La Russia sostiene la presenza di parti di fabbricazione canadese nei droni che prendono di mira le navi | notizie di guerra tra Russia e Ucraina

L’esercito russo afferma di aver “eseguito un controllo delle unità di navigazione di fabbricazione canadese” trovate nei droni abbattuti.

Il ministero della Difesa russo ha affermato che i droni utilizzati per attaccare le navi russe nel Mar Nero in Crimea erano equipaggiati con parti di fabbricazione canadese utilizzate nei sistemi di navigazione.

Ha detto che 16 droni ucraini hanno attaccato la flotta del Mar Nero nella Crimea annessa nelle prime ore di sabato mattina. La Russia ha affermato che la sua flotta navale ha “respinto” l’attacco nel Golfo di Sebastopoli.

L’esercito russo “ha effettuato un esame delle unità di navigazione di fabbricazione canadese” che sono state trovate nei droni abbattuti.

“Secondo i risultati delle informazioni ottenute dalla memoria del ricevitore di navigazione, è stato stabilito che il lancio di droni navali è avvenuto dalla costa vicino alla città di Odessa”, ha affermato domenica il ministero in una nota.

Secondo quanto riferito, i droni si sono spostati lungo la zona sicura del “corridoio del grano”, prima di cambiare rotta per dirigersi verso la base navale russa di Sebastopoli, la più grande città della Crimea.

Il ministero della Difesa ha affermato che uno dei droni potrebbe essere stato lanciato “da una delle navi civili noleggiate da Kiev o dai suoi comandanti occidentali per l’esportazione di prodotti agricoli dai porti marittimi in Ucraina”.

La Russia ha accusato Kiev di aver pianificato l’attacco di Sebastopoli con l’aiuto di “specialisti” militari del Regno Unito. Il Regno Unito ha negato le accuse.

E il mese scorso, un importante ponte che collega la Crimea alla Russia continentale è stato parzialmente danneggiato da un’esplosione che Mosca ha attribuito all’Ucraina. Kiev ha negato il suo ruolo nell’attacco, che ha attirato la Russia in rappresaglia.

READ  L'opposizione francese racconta all'"arrogante" Macron: un compromesso per conquistare consensi

Da allora, la Russia ha effettuato attacchi aerei e droni in tutta l’Ucraina, danneggiando più di un terzo delle sue infrastrutture energetiche.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews