Perché i media hanno annunciato due volte la morte di Anne Heck?

Segnaposto durante il caricamento delle azioni dell’articolo

e diamine è morto venerdìSecondo il Los Angeles Times nella sua città natale. o morto domenicaSul New York Times e altri.

Tra quelle date, l’attrice 53enne era in un’ambiguità mortale che ha sfidato i media per analizzare una domanda legale, e persino filosofica: quando è morto qualcuno?

La famiglia Heche ha rivelato di essere morta cerebrale la scorsa settimana dopo un incidente d’auto il 5 agosto. Ciò ha spinto alcune testate giornalistiche a denunciare la sua morte, sulla base di una lettura Legge californiana. La legge recita: “L’individuo che ha sofferto… una cessazione irreversibile di tutte le funzioni dell’intero cervello, compreso il tronco cerebrale, è morto”.

Ma Heche è rimasta in vita per altri due giorni in modo che i suoi organi potessero essere prelevati per la donazione. Quando l’addetto stampa di Heche ha confermato che era stata tolta dalle macchine di supporto vitale nella tarda notte di domenica, le testate giornalistiche hanno pubblicato una nuova serie di notizie che riportavano la sua morte.

L’attrice Anne Heche è stata tolta dal supporto vitale il 14 agosto, dopo essere stata dichiarata morta in un grave incidente d’auto a Los Angeles nove giorni prima. (Video: Reuters, Foto: Jordan Strauss/Invision/Associated Press/Reuters)

Questa non è la prima volta che la morte di una celebrità è stata accompagnata da confusione pubblica. Ma il caso di Heche era particolarmente insolito, poiché la data della morte si basa su definizioni contrastanti di cosa significhi morire.

Heche era, a detta di tutti, in gravi condizioni venerdì mattina, una settimana dopo Mini Cooper si schianta contro una casa a Los Angeles, provocando un incendio. Senza apparente attività cerebrale, è stata tenuta su macchine di supporto vitale in attesa della valutazione dei suoi organi.

Tuttavia, TMZ, il sito di notizie di intrattenimento che è spesso il primo a segnalare la morte di celebrità, ha pubblicato una notizia venerdì alle 11:19, ora di Los Angeles. sotto il titolo, “Ann Heck è morta a 53 anni.” La storia diceva: “Il suo rappresentante dice a TMZ che Ann è ‘cerebrale morta’ e secondo la legge della California questa è la definizione di morte”.

La rivista People ha presto seguito un rapporto simile, come ha fatto Los Angeles Times. Entrambi notano nel corpo delle loro storie che Heche è legalmente morta, anche se il suo corpo è ancora funzionante. (Il Daily Mail, IN Allerta Reuters, ha dichiarato in modo impreciso che Heche è morto venerdì dopo essere stato rimosso dai dispositivi di supporto vitale; Un portavoce del Daily Mail ha detto che i redattori hanno aggiornato la sua storia, ma non hanno emesso una correzione.)

READ  I brontolii di protesta degli Oscar potrebbero essere capovolti - Scadenza

Altre fonti di notizie hanno spiegato la distinzione in anticipo. Il giornalista di Hollywood Il titolo della sua storia Venerdì: “Anne Heshe annuncia la morte cerebrale, ancora viva dopo l’incidente d’auto, dice il rappresentante”. Il Washington Post ha fatto lo stesso.

Alcuni dei primi rapporti hanno aiutato con le dichiarazioni dei membri della famiglia di Heche che annunciavano la sua morte. Le testate giornalistiche in genere si affidano ai membri della famiglia per confermare la morte di un parente.

“Mia madre Atlas ed io abbiamo perso nostra madre”, ha detto venerdì il figlio di Heche, Homer Laffoon, in una dichiarazione ampiamente riportata. “Dopo sei giorni di sconvolgimenti emotivi quasi incredibili, ho lasciato un dolore profondo e silenzioso… Riposa in pace mamma, ti voglio bene.”

diverso, Chi ha indicato che Heche era ancora tecnicamente vivo, venerdì ha pubblicato una dichiarazione attribuita alla “famiglia e agli amici” di Heche: “Oggi abbiamo perso una luce brillante, un’anima gentile e allegra, una madre amorevole e un amico leale”, si legge in parte . La pubblicazione ha pubblicato una storia di follow-up domenica sera affermando che le erano stati tolti i dispositivi di supporto vitale, ponendo fine a tutti i segni di vita.

Hilary Manning, portavoce del Times, ha affermato che la legge della California e le dichiarazioni sulla famiglia hanno spinto il Los Angeles Times a tenere il passo con la notizia della morte di Hechey venerdì. Ha detto che i giornalisti del giornale avevano “confermato” con la sua famiglia che era morta.

Ma questo non era abbastanza buono per gli altri. Il New York Times ha dichiarato di aver sospeso la pubblicazione Il necrologio di Heche Fino a domenica, quando la sua morte è stata “ufficialmente confermata” e “per rispetto della famiglia”, secondo la sua portavoce, Nassim Amini.

READ  Pat Sajak rivela che potrebbe lasciare "Wheel of Fortune" dopo la stagione 40: "La fine è vicina"

Ciò ha lasciato i fan di Heche e il pubblico in generale persi durante il fine settimana.

intoppo Pagina Wikipedia Ha subito una serie di revisioni mentre gli utenti discutevano delle sue condizioni, cambiando la sua data di morte prima di cancellarla completamente ad un certo punto. A partire da lunedì sera, la sua voce registra la data della sua morte solo come “agosto 2022”, con una nota a piè di pagina che spiega: “C’è una certa confusione su quando sia morta davvero fino a quando il certificato di morte ufficiale non sarà reso pubblico”.

Adam Bernstein, editore di necrologi per il Washington Post, ha affermato che il giornale non riconosce la morte cerebrale, a volte parziale, come un chiaro segno di morte.

“È in bianco e nero. Non ci sono aree grigie qui. Se sei in vita, sei ancora vivo”, ha detto Bernstein. Altre pubblicazioni possono esprimere il proprio giudizio su quando ti senti a tuo agio nel pubblicare. Mi sento a mio agio quando muore Qualcuno “.

Anche altri la vedevano in questo modo, nonostante le dichiarazioni della legge sulla famiglia e della California. “Abbiamo scelto di aspettare fino a quando non le è stato tolto il supporto vitale”, ha affermato Mike Barnes, redattore senior di The Hollywood Reporter, che ha scritto centinaia di necrologi per la pubblicazione, incluso Heche.

Una persona vicina alla famiglia Heche, che ha parlato in condizione di anonimato per descrivere le delicate conversazioni, è stata solidale con i giornalisti. Penso che nessuno abbia fatto qualcosa di sbagliato dal punto di vista giornalistico o etico. “La famiglia non è arrabbiata con nessuno”, ha detto questa persona. “Era una situazione complicata quando si mantiene in vita un corpo per prelevare organi. Ma questo era il desiderio di Anne. Fa parte della sua eredità”.

Bernstein ha suggerito che la fretta di diffondere la notizia potrebbe raccontare una storia più ampia sul valore di essere il primo a denunciare la morte di una celebrità nell’era di Internet.

READ  La foto di Aamir Khan da San Francisco diventa virale, l'attore Laal Singh Chaddha dice ai fan: "Sto solo andando in giro"

I necrologi un tempo erano un angolo tranquillo della stampa quotidiana, ma la morte di una figura di spicco oggigiorno può generare flussi massicci di lettori. Di conseguenza, alcune testate giornalistiche memorizzano Centinaia di “candidati”Un necrologio prescritto a persone conosciute può essere affisso entro pochi minuti dalla morte confermata.

Ma alcune morti non sono affatto morti. C’è una lunga storia di primi rapporti sulla scomparsa delle celebrità, che risale a decenni fa. Le cause vanno da ingannarela pubblicazione occasionale di esenzioni anticipate e informazioni imprecise, in genere da parte di familiari, partner commerciali e funzionari governativi.

Le agenzie di stampa, ad esempio, hanno riportato prematuramente la morte La rockstar Tom Petty Nel 2017, secondo una fonte del dipartimento di polizia di Los Angeles. L’attrice Tanya Roberts La sua morte è stata segnalata il giorno prima della sua morte l’anno scorso a causa della disinformazione del suo addetto stampa, che faceva affidamento sul partner di Roberts. Registi protagonisti di “Leave It to Beaver”. Tony Dow Ha dovuto ritirare un post prematuro su Facebook che annunciava la sua morte il mese scorso dopo che sua moglie aveva erroneamente detto loro che l’attore gravemente malato era stato dichiarato morto. Morì un giorno dopo.

“Devi stare attento a non essere il primo ma a sbagliare”, ha detto Bernstein. “Se lo giochi in modo conservativo, potresti sacrificare alcuni clic, ma i tuoi lettori si fideranno di più a lungo termine”.

Una precisazione

Una versione precedente di questo articolo si riferiva al caso di Terri Schiavo, una donna che ha trascorso sette anni in stato vegetativo prima di morire. Riferimento rimosso perché sembrava creare un’equivalenza tra morte cerebrale e stato vegetativo. Anche una frase secondo cui il Washington Post non riconosce la morte cerebrale come un chiaro segno di morte è stata aggiornata per chiarire che la morte cerebrale può essere parziale.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews