Maggio vendita al dettaglio, produzione industriale, investimenti in immobilizzazioni

I veicoli a nuova energia, che includono auto ibride e a batteria, hanno visto un aumento delle vendite in Cina nonostante la stagnazione del mercato automobilistico in generale. Nella foto, una fabbrica di automobili a nuova energia senza nome nella provincia di Jiangsu il 13 giugno 2022.

Wan Shanchao | Gruppo ottico cinese | Getty Images

PECHINO – La Cina ha diffuso i dati economici di maggio che hanno battuto le attese smorzate per un mese ostacolato dai controlli Covid.

La produzione industriale è aumentata leggermente dello 0,7% a maggio rispetto a un anno fa, contro un previsto calo dello 0,7%, secondo gli analisti intervistati da Reuters. Ad aprile la produzione industriale è scesa inaspettatamente, in calo del 2,9% anno su anno.

Le vendite al dettaglio sono diminuite meno del previsto, in calo del 6,7% a maggio rispetto a un anno fa. Si stima che le vendite al dettaglio siano diminuite del 7,1% a maggio rispetto a un anno fa, secondo un sondaggio Reuters. Ad aprile, le vendite al dettaglio sono diminuite dell’11,1% rispetto a un anno fa.

Gli investimenti in immobilizzazioni nel periodo gennaio-maggio sono aumentati del 6,2%, battendo le aspettative di una crescita del 6%.

L’Ufficio nazionale di statistica cinese ha dichiarato in una dichiarazione che l’economia “ha mostrato un buon slancio per la ripresa” a maggio “con gli effetti negativi dell’epidemia di COVID-19 che si stanno gradualmente superando e gli indicatori chiave sono leggermente migliorati”.

“Tuttavia, dobbiamo renderci conto che l’ambiente internazionale sarà più complesso e cupo e che l’economia nazionale deve ancora affrontare difficoltà e sfide per riprendersi”, ha affermato l’ufficio.

Le esportazioni cinesi hanno accelerato a maggio, registrando un aumento del 16,9% su base annua in dollari USA migliore del previsto. Anche le importazioni sono aumentate del 4,1% in più del previsto.

READ  Nella battaglia giudiziaria con Twitter, Elon Musk indica il governo indiano

Shanghai e Pechino, le due città più grandi della Cina per PIL, hanno dovuto farlo Riportando controlli Covid più severi questo mese dopo un costante aumento dei casi Covid.

Shanghai aveva chiuso i battenti ad aprile e maggio, con solo alcune grandi società operative. La città ha iniziato a riaprire completamente i battenti il ​​1 giugno.

Leggi di più sulla Cina da CNBC Pro

Per circa un mese a maggio, Pechino ha richiesto alle persone nel suo più grande distretto commerciale di lavorare da casa, mentre i ristoranti in tutta la capitale potevano operare solo da asporto o consegna a domicilio. La maggior parte dei ristoranti di Pechino è stata autorizzata a riprendere i pasti in negozio all’inizio di giugno e i dipendenti possono tornare al lavoro, ma le scuole hanno ritardato la ripresa delle lezioni di persona.

L’incertezza, soprattutto sul reddito futuro, ha influito sulla spesa dei consumatori. Il tasso di disoccupazione nelle 31 città più grandi della Cina ha superato il massimo del 2020 del 6,7% ad aprile, il tasso più alto mai registrato nel 2018. Tale tasso è aumentato ulteriormente a maggio al 6,9%, mentre il tasso di disoccupazione complessivo nelle città è sceso al 5,9%.

Il tasso di disoccupazione dei giovani tra i 16 ei 24 anni è salito al 18,4% a maggio, rispetto al 18,2% di aprile.

“Penso che con l’allentamento delle restrizioni e il sostegno alla politica monetaria in futuro, il tasso di disoccupazione dovrebbe scendere leggermente tenendo presente che siamo ben al di sopra dell’obiettivo del governo”, ha affermato Françoise Huang, capo economista di Allianz Trade per telefono. intervista la scorsa settimana.

READ  I futures Dow guadagnano lievi guadagni dopo che le tre medie principali hanno registrato perdite nel secondo giorno

“Per ora, il mio scenario è che dovremmo vedere una certa ripresa nella seconda metà dell’anno”, ha detto. “non è [a] Ripresa a forma di V, ripresa rapida e forte o ripresa post-Covid come abbiamo visto nel 2020, perché la politica di allentamento non è forte e la domanda esterna non è così forte”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews