iniziale si sono ritirati dalla causa: Abraham Anser, Jason Kokrac, Pat Perez e Carlos Ortiz.

Il PGA Tour ha negato le accuse antitrust e dovrebbe fornire la sua risposta ufficiale al reclamo LIV Golf modificato questa settimana. L’inizio del processo è attualmente previsto per gennaio 2024.

La LIV Golf Invitational Series terrà il suo sesto evento la prossima settimana a Bangkok. Da quando ha lanciato LIV all’inizio di quest’anno, attirando molti dei più grandi nomi del PGA Tour con contratti a otto e nove cifre, il PGA Tour è stato Ha dovuto fare grandi cambiamentiaumentando i portafogli dei tornei, rafforzando il sistema di ricompense e assicurando che i primi 20 giocatori gareggeranno in almeno 20 eventi, comprese le qualificazioni ai Big Four e alla FedEx Cup.

READ  'Cause for rabbia' - L'allenatore di Novak Djokovic Ivanisevic prega per i fan di sostenere Rafael Nadal agli Open di Francia

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews