Lo svedese Ericsson regala a Ganassi un’altra vittoria per la Indy 500

INDIANAPOLIS (AFP) – Marcus Ericsson, un tempo alle spalle della Formula 1, è ora il capofila della IndyCar.

E il campione della 500 Miglia di Indianapolis.

Ericsson è diventato il secondo svedese a vincere la Indy 500 domenica quando ha scaricato alcuni dei più grandi nomi del motorsport nordamericano davanti alla folla più numerosa della sua vita.

“È la gara più grande del mondo”, ha detto Ericsson, definendola la sua più grande vittoria “di un milione di miglia”.

Il 31enne ha debuttato in IndyCar con un po’ di mistero nel 2019 dopo cinque stagioni insignificanti in Formula 1. Ha lavorato tutta la vita per raggiungere il livello più alto negli sport motoristici e poi ha perso oltre 97 partite senza vittorie, nemmeno un solo podio.

Non è stato del tutto impressionato nemmeno nella sua prima stagione in Nord America. Ericsson si è separato dal suo primo team IndyCar dopo appena un anno, quindi ha acquistato un posto al Chip Ganassi Racing – e si è assicurato di scriverlo quando ha detto “vincere una Indy 500, non è male per un pilota assunto” – e ha ha fatto passi da gigante nelle sue 36 gare con Ganassi dal 2020.

“E’ stata dura. Ho trascorso cinque anni in Formula 1, quasi un centinaio di Gran Premi, ho corso per piccole squadre, per lo più nelle retrovie. Non hai molto credito nelle retrovie. La gente pensa che tu non sia molto bene”, ha detto Ericsson. “Sono venuto qui e la gente probabilmente non ci ha pensato molto. Anch’io ho dovuto farmi strada quassù, imparando a conoscere le corse americane.

“Mi sono trasferito qui e ho dedicato tutta la mia vita a cercare di essere un campione IndyCar e praticamente la 500 Miglia di Indianapolis. Non è stato facile. È bello dimostrare che il duro lavoro ripaga”.

READ  Gli Oklahoma Sooners, al 16° posto, registrano una corsa senza risposta in una vittoria di Match 1 sui Texas Longhorns ai Campionati mondiali femminili del College.

Ericsson ha dominato la gara negli ultimi tempi, in gran parte a causa dell’accelerazione del calcio di rigore del compagno di squadra Scott Dixon, e una vittoria era a portata di mano fino a quando il compagno di squadra di Janassi, Jimmy Johnson, è caduto per quattro giri. Il resto ha portato una rara fermata con bandiera rossa all’Indianapolis Motor Speedway.

IndyCar è tra le forme più pure di sport motoristici e raramente genera avvisi artificiali o tempi di fermo che potrebbero alterare il risultato. Ma la folla di oltre 300.000 persone – poche migliaia in meno di vendere e il più grande evento sportivo dall’inizio della pandemia – è decollata quando IndyCar ha chiamato le auto sulla strada.

La sosta ha dato a Pato Award e al resto dei concorrenti quasi 12 minuti sulla strada dei box per elaborare una strategia su come far passare Ericsson. Erickson stava soffrendo per i suoi stessi piani.

“Quei 10 minuti seduti lì nella corsia dei box durante quella bandiera rossa sono stati alcuni dei 10 minuti più difficili della mia vita, pensando a cosa avrei dovuto fare, pensando di guidare la gara più grande del mondo, e sono sul sul punto di vincerlo”, ha detto.

Mancavano due giri alla fine della gara ed Ericsson ha ottenuto il salto su O’Ward. Il messicano ha dato un’ultima occhiata al vantaggio che Ericsson aveva difeso e Oward sapeva di non forzarlo.

“No, mi avrebbe messo al muro se ci fossi andato”, ha detto O’Ward.

Sag Karam è caduto e ha emesso un altro avviso nell’ultimo giro, consentendo a Ericsson di salire sul podio sotto il giallo. Karam è stato portato in ospedale per valutare il dolore muscolare.

READ  Note sui giganti: Logan Webb domina Padres 2-1

“Quando è arrivato quell’avvertimento, ho pensato che sarebbe stato un altro riavvio. Ero tipo, ‘Non posso crederci, un altro'”, ha detto Ericsson. Da quel momento in poi è un’esplosione di emozioni”.

Questa è stata la terza vittoria di Ericsson in IndyCar in 52 partite. Ma è arrivato a Indianapolis convinto di poter vincere la 500 in parte grazie al lavoro che ha dedicato all’apprendimento degli ovali e al terzo posto al Texas Motor Speedway in preparazione per “il più grande spettacolo della gara”.

Questa è la quinta vittoria nella Indy 500 per il proprietario del team Chip Ganassi, salito sul podio al fianco della vettura di Ericsson. Ericsson è il primo svedese a vincere la Indy 500 dai tempi di Kenny Brake nel 1999 e il secondo in 106 gare.

Erickson si versò la brocca di latte sulla faccia, poi consegnò la bottiglia a Ganassi in modo che il suo capo potesse berne un bel sorso. Ganassi non vinceva un 500 da 10 anni e inviò cinque contendenti legittimi a Indy per porre fine alla siccità.

La vittoria sembra appartenere a Dixon, il sei volte campione IndyCar che ha segnato più di 234 mph in qualifica per vincere la pole. Il neozelandese ha percorso 95 dei 200 giri e la Honda è stata facilmente la sua vettura più veloce in campo, così veloce che Dixon non ha rallentato abbastanza nell’ultima sosta.

Il calcio di rigore ha tenuto Dixon fuori dalla competizione per la vittoria.

Questo ha lasciato Ericsson e Tony Kanaan in uno stato di fusione con Janassi. Kanaan, il pilota più anziano in campo a 47 anni, pensava di essere in una posizione perfetta sedendosi quarto all’inizio del secondo tempo.

READ  L'agente QB freelance Cam Newton è stata criticata per i commenti su donne che "non sanno quando stare zitte"

O’Ward non cederà, però. Venerdì ha firmato un’estensione del contratto con Arrow McLaren SP e voleva disperatamente vincere per celebrare il suo status di star della McLaren. O’Ward è arrivato secondo, ma ha fallito nel suo tentativo di regalare al Messico una grande festa nel giorno più importante del motorsport. Sergio Perez ha aperto domenica con una vittoria al Gran Premio di Monaco.

Canaan è arrivato terzo, seguito da Felix Rosenqvist, un altro svedese che guida una McLaren. Rosenqvist ha un anno di contratto con la McLaren e sta lottando per il suo lavoro, ma il gruppo McLaren ha portato lo stendardo Chevrolet a Indy, dove Juan Pablo Montoya è arrivato 11°.

Piloti americani Alexander Rossi Conor Daly è arrivato quinto e sesto, Rossi per Andretti Autosport e Daly per Ed Carpenter Racing.

Il vincitore dell’anno scorso Helio Castroneves è arrivato settimo, un posto davanti al suo compagno di squadra della Mayer Shank Racing Simon Pagenaud. Il detentore del titolo IndyCar in carica, Alex Palou, è arrivato 10° con un’altra voce di Ganassi.

Dixon è svanito al 21 ° posto dopo il rapido calcio di rigore e, sebbene abbia visitato Ericsson sul podio, sua moglie lo ha accreditato su una strada ai box dopo la gara. Johnson è arrivato 28° al suo debutto nella Indy 500.

“È una squadra, tutti fanno il tifo per tutti gli altri, tutti lavorano insieme e tutti sono un libro aperto”, ha detto Janassi. “Le cose accadranno in queste gare di 500 miglia e non cadrai sempre sulla tua strada. Quindi, sai, siamo stati fortunati ad avere cinque buone macchine e cinque buoni piloti”.

___

Più copertura AP Indy 500: https://apnews.com/hub/indianapolis-500 e https://twitter.com/AP_Sports

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews