Le scarse prestazioni sono “cattive” nel lungo periodo per i gestori di fondi attivi

Il Standard & Poveri 500 Il trading potrebbe essere intorno ai minimi del 2022, ma un nuovo rapporto rileva che i gestori attivi stanno vivendo il loro anno migliore dal 2009. E i numeri suggeriscono che hanno ancora molta strada da fare.

S&P Global ha recentemente pubblicato la US SPIVA Mid-2022 Scorecard, che misura il rendimento dei fondi gestiti attivamente negli Stati Uniti rispetto a determinati criteri. Lo studio ha rilevato che il 51% dei fondi azionari domestici a grande capitalizzazione ha sovraperformato l’S&P 500 nella prima metà del 2022, sulla buona strada per il miglior tasso degli ultimi 13 anni, in calo rispetto all’85% sottoperformato lo scorso anno.

Ciò è in parte dovuto alla flessione del mercato, ha affermato Anu Ganti, direttore senior della strategia di investimento degli indici presso S&P Dow Jones Indices. Ganti ha detto alla CNBC Bob Pisani su di me “Bordo ETF” Questa settimana, poiché le perdite su azioni e reddito fisso, nonché l’aumento del rischio e dell’inflazione, si aggiungono al valore delle capacità di gestione attiva quest’anno.

Nonostante i numeri promettenti, la scarsa performance a lungo termine rimane, come ha osservato Pisani, “cattiva”. Dopo cinque anni, la proporzione di grandi aziende con basse prestazioni è dell’84% e questa percentuale cresce rispettivamente al 90% e al 95% dopo 10 e 20 anni.

La prima metà dell’anno è stata deludente anche per i gestori della crescita, con il 79%, 84% e 89% delle categorie di crescita grande, piccola e media, rispettivamente, che hanno sottoperformato.

Tassi di sottoperformance

Ganti ha affermato che i tassi di performance scadenti rimangono elevati perché i gestori attivi storicamente hanno avuto costi più elevati rispetto ai gestori passivi. Poiché le azioni non sono distribuite normalmente, i portafogli attivi sono spesso ostacolati da vincitori dominanti nei mercati azionari.

Inoltre, i gestori competono tra loro, il che rende più difficile generare alfa: negli anni ’60, i gestori attivi avevano un vantaggio informativo poiché gli investitori al dettaglio dominavano il mercato, ma oggi i gestori attivi competono principalmente con i gestori professionisti. Altri fattori includono la massiccia ridondanza degli accordi e l’imprevedibilità del futuro.

“Quando parliamo di commissioni, ciò può andare contro la performance, ma aiuta sicuramente mettendo i piedi per terra e mettendo un sacco di annunci ovunque dove potresti non vedere così spesso negli ETF”, ha affermato Tom Lydon, VP di VettaFi.

Lydon ha aggiunto che non ci sono abbastanza ETF nei piani 401(k), poiché ci sono molti gestori attivi: 75 centesimi di ogni dollaro che va ai fondi Fidelity passa attraverso piani 401(k). Il business 401(k) è dominato da persone che fanno soldi con grandi affari, a differenza degli ETF a basso costo che non fanno molto. Con $ 400 miliardi di nuove attività che entrano negli ETF quest’anno e $ 120 miliardi in fondi comuni di investimento, potrebbe volerci molto tempo per superare questi limiti.

“Avremo uno di quegli anni in cui i mercati azionari potrebbero essere inattivi, i mercati a reddito fisso potrebbero essere inattivi e i gestori attivi potrebbero dover entrare in azioni a basso costo per vendere per soddisfare i ritorni, che si verificheranno a la fine del dividendo della plusvalenza”. “Non vuoi, in un anno in cui sei tu quello che passa il tempo, a ricevere il regalo di fine anno inaspettato e indesiderato.”

pregiudizio di sopravvivenza

Un’altra componente dello studio è il “survival bias”, per cui la perdita di denaro consolidato o liquidato non appare negli indici, quindi il tasso di sopravvivenza è distorto. Lo studio ha preso in considerazione l’intera gamma di opportunità, compresi questi soldi falliti, per tenere conto di questo pregiudizio.

Pertanto, ha affermato Lydon, nel bel mezzo delle flessioni del mercato, gli investitori dovrebbero adottare una prospettiva a lungo termine e cercare di non essere un “operatore azionario”, perché il miglior manager di oggi potrebbe non essere il migliore nel lungo periodo.

READ  Tesla accelera a 70 mph e si schianta contro il Greater Columbus Convention Center in Ohio

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews