La UEFA si qualifica per la finale di Champions League dopo che la Russia invade l’Ucraina; La Polonia non si recherà alle qualificazioni ai Mondiali

La UEFA ha convocato venerdì una riunione straordinaria del suo Comitato Esecutivo per discutere dell’approfondimento La crisi tra Russia e Ucraina. La UEFA si prepara a disputare la finale di Champions League di questa stagione il 28 maggio, che avrebbe dovuto svolgersi allo stadio Krestovsky di San Pietroburgo, dopo che la Russia ha intensificato la sua campagna contro il suo vicino con un attacco militare su vasta scala all’Ucraina. Nelle prime ore del giovedì mattina.

Secondo quanto riferito, i missili sono atterrati vicino a diverse grandi città ucraine, inclusa la capitale, Kiev, facendo arrabbiare ulteriormente la comunità internazionale. Gli Stati Uniti sono tra quei paesi che hanno confermato che imporranno sanzioni alla Russia, al regime di Vladimir Putin e ai suoi alleati; I dettagli del pacchetto statunitense saranno annunciati più tardi giovedì. In tali circostanze, è inevitabile che la sede della finale di calcio europea si sposti.

“A seguito dello sviluppo della situazione tra Russia e Ucraina nelle ultime 24 ore, il Presidente UEFA ha deciso di convocare una riunione straordinaria del Comitato Esecutivo venerdì 25 febbraio alle 10:00 CET, al fine di valutare la situazione e prendere tutte le decisioni “, si legge in una dichiarazione. Necessario”. “Ulteriori contatti verranno presi dopo la riunione del Comitato Esecutivo UEFA”.

Inoltre, La UEFA ha rilasciato una dichiarazione Condannare l’invasione militare russa e la solidarietà con la popolazione ucraina.

La UEFA condivide la grave preoccupazione della comunità internazionale per lo sviluppo della situazione della sicurezza in Europa e condanna fermamente l’invasione militare in corso dell’Ucraina da parte della Russia.

In qualità di organo direttivo del calcio europeo, la UEFA lavora instancabilmente per sviluppare e promuovere il calcio in conformità con i valori europei comuni come la pace e il rispetto dei diritti umani, nello spirito della Carta Olimpica. Rimaniamo risoluti nella nostra solidarietà con la comunità calcistica in Ucraina e siamo pronti a tendere la nostra mano al popolo ucraino.

Stiamo affrontando questa situazione con la massima serietà e urgenza. Le decisioni saranno prese dal Comitato Esecutivo UEFA e annunciate domani.

Fonti di CBS Sports confermano che la UEFA sta facendo piani di emergenza per sedi alternative, anche se un’alternativa specifica potrebbe non essere selezionata fino a più tardi in Champions League, quando sarà chiaro quali paesi potrebbero prendere parte alla finale. Londra è stata citata come una potenziale città ospitante e lo stadio del West Ham da 60.000 posti ha lasciato intendere che sarebbe interessato a tenere la finale, che ha coinvolto cinque squadre inglesi negli ultimi quattro anni. Lo stadio di Wembley e lo stadio Tottenham Hotspur sono attualmente in uso il giorno della partita finale.

READ  Warriors punti contro Grizzlies, punti veloci: Stephen Curry e Jordan Bull guidano Golden State alla vittoria nella prima partita

La finale di Champions League non è l’unica cosa da affrontare. Sono state anche sollevate domande sul coinvolgimento della UEFA con Gazprom. La società energetica statale e di maggioranza sponsorizza la Champions League dal 2012 e da allora la pubblicità dell’azienda è diventata un punto fermo nelle trasmissioni delle partite. È stato riferito che il valore della transazione è di 45 milioni di dollari all’anno.

I politici al Parlamento europeo hanno chiesto la fine di questa unione, affermando in una lettera aperta: “Vi invitiamo a smettere di considerare San Pietroburgo e le altre città russe come sedi di partite di calcio internazionali e a sceglierla come un primo e urgentissimo passo in quanto una sede alternativa per la finale di Champions League il 28 maggio 2022.

“Inoltre, ti invitiamo a convocare una riunione speciale del Comitato Esecutivo UEFA, a porre fine alla cooperazione con Gazprom come sponsor UEFA e a prendere in considerazione l’imposizione di sanzioni ai funzionari russi complici della violazione del diritto internazionale”.

Il club tedesco Schalke 04 ha dichiarato che rimuoverà Gazprom dalla lista degli sponsor della maglia.

Dal punto di vista calcistico, la Russia ospiterà la Polonia nelle qualificazioni ai Mondiali il 24 marzo e, se vincerà quella partita, giocherà anche in casa per il vincitore della partita tra Svezia e Repubblica Ceca. Le federazioni calcistiche dei tre paesi affermano che non si recheranno in Russia.

Lo ha detto una dichiarazione congiuntaSulla base dell’attuale sviluppo allarmante del conflitto tra Russia e Ucraina, compresa la situazione della sicurezza, le Federazioni calcistiche polacche (PZPN), Svezia (SvFF) e Repubblica Ceca (FAR) esprimono la loro posizione coerente secondo cui le partite ad eliminazione si qualificheranno per il n. La Coppa del Mondo FIFA 2022 in Qatar, in programma il 24 e 29 marzo 2022, dovrebbe svolgersi nel territorio della Federazione Russa.

READ  I Giants rilasciano James Bradbury - ProFootballTalk

“I firmatari di questo appello non stanno considerando di recarsi in Russia e di giocare lì le partite di calcio. L’escalation militare che stiamo osservando ha conseguenze e sicurezza molto meno gravi per le nostre squadre nazionali di calcio e le delegazioni ufficiali. Pertanto, ci aspettiamo che FIFA e UEFA reagiscano immediatamente e proporre soluzioni alternative per quanto riguarda i luoghi dove potranno svolgersi gli spareggi.

Si discuterà anche della partecipazione del Paese agli Europei femminili di questa estate e alle partite della Nations League maschile. Il Real Betis giocherà giovedì contro lo Zenit St Petersburg della Russia nelle qualificazioni all’European League.

Zenit e Spartak Mosca, che parteciperanno agli ottavi di finale di Europa League, sono le ultime rappresentative russe rimaste nella competizione europea di questa stagione. Nessuna squadra ucraina si è qualificata per le fasi finali delle tre competizioni UEFA. Il campionato nazionale ucraino avrebbe dovuto riprendere questo fine settimana, ma è stato sospeso a causa del conflitto.

Il giocatore della nazionale ucraina Yaroslav Rakitsky gioca con lo Zenit, pubblicando una foto della bandiera del suo paese su Instagram con la didascalia “Sono ucraino”. Nel frattempo, diversi calciatori brasiliani si sono radunati in un hotel dove hanno chiesto aggiornamenti. Il Brasile ha il maggior numero di rappresentanti stranieri nel campionato ucraino con 30.

Marlon, uno dei 13 brasiliani nella lista dello Shakhtar Donetsk, ha dichiarato: “Siamo qui a chiedere aiuto attraverso questo video a causa della mancanza di carburante in città, frontiere chiuse, spazio aereo chiuso e non c’è modo per noi di farlo così. Se n’è andato. Chiediamo molto sostegno al governo del Brasile. , quindi puoi aiutarci. Spero che tu possa aiutarci promuovendo questo video in modo che possa raggiungere quante più persone possibile. “

READ  I pattinatori americani presentano un appello per le medaglie olimpiche a Pechino

Lo Shakhtar ha lasciato la sua città nel 2014 quando è iniziato il conflitto con la Russia nell’Ucraina orientale. Suonano allo Stadio Olimpico di Kiev dal 2020. Il loro manager, Roberto De Zerbe, ha detto di essersi svegliato al suono delle bombe ma di non aver ascoltato il consiglio italiano di lasciare il Paese.

“Resto in camera mia”, ha detto De Zerbe a Sportalia, “oggi non è una bella giornata”. “Stavo aspettando che la federazione sospendesse la stagione perché questo accadesse. Tuttavia, non mi sono mosso. Sono qui per fare sport e non potevo voltare le spalle ai tifosi”.

“Ci sono 13 giocatori brasiliani qui e il nostro staff. Potevamo andare a casa, ma abbiamo preferito aspettare. Ci siamo svegliati ieri sera con il rumore delle esplosioni”. Lo spazio aereo ucraino è ora chiuso ai voli civili, il che significa che De Zerbi e milioni di altri potrebbero non essere in grado di lasciare la capitale.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews