L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che un focolaio di vaiolo delle scimmie potrebbe portare a una pandemia

LONDRA (Reuters) – L’Organizzazione Mondiale della Sanità non crede che un focolaio di vaiolo delle scimmie al di fuori dell’Africa porterà a una pandemia, ha affermato lunedì un funzionario, aggiungendo che non è chiaro se le persone infette che non mostravano sintomi possano trasmettere la malattia.

A maggio sono stati segnalati più di 300 casi sospetti e confermati di vaiolo delle scimmie, una malattia generalmente lieve che si diffonde attraverso uno stretto contatto e può causare sintomi simil-influenzali e lesioni cutanee piene di pus, principalmente in Europa.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità sta valutando se l’epidemia debba essere valutata come una “Potenziale emergenza di salute pubblica di interesse internazionale” o come un’emergenza di salute pubblica. Un tale annuncio, come è successo con COVID-19 ed Ebola, aiuterebbe ad accelerare la ricerca e i finanziamenti per contenere la malattia. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

Alla domanda se questo focolaio di vaiolo delle scimmie potrebbe trasformarsi in una pandemia, Rosamund Lewis, ufficiale tecnico del vaiolo delle scimmie del Programma per le emergenze sanitarie dell’OMS, ha dichiarato: “Non lo sappiamo, ma non lo pensiamo”.

“Al momento, non siamo preoccupati per una pandemia globale”, ha detto.

Ha aggiunto che una volta infettato dal vaiolo delle scimmie, la durata della comparsa dell’eruzione cutanea e dello spargimento delle croste è riconosciuta come periodo contagioso, ma ci sono informazioni limitate sull’eventuale diffusione del virus da parte di persone che non mostrano sintomi.

READ  I leader del G7 prendono in giro Vladimir Putin per la foto di un cavallo senza maglietta

Ha detto: “Non sappiamo ancora se esiste una trasmissione asintomatica del vaiolo delle scimmie – indicazioni in passato sono state che questa non è una caratteristica importante – ma questo non è stato ancora determinato.

Resta inteso che il ceppo virale coinvolto nell’epidemia uccide una piccola parte delle persone infette, ma finora non sono stati segnalati decessi.

La maggior parte dei casi è emersa in Europa piuttosto che nei paesi dell’Africa centrale e occidentale dove il virus è endemico e per lo più non è associato ai viaggi.

Quindi gli scienziati stanno esaminando cosa potrebbe spiegare questo insolito aumento dei casi, mentre le autorità sanitarie pubbliche sospettano un certo grado di trasmissione nella comunità.

Alcuni paesi hanno iniziato a offrire vaccini ai contatti stretti dei casi confermati. Leggi di più

Registrati ora per ottenere l’accesso illimitato e gratuito a Reuters.com

(Copertura di Natalie Grover a Londra). Montaggio di Toby Chopra, David Holmes e Alison Williams

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews