L’S&P 500 torna nel territorio del mercato ribassista; Continuazione delle vendite in borsa

Il sell-off durato una settimana ha guadagnato nuova intensità venerdì, mandando l’S&P 500 nel territorio del mercato ribassista per la prima volta dal sell-off causato dalla pandemia nel 2020.

Le azioni sono salite all’apertura, poi si sono invertite e sono scese per tutta la sessione. L’S&P 500 è in ribasso dell’1,8%, in procinto di chiudere almeno del 20% al di sotto del picco di gennaio. Il Dow Jones Industrial Average è sceso di 467 punti, o dell’1,5%, a 20801. Il Nasdaq Composite ha perso il 2,6%.

Sono passati decenni da quando le azioni sono scese per così tanto tempo. Il Dow Jones Industrial Average è diretto alla sua ottava perdita settimanale consecutiva, la serie più lunga dal 1932, vicino al culmine della Grande Depressione. L’S&P 500 e il Nasdaq sono sulla buona strada per la loro serie più lunga di perdite settimanali dal 2001, dopo lo scoppio della bolla di Internet.

Gli investitori affermano che la forza trainante del sell-off sono le crescenti preoccupazioni La salute degli Stati Uniti e l’economia globale. I gestori di denaro hanno trascorso i primi mesi dell’anno preoccupandosi che gli aumenti dei tassi della Fed avrebbero portato a enormi perdite in titoli costosi che hanno alimentato il notevole rally del mercato negli ultimi anni. Gli investitori sono fuggiti dai titoli tecnologici, ritirando miliardi di dollari in denaro seguendo il Nasdaq. Tassi di interesse più elevati tendono a indebolire l’attrattiva delle aziende che contano di realizzare grandi profitti dopo anni.

Questa settimana, il dolore si è diffuso ben oltre il settore tecnologico, allarmando molti investitori. I principali rivenditori hanno riferito che i loro profitti sono stati colpiti dall’aumento dei costi e dalle interruzioni della catena di approvvigionamento, che hanno portato a vendite che hanno portato a

READ  La Banca del Giappone mantiene la sua posizione pessimistica mentre il resto del mondo fa grandi visite

Walmart‘S

Il peggior calo di un giorno dal crollo del Black Monday del 1987. Mentre gli investitori valutano in che modo le pressioni inflazionistiche e il rallentamento della crescita influenzeranno gli utili aziendali nei prossimi mesi, anche le azioni di qualsiasi cosa, dalle banche ai REIT alle catene di negozi di alimentari, sono crollate.

La ferocia delle vendite ha inviato agli investitori e agli analisti un messaggio potente: quest’anno ci sono poche parti sicure per il mercato azionario, se non nessuna. Venerdì, anche i titoli energetici, che hanno beneficiato dell’aumento del prezzo del petrolio, sono scesi insieme al mercato in generale.

“Ovviamente in un lasso di tempo molto breve, siamo passati dalla pandemia alla paura dell’inflazione ad oggi, a gravi problemi di crescita”, ha affermato Brian Levitt, Global Market strategist di Invesco.

Gli economisti di Goldman Sachs stimano che ci sia una probabilità del 35% che l’economia statunitense entri in recessione entro i prossimi due anni. Storicamente, un rallentamento economico è stato una cattiva notizia per le azioni: durante la seconda guerra mondiale, l’S&P 500 è sceso in media del 30% dal picco al minimo durante le recessioni.

Gli analisti hanno affermato che fino a quando la Fed non convincerà gli investitori che può inasprire la politica monetaria e guidare l’inflazione senza causare deflazione, è improbabile che i mercati si stabilizzino. Il lavoro della banca centrale sarà reso più difficile da fattori al di fuori del suo controllo che si sono aggiunti alle pressioni inflazionistiche quest’anno, tra cui la politica di non proliferazione della Cina e l’invasione russa dell’Ucraina.

READ  Tesla Gigafactory Shanghai riprende le normali operazioni per la fine della consegna flash del primo trimestre

“Dobbiamo ancora costruire più prove per convincere i mercati che un atterraggio facile è possibile”, ha affermato Aaron Say, multi-asset strategist di Pictet Asset Management.

Venerdì i titoli di Stato sono aumentati, beneficiando di un afflusso di investitori verso asset che tendono ad andare bene in periodi di stress economico. Il rendimento del decennale US Treasury di riferimento è sceso al 2,795% venerdì dal 2,854% di giovedì, dirigendosi verso il terzo giorno consecutivo di calo. I prezzi delle obbligazioni aumentano quando i rendimenti scendono.

Nel frattempo, i risultati deludenti sugli utili hanno portato a enormi movimenti in alcuni titoli.

condivisioni

Negozi Ross

È sceso del 24% dopo la sua pubblicazione calo delle vendite Ha detto che si aspetta un altro calo delle vendite per il trimestre in corso. Il rivenditore, come molte altre aziende, ha affermato che i suoi risultati sono stati penalizzati da costi di trasporto e manodopera più elevati.

produttore di macchine agricole

monastero

È in calo del 15% nonostante lo pubblichi Aumento delle vendite e dei profitti Ha alzato le sue previsioni sugli utili per l’anno. La società ha affermato che i problemi della catena di approvvigionamento hanno interrotto i livelli di produzione e consegna e che gli alti costi di spostamento di materiali e merci stanno riducendo i suoi margini di profitto.

La maggior parte delle società dell’S&P 500 è riuscita a generare utili in questo trimestre che hanno superato le aspettative, ha affermato Kiran Ganesh, multi-asset strategist di UBS.

Quello che è meno chiaro è come opereranno le aziende nei prossimi mesi.

“La domanda è dal prossimo trimestre in poi, dove avremo il pieno impatto dell’aumento dei prezzi del petrolio e della guerra in Ucraina”, ha affermato Ganesh.

Giovedì un trader ha lavorato in sala presso la Borsa di New York.


foto:

Seth vincente/Associated Press

Il greggio Brent, lo standard energetico globale, ha chiuso venerdì in rialzo di 51 centesimi al barile, ovvero dello 0,5%, a 112,55 dollari. Bitcoin, la criptovaluta più grande del mondo, è scesa di quasi il 5% a $ 28.734. La moneta è scesa di quasi il 58% dal suo massimo storico di novembre, mentre l’indice Stoxx Europe 600 è aumentato dello 0,7% offshore. In rialzo anche i titoli asiatici, con lo Shanghai Composite in rialzo dell’1,6% e l’indice Hang Seng di Hong Kong in rialzo del 3%.

Copyright © 2022 Dow Jones & Company, Inc. tutti i diritti sono salvi. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews