L’India interrompe gli sforzi dell’OMS per annunciare il bilancio delle vittime globale di Covid

Uno sforzo ambizioso dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per calcolare il bilancio delle vittime globale della pandemia di coronavirus ha riscontrato molte più morti di quanto si pensasse in precedenza: un totale di circa 15 milioni entro la fine del 2021, più del doppio del totale ufficiale di sei milioni. segnalati dai paesi individualmente.

Ma il rilascio della sorprendente stima – il risultato di oltre un anno di ricerche e analisi da parte di esperti di tutto il mondo e uno sguardo completo su quanto sia mortale la pandemia finora – è stata ritardata di diversi mesi a causa delle obiezioni dell’India, che mette in dubbio il conteggio di quanti dei suoi cittadini sono morti e ha cercato di impedirne la comparsa in pubblico.

Si stima che più di un terzo degli ulteriori nove milioni di morti si siano verificati in India, dove il governo del primo ministro Narendra Modi ha tenuto fede al suo conteggio di quasi 520.000 persone. Hanno detto che l’Organizzazione Mondiale della Sanità mostrerebbe che il bilancio delle vittime del paese sarebbe di almeno quattro milioni, secondo persone che hanno familiarità con i numeri che non sono autorizzati a rivelare, il che darebbe all’India il numero di vittime più alto al mondo. Il Times non è stato in grado di ottenere stime per altri paesi.

I resoconti dell’OMS combinavano i dati nazionali sui decessi segnalati con nuove informazioni provenienti da indagini locali e familiari e con modelli statistici intesi a tenere conto dei decessi che non sono stati registrati. La maggior parte della differenza nella nuova stima globale tiene conto di decessi precedentemente non contabilizzati, la maggior parte dei quali provenivano direttamente dal Covid; La nuova cifra include anche i decessi indiretti, come i casi di persone impossibilitate a ricevere cure per altre malattie a causa della pandemia.

Il ritardo nel rilascio dei numeri è importante perché i dati globali sono essenziali per capire come si sta diffondendo la pandemia e quali misure potrebbero mitigare una crisi simile in futuro. Ha devastato il mondo solitamente interconnesso delle statistiche sanitarie: una disputa nascosta in un linguaggio rassicurante è in corso presso il Comitato statistico delle Nazioni Unite, l’organismo globale che raccoglie dati sanitari, spinto dal rifiuto dell’India di collaborare.

“È importante per la responsabilità globale e l’obbligo morale di coloro che sono morti, ma è anche importante da un punto di vista pratico. È importante per la responsabilità”, ha affermato il dottor Prabhat Jha, direttore del Center for Global Health Research in Toronto e un membro del gruppo di lavoro di esperti che sostiene l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Nel tentativo di prendere la vera misura dell’impatto della pandemia, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha riunito un gruppo di specialisti tra cui demografi, esperti di salute pubblica, statistici e data scientist. Il Technical Advisory Group, come è noto, sta collaborando in tutti i paesi per cercare di compilare i resoconti più completi dei decessi causati dalla pandemia.

READ  I razzi sono stati lanciati da Gaza contro Israele per la seconda volta in poche ore, dopo che l'esercito israeliano aveva concluso il bombardamento della Striscia

Il Times ha parlato con più di 10 persone che hanno familiarità con i dati. L’Organizzazione Mondiale della Sanità aveva pianificato di pubblicare i numeri a gennaio, ma il rilascio era in corso Paga per la ritirata.

Di recente, alcuni membri del gruppo hanno avvertito l’Organizzazione mondiale della sanità che se l’organizzazione non avesse rilasciato i numeri, gli esperti lo avrebbero fatto da soli, hanno detto tre persone che hanno familiarità con la questione.

“Miriamo a pubblicare ad aprile”, ha detto al Times la portavoce dell’OMS Amna Ismael Begovic.

La dott.ssa Samira Asma, vicedirettore generale dell’OMS per i dati, l’analisi e la distribuzione per l’impatto, che aiuta a gestire gli account, ha affermato che il rilascio dei dati è stato “un po’ tardi” ma ha affermato che era “perché volevamo assicurarci che tutti fossero consultati “.

L’India insiste sul fatto che la metodologia dell’OMS è imperfetta. “L’India ritiene che il processo non sia stato né cooperativo né sufficientemente rappresentativo”, ha affermato il governo in una dichiarazione alla Commissione statistica delle Nazioni Unite a febbraio. Ha anche affermato che il processo “non era soggetto al rigore scientifico e al controllo razionale come ci si aspetterebbe da un’organizzazione della statura dell’Organizzazione mondiale della sanità”.

Il ministero della Salute di New Delhi non ha risposto alle richieste di commento.

L’India non è la sola a ridurre il numero di morti a causa della pandemia: i nuovi dati dell’Oms riflettono anche il calo del numero di altri paesi densamente popolati come l’Indonesia e l’Egitto.

Il dottor Asmaa ha osservato che molti paesi hanno lottato per calcolare con precisione l’impatto della pandemia. Anche nei paesi più sviluppati, ha detto: “Penso che quando guardi sotto il cofano, sia difficile”. All’inizio della pandemia, ha detto, c’erano ampie variazioni nella velocità con cui i diversi stati degli Stati Uniti hanno segnalato i decessi e alcuni stavano ancora raccogliendo dati via fax.

Ha detto che l’India ha coinvolto un grande team per rivedere l’analisi dei dati dell’OMS e che l’agenzia è stata felice che lo facessero, poiché voleva che il modello fosse il più trasparente possibile.

Il lavoro dell’India sulla vaccinazione ha ricevuto elogi da parte di esperti a livello globale, ma la sua risposta di salute pubblica al Covid è stata criticata per l’eccessiva sicurezza. Signor Moody pazzia Nel gennaio 2021 quell’India “salva l’umanità da una grande catastrofe”. Due mesi dopo, il ministro della Salute ha annunciato che il Paese è così “Alla fine della partita del Covid-19”. Regola la soddisfazione, portando a scivola E I tentativi dei funzionari di mettere a tacere le voci critiche all’interno delle istituzioni d’élite.

Era scienza in India Sempre più politicizzato per tutta l’epidemia. A febbraio, il ministro della salute indiano ha criticato uno studio pubblicato sulla rivista Scienza Che ha stimato che il numero di morti nel Paese per Covid sia da sei a sette volte superiore al dato ufficiale. nel mese di marzo , Il governo ha interrogato Metodologia di studio pubblicata in bisturi Che ha stimato il numero di morti in India a quattro milioni.

READ  Le migliori foto della famiglia reale alla festa del platino alla festa del palazzo

“Personalmente, ho sempre pensato che si dovrebbe rispondere alla scienza con la scienza”, ha affermato Bhramar Mukherjee, professore di biostatistica presso la School of Public Health dell’Università del Michigan, che ha lavorato con l’Organizzazione mondiale della sanità per rivedere i dati. “Se hai una stima alternativa, che è fatta da una scienza rigorosa, devi solo produrla. Non puoi semplicemente dire: ‘Non lo accetterò'”.

L’India non ha fornito dati sulla morte totale all’Organizzazione Mondiale della Sanità negli ultimi due anni, ma i ricercatori dell’organizzazione hanno utilizzato dati raccolti da almeno 12 stati, tra cui Andhra Pradesh, Chhattisgarh e Karnataka, che secondo gli esperti mostrano almeno da quattro a cinque volte superiori . Morti per Covid-19.

La presentazione iniziale dei dati globali dell’OMS era pronta a dicembre, ha affermato John Wakefield, professore di statistica e biostatistica all’Università di Washington che ha svolto un ruolo chiave nella costruzione del modello utilizzato per le stime.

Ma l’India non era soddisfatta delle stime. E poi abbiamo fatto tutti i tipi di analisi di sensibilità, la carta è in realtà molto migliore grazie a quell’attesa, perché siamo andati agli estremi in termini di controlli del modello e stiamo facendo tutto il possibile con i dati disponibili”, ha affermato il dott. Wakefield disse: “E siamo pronti per partire”.

I numeri rappresentano ciò che statistici e ricercatori chiamano “decessi in eccesso” – la differenza tra tutti i decessi avvenuti e quelli che ci si sarebbe aspettati in condizioni normali. L’Organizzazione Mondiale della Sanità tiene conto di quei decessi direttamente da Covid, dei decessi di persone con condizioni complicate da Covid e dei decessi di coloro che non avevano il Covid ma avevano bisogno di cure che non sono stati in grado di ottenere a causa della pandemia. I calcoli tengono conto anche delle morti previste che non si sono verificate a causa delle restrizioni Covid, come quelle per incidenti stradali.

Calcolare le morti in eccesso a livello globale è un compito complesso. Alcuni paesi hanno tracciato da vicino i dati sulla morte e li hanno immediatamente forniti all’Organizzazione mondiale della sanità, mentre altri hanno fornito solo dati parziali e l’agenzia ha dovuto utilizzare la modellazione per completare il quadro. Poi ci sono la pletora di paesi, compresi quasi tutti quelli dell’Africa subsahariana, che non raccolgono dati sulla mortalità e per i quali gli statistici hanno dovuto fare affidamento interamente sulla modellizzazione.

Il dottor Asmaa dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha indicato che nove decessi su 10 in Africa e sei su 10 a livello globale non sono registrati e più della metà dei paesi del mondo non raccoglie le cause esatte della morte. Ciò significa, ha affermato, che anche il punto di partenza per questo tipo di analisi è “indovinare”. “Dobbiamo essere umili al riguardo e dire che non sappiamo ciò che non sappiamo”.

READ  I legislatori britannici arrabbiati lanciano un voto di fiducia a Boris Johnson

Per produrre stime della mortalità per i paesi con dati sulla mortalità parziale o assente, gli esperti del gruppo consultivo hanno utilizzato modelli statistici e fatto previsioni basate su informazioni specifiche per paese come misure di contenimento, tassi storici di malattia, temperatura e dati demografici per compilare dati nazionali e, da lì, stime regionali e globali.

Oltre all’India, ci sono altri grandi paesi in cui anche i dati sono incerti.

Il ministero della Salute russo ha riportato 300.000 morti per Covid entro la fine del 2021, cifra che il governo ha fornito all’Organizzazione mondiale della sanità, ma l’Agenzia nazionale di statistica russa, in qualche modo indipendente dal governo, ha riscontrato un tasso di mortalità in eccesso di oltre un milione di persone – una cifra che si dice vicina a quelle della bozza dell’OMS. I membri dell’organizzazione hanno affermato che la Russia ha contestato la cifra, ma che non ha fatto alcuno sforzo per fermare il rilascio dei dati.

La Cina, dove è iniziata l’epidemia, non rilascia pubblicamente i dati sui decessi e alcuni esperti hanno sollevato dubbi sulla sottostima dei decessi, soprattutto all’inizio dell’epidemia. La Cina ha ufficialmente riportato meno di 5.000 morti a causa del virus.

Sebbene la Cina abbia già mantenuto livelli molto più bassi rispetto alla maggior parte dei paesi, lo ha fatto in parte attraverso alcuni dei blocchi più duri del mondo, che hanno avuto il loro impatto sulla salute pubblica. Uno di Pochi studi Per studiare l’eccesso di mortalità in Cina utilizzando dati interni, condotti da un gruppo di ricercatori governativi, è emerso che i decessi per malattie cardiache e diabete sono aumentati a Wuhan durante i due mesi di blocco di quella città. I ricercatori hanno affermato che l’aumento era probabilmente dovuto all’incapacità o alla riluttanza a cercare aiuto negli ospedali. Hanno concluso che il tasso di mortalità complessivo a Wuhan era di circa il 50% superiore al previsto nel primo trimestre del 2020.

Gli sforzi dell’India per fermare la pubblicazione del rapporto chiariscono che i dati sulla pandemia sono una questione delicata per il governo Modi. “È una mossa straordinaria”, ha affermato Anand Krishnan, professore di medicina di comunità presso l’All India Institute of Medical Sciences di Nuova Delhi, che sta anche lavorando con l’Organizzazione mondiale della sanità per rivedere i dati. “Non ricordo un momento in cui è successo in passato.”

Sono una sfida per i governi quando mostrano un gran numero di morti in eccesso, ha affermato Ariel Karlinsky, l’economista israeliano che ha costruito e mantiene il set di dati sulla mortalità globale e che ha lavorato con l’Organizzazione mondiale della sanità sui numeri. “Penso che sia molto ragionevole per le persone al potere temere queste conseguenze”.

Vivian Wang Contribuire alla redazione dei rapporti.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews