L’economia potrebbe essere in una forma migliore di quanto pensi… in questo momento

Una versione di questa storia è apparsa per la prima volta nella newsletter di Before the Bell della CNN Business. Non sei abbonato? Puoi registrarti qui.


New York
Affari CNN

Il mercato immobiliare Perde rapidamente le forze. tassi di interesse continuare a salire. Il Mercato azionario ancora volubile. E il inflazione È ancora un grosso problema per le persone che cercano di pagare le bollette.

Detto questo, si potrebbe pensare che la realistica pagella economica per il terzo trimestre – PIL, o PIL – prevista per giovedì sarebbe desolante.

Ma questo è il punto.

Gli economisti in realtà prevedono una crescita decente, se non sbalorditiva. Gli economisti intervistati da Reuters si aspettavano che il prodotto interno lordo crescesse a un ritmo annualizzato del 2,1% nel terzo trimestre. (Questa sarà la prima stima del PIL del terzo trimestre e ci saranno diverse revisioni nelle prossime settimane.)

C’è una prospettiva più ottimista dalla Federal Reserve di Atlanta, che è ampiamente seguita e rispettata PIL adesso Il modello tiene traccia di tutti gli ultimi dati economici e fornisce una previsione per il PIL. L’ultima lettura del PIL ora richiede una crescita annua del 2,9%.

Perché così roseo nonostante tutte le notizie deprimenti? In primo luogo, gran parte del PIL è costituita dalla spesa dei consumatori e, sebbene tutti ci lamentiamo dell’inflazione, finora i prezzi elevati non hanno impedito ai consumatori di dissolutezza. Secondo i dati diffusi dal governo, le vendite al dettaglio sono aumentate dell’8,2% a settembre rispetto allo scorso anno.

Aiuta anche a mantenere in buona forma il mercato del lavoro. Le aziende americane stanno aggiungendo centinaia di migliaia di posti di lavoro al mese, il tasso di disoccupazione è vicino al minimo da mezzo secolo del 3,5% e i salari stanno aumentando (anche se non così velocemente come i prezzi).

READ  La bolla immobiliare si prepara a scoppiare: le vendite in attesa scendono a giugno, le scorte aumentano, i prezzi salgono a causa dell'aumento dei tassi ipotecari

Se il PIL finisce per aumentare dal 2% al 3%, invece di contrarsi come nel primo e nel secondo trimestre, è improbabile che ci troviamo in una recessione. Questa sarà una buona notizia per i consumatori, gli investitori e la Federal Reserve.

Significa anche che la Fed probabilmente continuerà ad aumentare drasticamente i tassi di interesse per soffocare l’inflazione una volta per tutte. Sì, questo aumenta le probabilità che alla fine una recessione lungo la strada perché gli aumenti dei tassi di interesse richiedono tempo per influenzare la maggior parte dell’economia reale, con i tassi sui mutui e sulle abitazioni che rappresentano l’eccezione degna di nota.

“La Federal Reserve rischia una recessione negli Stati Uniti con il tasso di interesse Sostiene che l’inflazione può aumentare la crescita nominalmente poiché i consumatori spendono di più … ma ciò ha un costo. Si mangia gli stipendi dei lavoratori.

Oltre a una solida relazione del terzo trimestre, alcuni economisti sono preoccupati per l’impatto futuro sulla crescita.

“L’incombente PIL è stato colpito da tassi più alti e da un dollaro enormemente più forte”, hanno affermato in un rapporto gli economisti di Jefferies Anita Markowska e Thomas Simmons. Hanno confrontato l’attuale inasprimento della Fed e le sue conseguenze quando la Fed stava aumentando in modo aggressivo i tassi per combattere l’inflazione nei primi anni ’80 sotto l’allora presidente della Fed Paul Volcker.

Questi aumenti di prezzo hanno contribuito a causare la cosiddetta doppia recessione, poiché l’economia ha subito due flessioni tra il 1980 e il 1982.

Markowska e Simmons sono anche preoccupati dal fatto che la Fed sia così concentrata sull’inflazione da non agire abbastanza velocemente da tagliare nuovamente i tassi di interesse una volta che l’economia mostrerà più segni di prolungata flessione.

READ  Meta Facebook accetta di risolvere la causa sulla privacy dei dati

“Ci aspettiamo anche che la Fed risponda lentamente alla debolezza economica, che probabilmente prolungherà e aggraverà l’imminente recessione”, hanno affermato, aggiungendo che non credevano che la Fed avrebbe tagliato i tassi di interesse fino all’inizio del 2024…nonostante la recessione Potrebbe iniziare entro il terzo trimestre del 2023.

In altre parole, il tanto atteso “atterraggio morbido” potrebbe rivelarsi solo un sogno lontano.

Nel 2023 è probabile un rallentamento economico dovuto alla difficoltà di raggiungere un atterraggio morbido in generale. Un atterraggio morbido con un tasso di inflazione superiore all’8% sarà più difficile da raggiungere, ha affermato in un rapporto Jose Torres, capo economista di Interactive Brokers.

“Questa recessione potrebbe richiedere alla Fed di mantenere il piede sui freni per un periodo di tempo più lungo”, ha aggiunto. “Combattere l’inflazione elevata mantenendo allo stesso tempo una crescita economica positiva è una prova difficile”.

Linea di fondo: Quindi la buona notizia è che è probabile che l’economia non sia ancora in recessione… e il PIL del terzo trimestre dovrebbe supportare questa visione. Il problema è che è probabile che la deflazione arrivi ancora nel 2023.

I guadagni hanno contribuito a sostenere il mercato azionario finora questo mese. Ma è improbabile che il settore tecnologico soddisfi uno dei settori con prestazioni migliori.

Risultati della società di social networking Snapchat

(scoppiare, esplodere)
che ha emesso a sguardo cupoNon incoraggiante. e CNN Affari. Claire Duffy Si riferisce ai profitti provenienti da aziende del calibro di Apple

(AAPL)
Amazon

(AMZN)
proprietario di Google Alphabet

(Il Google)
Microsoft

(MSFT)
e papà facebook morto Potrebbe anche non essere molto promettente.

Il rallentamento della pubblicità online danneggerà molte di queste società, in particolare Meta e Alphabet, che possiedono anche YouTube. Un dollaro più forte influenzerà anche tutte le loro vendite e profitti internazionali.

READ  I futures Dow estendono le perdite: cosa fare dopo il crollo del mercato azionario di oggi

Ci sono ancora speranze che questi giganti della tecnologia abbiano una prospettiva più rosea per il quarto trimestre. Dopotutto, la tecnologia di solito brilla durante le vacanze quando i consumatori superano i gadget.

Ma con l’inflazione che taglia i budget delle famiglie, resta da vedere quanti nuovi iPhone, Pixel, Xbox e Quest VR arriveranno nelle scatole sorridenti di Amazon questo dicembre.

Lunedi: Flash PMI per Regno Unito ed Eurozona; Profitti Hyundai, philips

(PHG)
e scoprilo

(DFS)

Martedì: La fiducia dei consumatori statunitensi guadagna da General Motors

(GM)
General Electric

(GE)
UBS

(UBS)
Coca Cola

(KO)
UBS

(UBS)
HSBC

(HSBC)
succulente

(succulente)
Jet Blue

(JBLU)
Alfabeto dei visti Microsoft

(Quinto)
Texas Instruments

(txen)
spotify

(macchiare)
Chipotle

(kg)
E Mattel

(stuoia)

Mercoledì: vendita di nuove case negli Stati Uniti; Profitti Boeing

(BA)
Bristol Myers

(BMY)
Barclays

(pec)
Heineken

(HEINY)
Banca tedesca

(dB)
Dinamica generale

(GD)
Kraft Heinz

(KHC)
Norfolk meridionale

(Consiglio di sicurezza nazionale)
Hilton

(HLT)
Harley Davidson

(Maiale)
roccaforte

(F)
e morto

Giovedì: il prodotto interno lordo degli Stati Uniti; Decisione sui tassi della Banca Centrale Europea; produzione industriale in Cina; Richieste settimanali di disoccupazione negli Stati Uniti; beni durevoli americani; Guadagno da Comcast

(CMCSA)
SAMSUNG

(SSNLF)
Unilever

(acqua)
Credit Suisse

(CS)
Anheuser-Busch InBev

(germoglio)
Larva

(gatto)
merc

(MRK)
Sudovest

(LUV)
McDonald’s

(MCD)
Master Card, Carta di Credito

(Master)
Amazon, Apple, Intel

(INTC)
T-Mobile

(TMUS)
E Capitale Uno

(COF)

Venerdì: Entrate e spese personali degli Stati Uniti; Inflazione delle spese per consumi personali negli Stati Uniti; Decisione sui tassi di interesse della Banca del Giappone, PIL di Francia e Spagna; Guadagno ExxonMobil

(XOM)
Chevron

(CVX)
Volkswagen

(VLKAF)
Abby

(ABBV)
Carta delle comunicazioni

(CHTR)
E Colgate Palmolive

(CL)

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews