Le azioni salgono mentre l’ottimismo degli investitori sul coronavirus cinese scende sul dollaro Di Reuters


© Reuters. FILE PHOTO: Le persone passano davanti a uno schermo elettronico che mostra l’indice dei prezzi delle azioni Nikkei del Giappone all’interno di una sala conferenze a Tokyo, in Giappone, il 14 giugno 2022. REUTERS/Issa Kato

Scritto da Amanda Cooper

LONDRA (Reuters) – Le azioni globali sono aumentate lunedì, nonostante la smentita di Pechino di prendere in considerazione l’allentamento della sua politica zero COVID-19, che ha distolto i flussi degli investitori dal dollaro in vista dei dati probabili sull’inflazione al consumo di questa settimana.

Le attività rischiose sono rimbalzate venerdì sulla speculazione che la Cina si stia preparando ad allentare le sue restrizioni epidemiche, ma durante il fine settimana i funzionari sanitari hanno ribadito il loro impegno per un approccio di “compensazione dinamica” ai casi di COVID non appena emergono.

“Possiamo chiederci se la storia della Cina abbia qualche validità, ma il mercato è molto felice di darle credibilità per ora, nonostante le enormi smentite”, ha affermato Jeremy Stretch, capo della strategia valutaria di CIBC Capital Markets per il G10.

Il dollaro è stato messo sotto pressione per il secondo giorno, poiché i commercianti sono rimasti fedeli all’idea che la Cina potesse allentare alcune delle sue restrizioni, dopo che il governo ha indicato lunedì che avrebbe reso più facile per le persone entrare e uscire dalla capitale.

Il dollaro è sceso contro le altre principali valute, spingendo la sterlina in rialzo dello 0,8% a $ 1,1457 e sostenendo l’euro dello 0,2% per avvicinarsi alla parità a $ 0,9980.

I futures del Nasdaq sono aumentati rispettivamente dello 0,2% e dello 0,3%.

Il più grande evento di rischio macroeconomico di questa settimana sarà l’indice dei prezzi al consumo (CPI) statunitense di ottobre, che potrebbe influenzare le aspettative degli investitori sul probabile percorso della politica monetaria federale.

READ  La morte della regina Elisabetta arriva quando inizia una nuova era economica per il Regno Unito

Il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha respinto la scorsa settimana le speculazioni secondo cui la banca centrale potrebbe rallentare il ritmo degli aumenti dei tassi di interesse, affermando che i tassi di interesse rimarranno probabilmente alti più a lungo.

Venerdì, il rapporto sull’occupazione di ottobre ha mostrato una crescita dell’occupazione molto più rapida del previsto, ma una crescita salariale più lenta e un aumento del tasso di disoccupazione, suggerendo che alcune difficoltà del mercato del lavoro potrebbero attenuarsi.

aspettative medie

Per giovedì, la previsione mediana prevede un rallentamento dell’inflazione annuale all’8,0% e un calo del core al 6,5%.

“Se riusciamo a vedere una moderazione nel CPI di base, che penso possa significare un bel po’, ma penso che se lo vediamo, incoraggerà questa correzione ad andare un po’”, ha detto Stretch della CIBC.

Si ipotizza che la Cina, il più grande consumatore mondiale di materie prime, possa aprire la sua economia del 7% venerdì nel suo più grande aumento di un giorno dal 2009, mentre il petrolio è salito di oltre il 4%.[MET/L] [O/R]

Quattro politici della Federal Reserve hanno indicato venerdì che avrebbero preso in considerazione un aumento più contenuto dei tassi al loro prossimo incontro politico, apparendo meno aggressivo del presidente Jerome Powell.

Almeno sette funzionari della Fed dovrebbero parlare questa settimana, il che aiuterà a migliorare le prospettive dei tassi con i mercati che ora si inclinano di poco verso un aumento dei tassi di mezzo punto il mese prossimo al 4,25-4,5%.

“Non credo che il mercato farà molto prima dei dati sull’inflazione negli Stati Uniti”, ha affermato Massimiliano Macia, capo specialista del reddito fisso di Allianz (ETR: Global Investors).

READ  Zelensky spinge la domanda "accelerata" per l'adesione dell'Ucraina alla NATO

“I mercati si aspettano un aumento del tasso di 50 punti base (Fed) a dicembre e di 25 punti base all’inizio del prossimo anno, ma sono pronti a cambiare idea molto rapidamente se i numeri dell’IPC sorprendessero un aumento”, ha aggiunto.

I rendimenti dei Treasury a due anni, che sono più sensibili all’inflazione e alle aspettative sui tassi di interesse, sono aumentati di 6 punti base nel corso della giornata al 4,711%, in calo rispetto al picco del 2007 di venerdì.

Da segnalare anche le elezioni di medio termine negli Stati Uniti di martedì, in cui i repubblicani potrebbero ottenere il controllo di una o entrambe le camere e portare a una situazione di stallo nella politica fiscale.

Nel frattempo, i prezzi del petrolio sono scesi, rinunciando ad alcuni dei guadagni della scorsa settimana. È sceso dello 0,7% a $ 97,96 al barile, così come a $ 91,91 al barile.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews