L’Ucraina presenta un “piano di ripresa” da 750 miliardi di dollari per il futuro del dopoguerra | Ucraina

Restauro finale di Ucraina Il presidente dell’Ucraina ha dichiarato lunedì nel primo evento dettagliato per tracciare un futuro materiale per il paese se dovesse sopravvivere come fronte occidentale con un piano di ripresa da 750 miliardi di dollari (620 miliardi di sterline) per la nazione dopo l’invasione russa.

Intervenendo tramite collegamento video a una conferenza ad alto livello a Lugano, in Svizzera, alla quale hanno partecipato diversi alti politici ucraini, Volodymyr Zelensky Ha ammesso che il compito da affrontare era enorme, sostenendo che la guerra era una battaglia di opinioni secondo cui la Russia era intenzionata a distruggere il tessuto materiale e morale del suo paese.

Ha aggiunto che il processo di recupero guidato dal Consiglio nazionale ucraino per la ripresa consentirà al suo Paese di approfondire i suoi legami con esso Europa.

L’entità del compito è che vi sia il rischio che gli organismi multilaterali ripetano le offerte, così come le tensioni tra i piani elaborati dalla stessa Ucraina e quelli preparati da organismi come la Banca europea per gli investimenti. La volontà del settore privato di investire miliardi in Ucraina dipenderà dalla sicurezza del Paese e dalla capacità dell’Ucraina di resistere alle grinfie dell’oligarchia.

Le perdite dirette delle infrastrutture dell’Ucraina ammontano a oltre 100 miliardi di dollari, ha affermato il primo ministro ucraino Denis Shmyhal, aggiungendo che più di 1.200 istituzioni educative, 200 ospedali e migliaia di chilometri di gasdotti, reti idriche ed elettriche, strade e ferrovie sono stati distrutti o danneggiati. .

Ha detto che i normali ucraini hanno fornito 200.000 voci a una mappa elettronica del governo aperta che documenta gli incidenti di distruzione.

Ha affermato che ci saranno tre fasi di ripresa che insieme potrebbero richiedere oltre 750 miliardi di dollari di investimenti, un terzo dei quali proverrà dal settore privato e parte da indennizzi russi e congelamento dei beni.

Ha detto: “Le autorità russe hanno scatenato questa sanguinosa guerra e causato questa massiccia distruzione e devono essere ritenute responsabili per questo”.

La prima fase sarà un piano di attuazione immediata che inizierà con l’assistenza umanitaria di emergenza, come il ripristino delle forniture idriche e dei ponti; Un quadro a medio termine dal 2023 al 2025 per riportare in vita società devastate ricostruendo scuole, ospedali e alloggi e, infine, una visione di modernizzazione a lungo termine dal 2026 al 2032 per un’economia digitale verde ucraina che finalmente si lasci alle spalle l’era sovietica. Il paese si sta preparando per un’eventuale adesione all’UE.

Il progetto quadro, oggetto della consulenza di oltre 2.000 esperti per un periodo di sei settimane, contiene proposte di piani regionali sponsorizzati da paesi d’oltremare, un piano di ripresa in 24 settori volto a garantire che settori come l’energia domestica e l’agricoltura possano soddisfare gli standard dell’UE e garantire un tasso di crescita annuo del 7%. Ma tale è il colpo per l’economia ucraina che Kiev ha bisogno di altri 30 miliardi di dollari per rimanere a galla da qui a dicembre.

Shmyhal ha insistito sul fatto che il processo di riforma dell’Ucraina sarebbe continuato, sostenendo che i cambiamenti attuati prima dell’invasione, tra cui la digitalizzazione e il decentramento del governo, hanno contribuito alla resilienza del paese di fronte all’assalto russo.

Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha elaborato piani per una piattaforma di ricostruzione dell’UE per identificare le esigenze di investimento in Ucraina, incanalare risorse, definire opzioni strategiche e coordinare organismi multilaterali, nonché società private. La Commissione sta studiando vari modi per raccogliere questi fondi, comprese sovvenzioni e prestiti, nonché prestiti congiunti, in modo simile al Fondo per la ripresa dell’epidemia dell’Unione europea.

Iscriviti alla prima edizione, la nostra newsletter giornaliera gratuita – ogni mattina nei giorni feriali alle 7:00 GMT

Ha ripetutamente evidenziato la necessità di riforme e trasparenza da parte del governo ucraino per garantire che la corruzione non comprometta l’integrità di qualsiasi programma di ricostruzione. “Non l’abbiamo mai fatto su questa scala prima”, ha detto, aggiungendo che i donatori devono sapere non solo che i loro soldi stanno servendo una buona causa, “ma che saranno spesi in modo efficiente ed efficace con il massimo impatto sul popolo ucraino. “

La moglie del presidente, Olena Zelenska, ha affermato alla conferenza che la futura ricostruzione spirituale sarà importante tanto quanto la ricostruzione fisica.

Attualmente in Ucraina ci sono 8 milioni di sfollati interni, 6 milioni costretti all’estero, per lo più bambini, e 22.000 insegnanti che non lavorano più. Ha mostrato immagini di scuole e ospedali distrutti e ha detto nel mondo moderno che questa non poteva essere considerata la guerra di qualcun altro.

READ  I leader europei approvano la seconda ondata di sanzioni contro la Russia

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews