PCI-SIG avverte di potenziali rischi di sovracorrente/sovracorrente con connettori 12VHPWR che utilizzano PSU non ATX 3.0 e prese per adattatori Gen 5

Con l’imminente lancio della prossima generazione, uno dei componenti principali che gli utenti potrebbero voler aggiornare per il proprio PC è l’alimentatore. Ciò è dovuto ai nuovi requisiti e standard che sono stati messi in atto per fornire energia sostenibile e pulita, evitando qualsiasi problema relativo alle altitudini di transito e ai voli a motore. Sebbene ci siano molti produttori che combinano connettori Gen 5 (12VHPWR) con alimentatori esistenti, ecco perché è un’opzione molto migliore investire in un vero alimentatore compatibile con ATX 3.0.

Ecco perché dovresti procurarti un alimentatore compatibile con ATX 3.0 con i giusti connettori Gen 5 (12VHPWR)

I produttori di alimentatori si stanno preparando per un importante lancio di prodotti Nuovo design ATX 3.0s ma ci sono anche alcuni produttori che stanno raggruppando alimentatori ATX 2.0 esistenti con connettori Gen 5. Come previsto, le prossime schede grafiche saranno davvero assetate di energia e richiederanno fino a 600 watt di potenza.

Che cos’è un connettore 12VHPWR?

Il connettore di alimentazione ausiliaria 12VHPWR è progettato per fornire fino a 600 W direttamente a schede PCIe* aggiuntive. Questo connettore di alimentazione non è compatibile con i connettori di alimentazione ausiliari 2×3 o 2×4 esistenti. I pin di alimentazione del connettore 12VHPWR hanno una spaziatura di 3,0 mm mentre i contatti sui connettori 2×3 e 2×1 sono più grandi di 4,2 mm. Il connettore di alimentazione ausiliaria 12VHPWR include dodici contatti grandi per il trasporto di alimentazione e quattro contatti più piccoli sotto il trasporto del segnale della banda laterale.

Specifiche del connettore ATX 3.0 12VHPWR

I requisiti di prestazione del conduttore sono i seguenti:

  • Corrente nominale del pin di alimentazione: (esclusi i contatti della banda laterale) 9,2 Amp per pin/posizione con un massimo di 30°C T-aumento al di sopra delle condizioni di temperatura ambiente a = 12 VDC con tutti i dodici contatti eccitati. Il corpo del connettore dovrebbe visualizzare un’etichetta o una lettera H+ in rilievo per indicare il supporto per 9,2 A/pin o superiore. Vedere la posizione approssimativa del segno sull’intestazione PCB ad angolo retto 12VHPWR (R/A).

ATX 3.0 Gen 5 vs ATX 2.0 Gen 5, qual è la differenza?

Per raggiungere il requisito di alimentazione di 600 W, le schede grafiche saranno dotate di un’intestazione PCIe Gen 5 (12VHPWR) o di tre intestazioni a 8 pin. Se stai utilizzando un alimentatore ATX 2.0 esistente, l’unica opzione che hai è utilizzare un adattatore Gen 5 o tre connettori a 8 pin per avviare la scheda. Nel caso di un alimentatore ATX 3.0 con la spina Gen 5 proveniente dall’unità principale, non devi preoccuparti di eventuali adattatori in quanto sarebbe una connessione diretta dall’alimentatore alla scheda grafica.

READ  I fan di Genshin Impact sono sconvolti dalle fughe di notizie "bianche" di Sumeru

Ora dico alla maggior parte dei produttori che l’utilizzo di un convertitore standard da 8 pin a 12VHPWR dovrebbe funzionare correttamente, ma secondo PCI-SIG non è così. Come puoi vedere, il connettore 12VHPWR Gen 5 è progettato per gestire un carico fino a 600 watt mentre il connettore a 8 pin è progettato per gestire un carico massimo di 150 watt. È qui che entrano in gioco i rischi per la sicurezza.

Quello che segue è un messaggio PCI-SIG inoltrato via mail riguardante i rischi per la sicurezza associati all’uso di alimentatori di quinta generazione non compatibili con ATX 3.0:

Gentile membro PCI-SIG,

Tieni presente che PCI-SIG ha riconosciuto che alcune applicazioni di connettori e assiemi 12VHPWR hanno mostrato variazioni termiche, che possono causare problemi di sicurezza in determinate condizioni. Sebbene la specifica PCI-SIG fornisca le informazioni necessarie per l’interoperabilità, non tenta di includere tutti gli aspetti di una progettazione appropriata, basandosi su molti metodi di settore noti e pratiche di progettazione standard. Poiché i gruppi di lavoro PCI-SIG includono molti esperti nel campo della progettazione di connettori e sistemi, prenderanno in considerazione le informazioni disponibili su questo problema del settore e assisteranno con qualsiasi soluzione in qualsiasi misura sia appropriata.

Man mano che emergono ulteriori dettagli, PCI-SIG potrebbe fornire ulteriori aggiornamenti. Nel frattempo, consigliamo ai membri di lavorare a stretto contatto con i fornitori di connettori e di esercitare la due diligence nell’uso di connessioni ad alta potenza, in particolare quando ci sono problemi di sicurezza.

Grazie,

La posta afferma chiaramente che esistono rischi per la sicurezza associati ai connettori PCIe Gen 5 che hanno mostrato una variazione termica in un test PCI-SIG privato. Volevamo entrare nel vivo di questo problema e scoprire cosa lo ha causato in primo luogo e cosa abbiamo fatto nei risultati del test di seguito.

READ  Stardew Valley Creator condividerà l'aggiornamento quando verrà rilasciata la versione 1.6

I test nel mondo reale mostrano un carico non sufficientemente bilanciato con gli inverter di potenza 5G

Quindi, per capire il calore e, soprattutto, la varianza di alimentazione tra un singolo connettore Gen 5 e un adattatore 3x da 8 pin a Gen 5, abbiamo utilizzato un alimentatore Gen 5 esistente di un produttore leader di alimentatori. Viene impostato un ambiente di carico da 600 W e viene utilizzato un adattatore Gen 5 con un connettore 12VHPWR su un’estremità e due connettori a 8 pin sull’altra. Il connettore 12VHPWR è collegato alla GPU mentre due connettori a 8 pin sono collegati all’interno dell’alimentatore.

I due connettori a 8 pin fornivano ciascuno un massimo di 25 ampere o circa 300 watt di potenza, il doppio della potenza di picco di 150 watt. È qui che il PCI-SIG rileva che deriva dalla varianza termica, ma non solo dall’elevata potenza che attraversa i connettori a 8 pin, c’è anche un problema con il modo in cui il carico viene bilanciato attraverso il trasformatore.

Nel secondo test, abbiamo impostato un carico di prova di 450 W con una scheda grafica NVIDIA GeForce RTX 3090 Ti. Qui, abbiamo utilizzato l’adattatore di riferimento fornito con la scheda e i connettori da 12VHPWR a 3x 8 pin. Qui, invece di dividere il carico in modo uniforme su tutti e tre i conduttori, un conduttore a 8 pin passa attraverso 23,5 ampere o 282 watt mentre il resto dei conduttori assorbe 6-8 ampere (80-100 watt). Ciò significa che esiste ancora un problema di sicurezza con un singolo connettore a 8 pin anche se si utilizzano tre prese.

Alcuni cavi del trasformatore che utilizzano materiali migliori come la lega di rame possono consentire più di 7 ampere per pin, 21 ampere da tre pin, ma anche in questo caso nessuno può garantire stabilità e sicurezza per casi di utilizzo lunghi, specialmente con 3 volte l’alimentazione.

Un connettore Gen 5 può gestire fino a 55 amp, quindi 600 watt (50 amp) rientrano in questo e lo standard ATX 3.0 costruito attorno ad esso può mantenere picchi transitori 3x. I dettagli delle due prove sono i seguenti:

Connettore 12VHPWR a adattatore 2 x 8 pin a 600 W Test di carico:

  • 1 connettore a 8 pin = 25,4 A o 304,8 W (incremento 2x oltre 150 W nominale)
  • 1 connettore a 8 pin = 25,1 A o 301,2 W (incremento di 2 volte x oltre 150 W)
READ  Nuovo monitor gaming Alienware AW3423DW 34" QD-OLED ora disponibile presso Dell

Connettore 12VHPWR a adattatore 3 x 8 pin a 450 W Test di carico:

  • 1 connettore a 8 pin = 25,34 A o 282,4 W (aumento dell’88% rispetto a 150 W nominale)
  • 1 connettore a 8 pin = 7,9 A o 94,8 W (entro una potenza nominale di 150 W)
  • 1 connettore a 8 pin = 6,41 o 76,92 watt (entro una potenza nominale di 150 watt)

L’utilizzo di un connettore Gen 5 direttamente da un alimentatore ATX 3.0 non comporta differenze termiche o di potenza poiché il cavo è classificato per gestire carichi più elevati fino a 600 watt tramite un unico cavo. Questo potrebbe non essere motivo di grande preoccupazione ora, ma dati i 3 volte i picchi di potenza che ci aspetteremmo dalle schede grafiche di nuova generazione (1800 W ~ 600 W x 3), ciò potrebbe portare a sovracorrente e sopraffare il vantaggio della tua PSU, Ciò si traduce in una perdita di alimentazione e lo spegnimento dei computer quando colpiscono un muro di alimentazione. Pertanto, è meglio investire in un alimentatore compatibile con Gen 5 e ATX 3.0 per assicurarsi che il tuo PC funzioni senza intoppi. Forniremo un aggiornamento su questo problema non appena avremo maggiori informazioni dalla comunità di produzione di PSU e PCI-SIG stessi.

Riepilogo:

  • Il connettore 12VHPWR è progettato per 600 W
  • Il connettore a 8 pin è progettato per 150 watt.
  • Con un carico di 600 W/450 W, vengono forniti più di 150 W tramite 8 pin
    Connettore per cavo splitter da 16 pin a 2×8 pin.
  • La corrente non è ben bilanciata sul cavo splitter da 16 pin a 3×8 pin.
  • Connettore 12VHPWR originale per un’elevata richiesta di potenza come la grafica
    carte.

Detto questo, se stai pianificando di costruire un nuovo PC da gioco con un RTX 4090 o un RX 7900 XT, faresti meglio ad assicurarti di ottenere un alimentatore all’interno della rispettiva gamma di watt sullo standard ATX 3.0. Attualmente, molti produttori di alimentatori amano MSIE il AsusE il GBE il gruppo FSP ThermaltakeE il di stagioneE il Pietra d’argento & Testa più fredda Hanno annunciato i loro progetti compatibili con PCIe Gen 5 e ATX 3.0.

Prodotti citati in questo post

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews