La sonda lunare scopre misteriose sfere di vetro sul lato opposto della luna

La missione cinese Yutu-2 ha fatto un’altra grande scoperta dall’altra parte la luna. La telecamera panoramica del rover, luccicante in mezzo a polvere secca e grigia, ha catturato due piccoli cerchi intatti di vetro trasparente.

Tali sfere possono registrare informazioni sulla storia della luna, inclusa la composizione della sua atmosfera e gli eventi di impatto. Yutu-2 non è stato in grado di ottenere dati sulla composizione, ma questi globi lunari naturali potrebbero essere importanti obiettivi di ricerca in futuro.

Il vetro non è raro sulla Luna, come succede. Il materiale si forma quando il materiale silicato viene esposto a temperature elevate ed entrambi i componenti sono prontamente disponibili sulla superficie lunare.

Nel passato lunare c’era un’attività vulcanica diffusa, che ha portato alla formazione del vetro vulcanico. Anche gli impatti di oggetti più piccoli come i meteoriti generano calore intenso, che porta alla formazione di vetro.

Quest’ultimo è ciò che potrebbe esserci dietro le sfere osservate da Yutu-2, secondo un team di scienziati guidato dal geologo planetario Zhiyong Xiao della Sun Yat-sen University e dell’Accademia cinese delle scienze.

È difficile saperlo con certezza, perché la maggior parte del vetro sulla Luna finora sembra diversa dalle sfere scoperte da Yutu-2. Ci sono molti globuli là fuori, ma tendono ad avere una dimensione inferiore a un millimetro.

Qui sulla Terra, tali minuscole sfere di vetro vengono create durante l’impatto, generando un calore così intenso che la crosta si scioglie e si diffonde nell’aria. Il materiale fuso si solidifica e si ritrae come piccole perle di vetro.

I pellet Yutu-2 sono molto più grandi, con un diametro di 15-25 mm. Questo da solo non lo rende unico; Sfere di vetro larghe fino a 40 mm sono state trovate dal lato della luna vicina durante la missione Apollo 16. Queste sono state rintracciate in un vicino cratere di un vulcano e si ritiene che siano anche manufatti.

READ  L'elicottero Mars rileva i detriti dall'atterraggio continuo

Ma ci sono differenze tra le due scoperte. Come spiegato da Xiao e colleghi, le sfere laterali distali appaiono traslucide o semitrasparenti e hanno una lucentezza vitrea. Oltre alle due che sembravano semitrasparenti, hanno trovato altre quattro sfere che avevano una lucentezza simile, ma la loro trasparenza non è stata confermata.

Queste sfere sono state trovate vicino a nuovi crateri da impatto, il che potrebbe indicare che si sono formate durante l’impatto del meteorite lunare, anche se è probabile che fossero già lì, sepolte sotto la superficie e solo scavate dalle collisioni.

Tuttavia, il team ritiene che la spiegazione più probabile sia che si sia formato da un vetro vulcanico chiamato anortosite che si è fuso di nuovo all’impatto, rimodellandosi in sfere circolari trasparenti.

“Collettivamente, la forma peculiare, la geometria e il contesto locale delle sfere di vetro sono coerenti con il loro essere vetro ad impatto anortosite”, I ricercatori scrivono nel loro articolo.

Questo può rendere gli oggetti lunari equivalenti alle formazioni terrestri chiamate taktet Oggetti di vetro delle dimensioni di un ciottolo che si formano quando il materiale terrestre si scioglie, si volatilizza nell’aria, si indurisce e ha la forma di una palla quando viene lasciato cadere di nuovo, come una versione più grande di quelle palline.

Non possiamo saperlo con certezza senza studiarne la composizione, ma se è una tettonica lunare, potrebbe essere molto comune sulla luna. Il team afferma che questo offre alcune interessanti possibilità per la ricerca futura.

“Come primo rilevamento di sfere di vetro macroscopiche e trasparenti sulla Luna, questo studio prevede che tali globuli dovrebbero essere abbondanti negli altopiani lunari, fornendo obiettivi di campionamento promettenti per rivelare la storia dell’impatto iniziale della Luna”, loro scrivono.

READ  Un nuovo tipo di dinosauro corazzato è stato trovato nel sud-ovest della Cina

Il documento che descrive in dettaglio la scoperta è stato pubblicato in Bollettino Scientifico.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews