Le immagini satellitari hanno mostrato che il Pakistan ha allagato l’ultimo lago largo 100 km

Parti del paese sono ora sott’acqua, dopo quello che i funzionari delle Nazioni Unite hanno descritto come “Monsoni sotto steroidi” Ha portato le più grandi piogge a memoria d’uomo e inondazioni che hanno ucciso 1.162 persone 3.554 e 33 milioni colpiti Da metà giugno.

Nuove immagini, scattate il 28 agosto dal sensore satellitare MODIS della NASA, mostrano come le piogge torrenziali e il fiume Indo traboccante abbiano inondato la maggior parte della provincia dell’Indo nel sud.

Al centro dell’immagine, una vasta area di blu scuro mostra il fiume Indo che trabocca e inonda un’area larga circa 100 chilometri (62 miglia), trasformando quello che un tempo era un campo agricolo in un gigantesco lago interno.

È una deviazione scioccante da un’immagine scattata dallo stesso satellite nella stessa data dell’anno scorso, che mostra il fiume e i suoi affluenti in quello che sembra essere in confronto a catene piccole e ristrette, evidenziando l’entità del danno in uno dei paesi. Le zone più colpite.

Secondo il Dipartimento meteorologico pakistano, quest’anno il monsone è già il più piovoso del paese da quando sono iniziate le registrazioni nel 1961 e la stagione ha ancora un mese di tempo.

Sia nel Sindh che nel Belucistan, le precipitazioni sono state del 500% superiori alla media, spazzando via interi villaggi e terreni agricoli, distruggendo edifici e spazzando via i raccolti.

E mentre nei prossimi giorni è previsto un clima prevalentemente secco nella zona, gli esperti affermano che ci vorranno giorni prima che le acque si ritirino.

Il ministro pakistano per i cambiamenti climatici Sherry Rehman ha dichiarato domenica che parti del paese “Come un piccolo oceano” E che “quando tutto questo sarà finito, potremmo avere un quarto o un terzo del Pakistan sott’acqua”.

‘Inondazione di proporzioni orribili’

In un’intervista con la CNN martedì, il ministro degli Esteri pakistano Bilawal Bhutto Zardari ha affermato di aver visitato il Sindh e di aver assistito in prima persona a come le inondazioni hanno spostato interi villaggi e città.

READ  La Corea del Nord lancia il primo missile balistico intercontinentale sospetto dal 2017

“Non c’è quasi nessuna terraferma che possiamo trovare. La portata di questa tragedia… 33 milioni di persone, è più della popolazione dello Sri Lanka o dell’Australia”, ha detto.

“Sebbene comprendiamo che la nuova realtà del cambiamento climatico significa condizioni meteorologiche più estreme, o monsoni e ondate di calore più intense, come abbiamo visto all’inizio di quest’anno, l’entità delle attuali inondazioni è di proporzioni orribili. Speriamo certamente che un nuovo clima lo farà non essere una realtà”.

Le immagini satellitari di Maxar Technologies provenienti da altre regioni del paese mostrano come le inondazioni abbiano rapidamente distrutto interi villaggi e centinaia di aree verdi.

Le immagini di Jodhpur, una località del Punjab, mostrano come le inondazioni abbiano distrutto le case, sostituendo la terra con sentieri tortuosi di terra nuda.

Il primo ministro pakistano Shahbaz Sharif è arrivato mercoledì nella provincia settentrionale di Khyber Pakhtunkhwa per ispezionare i danni causati dalle inondazioni.

La National Disaster Management Authority del paese ha affermato che la provincia ha registrato i decessi più recenti dopo che il livello dell’acqua è aumentato drasticamente.

Martedì, Sharif ha affermato che le inondazioni sono state “le peggiori nella storia del Pakistan” e che è necessaria l’assistenza internazionale per far fronte all’entità della devastazione.

Ulteriori segnalazioni di Rachel Ramirez, Angela Dewan e Jean Kamensande Brumby della CNN.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews