L’ascesa dei dinosauri è dovuta al loro adattamento al freddo

I cacciatori di fossili fanno risalire l’ascesa dei dinosauri agli inverni gelidi che le bestie hanno sopportato mentre vagavano nell’estremo nord.

Impronte di animali e sedimenti di pietra del nord-ovest della Cina indicano che i dinosauri si sono adattati al freddo delle regioni polari prima che un evento di estinzione di massa abbia aperto la strada al loro regno alla fine del periodo Triassico.

Con una coltre di piume nebbiose per tenerli al caldo, i dinosauri sono stati più in grado di acclimatarsi e sfruttare nuovi territori quando le condizioni brutali hanno spazzato via vaste aree delle creature più vulnerabili.

“La chiave del loro dominio definitivo era molto semplice”, ha affermato Paul Olsen, autore principale dello studio presso il Lamont-Doherty Earth Observatory della Columbia University. Erano fondamentalmente animali adattati al freddo. Quando faceva freddo dappertutto, erano pronti, e gli altri animali no”.

Si ritiene che i primi dinosauri siano apparsi nel sud temperato più di 230 milioni di anni fa, quando la maggior parte della terra terrestre formava un subcontinente gigante chiamato Pangea. I dinosauri erano inizialmente un gruppo minoritario che viveva principalmente ad alta quota. Altre specie, compresi gli antenati dei moderni coccodrilli, dominavano i tropici e i subtropicali.

Ma alla fine del periodo Triassico, circa 202 milioni di anni fa, più di tre quarti delle specie terrestri e marine furono spazzate via da un misterioso evento di estinzione di massa legato a massicce eruzioni vulcaniche che fecero diventare freddo e buio gran parte del mondo. La devastazione ha aperto la strada all’era dei dinosauri.

Scrivere progresso della scienza, un team internazionale di ricercatori spiega come l’estinzione di massa abbia aiutato i dinosauri a raggiungere il predominio. Hanno iniziato esaminando le impronte di dinosauri dal bacino di Jonggar nello Xinjiang, in Cina. Questi studi hanno dimostrato che i dinosauri si nascondevano lungo le spiagge ad alte latitudini. Nel tardo Triassico, il bacino si trovava all’interno del Circolo Polare Artico, a circa 71 gradi N.

READ  Questa volta, lo Starliner di Boeing può finalmente brillare?

Ma gli scienziati hanno anche trovato piccoli ciottoli nei sedimenti fini di un bacino che un tempo ospitava diversi laghi poco profondi. I ciottoli sono stati identificati come “detriti pieni di ghiaccio”, il che significa che sono stati portati via dalle rive del lago su lastre di ghiaccio prima di cadere sul fondo quando il ghiaccio si è sciolto.

Insieme, le prove suggeriscono che i dinosauri non solo vivevano nell’Artico, ma prosperavano nonostante le condizioni di gelo. Dopo essersi adattati al freddo, i dinosauri si stavano preparando a conquistare nuovi territori dove le specie dominanti a sangue freddo si estinsero in massa.

I dinosauri sono spesso classificati come animali della giungla tropicale, ha affermato Stephen Brusatte, professore di paleontologia all’Università di Edimburgo che non è stato coinvolto nella ricerca. Ha detto che la nuova ricerca ha mostrato che sarebbero stati esposti a neve e ghiaccio a latitudini più elevate.

“I dinosauri avrebbero vissuto in queste regioni gelide e ghiacciate e avrebbero dovuto fare i conti con la neve, il congelamento e tutte le cose con cui gli umani che vivono in ambienti simili hanno a che fare oggi. Quindi, come hanno fatto i dinosauri a farlo? Il loro segreto erano le loro piume”.

“Le piume di questi primi dinosauri primitivi avrebbero fornito un morbido mantello per tenerli al caldo in condizioni di freddo intenso. Queste piume sembrano poi essere tornate utili quando il mondo è cambiato improvvisamente e inaspettatamente e alla fine del il periodo Triassico, con conseguente sprofondamento della maggior parte del mondo nel freddo e nell’oscurità durante i frequenti eventi vulcanici invernali”.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews