Novak Djokovic pronto a saltare Open di Francia e Wimbledon a causa della sua posizione sulla vaccinazione, ha detto alla BBC in un’intervista alla telecamera

Djokovic è entrato in polemica all’inizio di quest’anno dopo aver tentato di entrare in Australia senza un’esenzione vaccinale valida. Open d’Australia.
Prima Djokovic ha pareggiato per il primo grande torneo della stagione di tennis Rafael Nadal Roger Federer con 20 titoli del Grande Slam. Con Djokovic assente, Nadal ha continuato a vincere Open d’Australia, Gli ha dato 21 titoli importanti in singolare, il più grande nel tennis maschile.

Djokovic ha detto alla BBC, che ha descritto l’intervista come esclusiva con il 34enne serbo, di non aver ricevuto alcuna vaccinazione per il Covid-19.

“Non sono mai stato contrario alla vaccinazione”, ha detto Djokovic alla BBC. “Capisco che a livello globale, tutti si stanno impegnando molto per affrontare questo virus e speriamo di vedere presto la fine di questo virus”.

Djokovic ha dichiarato in un’intervista alla BBC di aver compreso le conseguenze della sua decisione di non essere vaccinato, spiegando che: “Capisco che non essendo vaccinato oggi non posso viaggiare per la maggior parte dei tornei in questo momento”.

“È un prezzo che sei disposto a pagare?” ha chiesto il redattore dei media della BBC Amol Rajan Djokovic.

Djokovic ha risposto: “Questo è il prezzo che sono disposto a pagare”.

Poi Rajan Djokovic ha chiesto: “Alla fine, sei pronto a rinunciare alla possibilità di essere il più grande giocatore che abbia mai raccolto una racchetta statisticamente perché ti senti così forte con questo pugno?”

“Sì”, disse Djokovic. “Lo voglio.”

Alla domanda sul perché, Djokovic ha risposto: “Perché i principi per decidere sul mio corpo sono più importanti di qualsiasi titolo o altro. Cerco di essere in sintonia con il mio corpo il più possibile”.

READ  Matthew Stafford di Rams lancia uno stupido passaggio non considerando il Super Bowl LVI, il replay manda i social media in delirio

La CNN ha contattato gli organizzatori degli Open di Francia e Wimbledon per un commento.

L’epico Australian Open

Djokovic è arrivato a Melbourne il 5 gennaio, solo per essere posto in custodia temporanea con il visto revocato perché non aveva un’esenzione medica valida per i requisiti di vaccinazione per tutti gli arrivi.

La squadra di Djokovic ha affermato che la stella del tennis 34enne aveva l’impressione di poter entrare nel Paese perché gli era stata concessa un’esenzione medica dagli organizzatori del torneo, che gli è stata concessa sulla base del fatto che aveva un’immunità naturale dopo aver contratto il Covid-19 a dicembre .

Secondo la legge australiana, le esenzioni mediche sono concesse solo a persone che possono dimostrare di aver subito l’anafilassi dopo una dose precedente, qualsiasi componente di un vaccino o un’immunità significativamente compromessa. Djokovic non rientrava in nessuna delle due categorie.

La settimana successiva, il giudice ha annullato la decisione del governo di revocare il suo visto e ha ordinato il suo rilascio, consentendo a Djokovic di riprendere gli allenamenti agli Australian Open.

Un uomo si fa un selfie con Djokovic all'arrivo all'aeroporto Nikola Tesla di Belgrado, in Serbia.

Tuttavia, in un altro sviluppo pochi giorni prima dell’inizio del torneo, il ministro dell’Immigrazione australiano Alex Hawke ha deciso di revocare nuovamente il visto di Djokovic e il giocatore è stato riportato in custodia.

Hook ha affermato che Djokovic rappresentava un pericolo per la salute e l’ordine pubblico e potrebbe incoraggiare proteste anti-estremismo, che potrebbero aiutare a diffondere Covid-19.

Durante il periodo di due settimane in cui tutto ciò si è svolto, i sostenitori e i critici di Djokovic sono scesi nelle strade di Melbourne, alcuni per protestare contro il fatto che il suo rilascio avesse ridicolizzato i sacrifici che gli australiani avevano fatto per contenere il Covid, mentre altri sostenevano che avesse il diritto di contestare.

READ  Katharina Makariu e Mallory Pugh colgono l'occasione mentre l'USWNT alza la SheBelieves Cup

La sfida legale di Djokovic è fallita la seconda volta, con tre giudici della corte federale che hanno respinto all’unanimità la sua richiesta, dicendo che l’argomento di Hawke non era irragionevole. Djokovic ha lasciato il paese subito dopo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews