Nome delizioso ma niente Big Mac: la Russia apre ristoranti rinominati McDonald’s

12 giugno (Reuters) – Può sembrare e odorare come McDonald’s, ma ora è Vkusno & Tochka. Gli archi dorati sono spariti, il filetto o il pesce è solo un hamburger di pesce. Big Mac ha lasciato la Russia.

Una nuova era di fast food e di scena economica è iniziata domenica in Russia, come McDonald’s (MCD.N) I ristoranti hanno aperto le loro porte a Mosca con una nuova proprietà russa e un nuovo nome che si traduce in “buonissimo e basta”.

L’inaugurazione dei negozi rinominati, più di tre decenni dopo che il gigante americano degli hamburger ha aperto i battenti per la prima volta a Mosca in un simbolico disgelo tra Oriente e Occidente, è ancora una volta un chiaro segno di un nuovo ordine mondiale. La riapertura è avvenuta in occasione del Russia Day, una festa che celebra l’orgoglio nazionale.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Le fortune della catena, che McDonald’s ha venduto quando ha lasciato il Paese a causa del conflitto in Ucraina, potrebbero fornire una prova di quanto bene l’economia russa possa diventare più autosufficiente e resistere alle sanzioni occidentali. Leggi di più

Domenica, dozzine di persone hanno fatto la fila davanti a quello che un tempo era il principale ristorante McDonald’s in piazza Pushkin, nel centro di Mosca. L’outlet portava un nuovo logo – un hamburger firmato con due patatine fritte – oltre a uno slogan che diceva: “Il nome cambia, l’amore rimane”.

La coda era molto più piccola delle migliaia di persone che si affollavano quando l’originale McDonald’s aprì lì nel 1990 durante l’era sovietica.

READ  La Banca d'Inghilterra alza i tassi di interesse per la quinta volta

Anche il menu di Vkusno & Tochka era più piccolo e non offriva Big Mac e altri hamburger e dessert, come McFlurry. Il prezzo di un doppio cheeseburger era di 129 rubli ($ 2,31), rispetto ai circa 160 rubli di McDonald’s, e un hamburger di pesce era di 169 rubli, rispetto a circa 190 rubli in precedenza.

Alexander Merkulov, direttore della qualità della nuova società, ha affermato che la composizione degli hamburger non è cambiata e l’attrezzatura di McDonald’s non è cambiata.

McDonald’s ha chiuso i suoi ristoranti russi a marzo e a metà maggio ha dichiarato di aver deciso di lasciare completamente il Paese.

In segno di fretta, i nuovi proprietari hanno dovuto rinominare in tempo per il lancio, molti dei pacchetti di patatine fritte e hamburger erano semplicemente bianchi, così come i bicchieri delle bevande, mentre i sacchetti da asporto erano semplicemente marroni. Il vecchio logo di McDonald’s era coperto sulla confezione di ketchup e altre salse con segni neri temporanei.

Ma Sergey, un cliente di 15 anni, non ha notato molte differenze.

“Il gusto è rimasto lo stesso”, ha detto mentre preparava un hamburger di pollo e patatine fritte. “La cola è diversa, ma in realtà non c’è alcun cambiamento nell’hamburger.”

Meglio di un grande Mac?

Il ristorante principale di Mosca è tra i 15 punti vendita rinominati che inizialmente hanno aperto nella capitale e nei dintorni di domenica. Oleg Baruev, CEO di Vkusno & Tochka, ha affermato che la società prevede di riaprire 200 ristoranti in Russia entro la fine di giugno e tutti gli 850 entro la fine dell’estate. VEDI FACTBOX: LEGGI DI PIÙ

READ  I senatori statunitensi presentano un disegno di legge sulle sanzioni crittografiche - Gli esperti affermano che sono eccessive e incostituzionali - Bitcoin News Regulations

“Non lavoriamo da tre mesi”, ha detto Rosana, manager di una filiale di Mosca che aprirà a luglio. “Sono tutti molto contenti.”

Baroev, che è stato nominato amministratore delegato di McDonald’s in Russia settimane prima che Mosca inviasse decine di migliaia di soldati in Ucraina il 24 febbraio, ha affermato che la catena manterrà i suoi vecchi interni di McDonald’s, ma cancellerà qualsiasi riferimento al suo nome precedente.

“Il nostro obiettivo è che i nostri ospiti non notino differenze di qualità o atmosfera”, ha detto Barov in una conferenza stampa al ristorante. Ha affermato che la catena manterrà “prezzi ragionevoli”, anche se ha aggiunto che i prezzi potrebbero probabilmente aumentare a causa dell’inflazione, ma non superiori ai suoi concorrenti.

L’uomo d’affari siberiano Alexander Govor, il nuovo proprietario della catena, ha detto a Reuters che avrebbe cercato di lanciare qualcosa di simile al Big Mac di McDonald’s.

“Non abbiamo il diritto di usare alcuni colori, non abbiamo il diritto di usare gli archi d’oro, non abbiamo il diritto di usare alcuna menzione di McDonald’s”, ha detto a Reuters.

“Big Mac è la storia di McDonald’s. Faremo sicuramente qualcosa di simile”, ha detto. “Cercheremo di fare qualcosa di meglio in modo che i nostri visitatori e ospiti adorino questo piatto”.

Gofour ha affermato che quest’anno verranno investiti fino a sette miliardi di rubli (125,56 milioni di dollari) nella società, che impiega oltre 50.000 persone.

Ha aggiunto: “L’azienda mi ha chiesto, prima di tutto, di mantenere il numero di dipendenti, di fornire lavoro alle persone. È quello che farò”.

Gofour ha affermato che la società era alla ricerca di nuovi fornitori di bevande analcoliche come la Coca Cola (KO.N)che ha detto che avrebbe sospeso la sua attività in Russia.

READ  Elon Musk ha twittato di aver affrontato Bill Gates sulla vendita allo scoperto di Tesla

Pochi istanti dopo la fine della conferenza stampa, un uomo era in piedi davanti alle telecamere con in mano un cartello con la scritta “Back the Big Mac”. È stato rapidamente scortato dal personale del ristorante.

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Segnalazione di Reuters. Montaggio di Josephine Mason e Praveen Shar

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews