L’Unione Europea propone un embargo graduale sul petrolio russo sulla scia delle sanzioni contro Mosca

La Commissione europea (UE), l’organo di governo dell’UE, mercoledì ha imposto nuove sanzioni al Cremlino, incluso un divieto di sei mesi sulle importazioni di greggio russo.

Occupazione dell’Ucraina senza istigazione russa, E le prove di crimini di guerra, ha spinto l’UE a intraprendere un’azione coraggiosa sulle sanzioni energetiche. Ma imporre misure che potrebbero ridurre o ridurre completamente le forniture energetiche della Russia all’UE rimane un compito complesso per il campo.

Questo perché la regione fa affidamento sulla Russia per molte fonti di energia, compreso il petrolio. Entro il 2020, le importazioni di petrolio russe rappresentano circa il 25% degli acquisti di greggio del campo. Ufficio statistico regionale.

“Sia chiaro: non è facile”, ha detto mercoledì la presidente della Commissione europea Ursula van der Leyen in un discorso al Parlamento europeo.

“Alcuni Stati membri dipendono fortemente dal petrolio russo, ma dobbiamo lavorarci su. Ora proponiamo un divieto del petrolio russo.

I prezzi del petrolio sono aumentati di circa il 3% mercoledì mattina. Greggio Brent I futures sono stati scambiati a 108,3 dollari al barile sugli scambi mattutini in Europa.

Eccezioni

L’embargo è stato un argomento molto dibattuto all’interno dell’UE, ma la mossa ha preso slancio dopo che la Germania ha sostenuto l’idea. Due paesi dell’UE – Sia la Slovacchia che l’Ungheria dipendono fortemente dalla potenza russa e richiedono esenzioni.

Von der Leyen ha scelto di non fornire dettagli sulle eccezioni durante il suo discorso, ma tre funzionari dell’UE, che non volevano essere nominati per la delicatezza della questione, hanno confermato alla CNBC che la proposta della commissione includeva questa flessibilità: la lunga espulsione della Slovacchia dell’Ungheria e del petrolio russo.

Due funzionari anonimi hanno affermato che i due paesi avrebbero tempo fino alla fine del 2023 per sospendere le importazioni di petrolio russo.

Intervenendo mercoledì, Van der Leyen ha spiegato che per la maggior parte dei paesi dell’UE, un periodo di sei mesi darebbe loro il tempo di adattarsi ai mercati delle materie prime.

“Stiamo aumentando la pressione sulla Russia, riducendo allo stesso tempo i danni congiunti a noi stessi e ai nostri alleati in tutto il mondo, perché per aiutare l’Ucraina, la nostra stessa economia deve essere forte”, ha aggiunto.

La guerra in Ucraina ha portato nuove preoccupazioni economiche nell’UE. È iniziato positivamente quest’anno, due anni dopo aver affrontato l’infezione da corona virus, ma si è concluso bruscamente con l’escalation del conflitto in Ucraina.

L’olio si lega Divieto di carbone russo Questo è stato annunciato il mese scorso. Solleva anche la possibilità di un divieto del gas naturale russo.

Sberbank consentito

La proposta di embargo petrolifero di mercoledì segna il sesto round di sanzioni dell’UE alla Russia. Questo pacchetto include anche la rimozione di Sberbank dal sistema di pagamento internazionale Swift.

“Siamo Swift Sberbank, la banca più grande della Russia e di gran lunga le due più grandi.

Inoltre, la commissione vuole bandire tre emittenti statali russe dalle onde radio europee, oltre a consentire a funzionari militari russi di alto rango e altre persone che sono state implicate in crimini di guerra a Pucha e nella città assediata di Mariupol.

Tutte queste misure saranno discusse dagli ambasciatori europei mercoledì mattina prima che le sanzioni entrino in vigore. Potrebbero essere necessari fino a due giorni prima che le sanzioni siano completamente approvate a livello dell’UE.

READ  Le forze russe in avanzamento raggiungono l'autostrada principale dalle città del Donbass

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews