La Russia intensifica i suoi attacchi alle ferrovie, prendendo di mira l’ancora di salvezza dell’Ucraina verso il mondo esterno

La centrale di Leopoli era tra le sei strutture ferroviarie nell’Ucraina centrale e occidentale presi di mira dalle forze russe martedì sera, secondo il presidente del consiglio di amministrazione. Ferrovie ucraine Oleksandr Kamyshin.

Gli scioperi coordinati hanno causato brevi blackout in alcune parti dell’area e ritardato più di 40 treni.

“Ci sono stati disordini anche nelle nostre stazioni di pompaggio, che forniscono acqua alla città”, ha detto alla Galileus Web il vice sindaco di Leopoli Serhiy Kiral. Ha detto che sono stati implementati piani di emergenza per garantire che l’approvvigionamento idrico non sia influenzato dagli scioperi.

L’attacco di martedì è l’ultimo di una serie di recenti attacchi alle infrastrutture del Paese, con la rete ferroviaria ora uno dei principali obiettivi della Russia.

La Russia ha dichiarato mercoledì di ritenere che qualsiasi arma – compreso l’equipaggiamento della NATO – in arrivo e in movimento all’interno dell’Ucraina fosse un obiettivo, secondo l’agenzia di stampa russa RIA Novosti.

Cinque stazioni ferroviarie nell’Ucraina occidentale e centrale sono state colpite entro un’ora il 25 aprile. Due giorni dopo, un missile ha colpito un ponte ferroviario e stradale attraverso la foce del fiume Dnestr, che collega la città portuale meridionale di Odessa con l’estremo sud-ovest del paese. Poi venerdì, un altro importante ponte ferroviario è stato fatto saltare in aria vicino alla città di Sloviansk, nella regione orientale di Donetsk.

All’inizio di aprile, in uno degli attacchi più mortali fino ad oggi, almeno 50 persone – tra cui cinque bambini – sono state uccise dopo che le forze russe hanno effettuato un attacco missilistico contro Stazione ferroviaria di Kramatorsk.

Mercoledì, il portavoce del Pentagono John Kirby ha affermato che le forze russe “stanno cercando di raggiungere quelli che riteniamo essere obiettivi chiave per le infrastrutture verso ovest” in Ucraina, tra cui “energia elettrica, snodi di trasporto e così via”.

READ  Il Consiglio delle Nazioni Unite sospende l'appartenenza della Russia al più alto organismo per i diritti umani

Kirby ha affermato che, nonostante i recenti attacchi, gli Stati Uniti sono stati ancora in grado di “far fluire” assistenza militare nella regione, inclusi “sistemi di armi” e altri materiali.

Le ferrovie nazionali hanno sempre svolto un ruolo economico decisivo in Ucraina, trasportando le esportazioni agricole e l’industria pesante attraverso il vasto territorio del Paese.

Ma da quando l’invasione russa è iniziata alla fine di febbraio, la rete ferroviaria è diventata l’ancora di salvezza dell’Ucraina verso il mondo esterno: è il modo in cui armi, rifornimenti e aiuti umanitari entrano nel Paese.

Il sindaco Kerral ha minimizzato i tentativi della Russia, dicendo che credeva che non avrebbero avuto “alcun impatto significativo” sui rifornimenti provenienti dall’Occidente.

Tuttavia, ha riconosciuto che gli attacchi potrebbero interrompere il commercio dell’Ucraina con il mondo esterno. “Potrebbe influire sulle esportazioni di merci ucraine, il che è fondamentale in questi periodi dell’anno perché dobbiamo estrarre più di cinque milioni di tonnellate di grano in modo da essere pronti per il nuovo raccolto”.

Command Center on the Rail: come gli ucraini mantengono i treni in pista durante la guerra
La rete è stata anche la spina dorsale della diplomazia e della solidarietà globali. Quando i funzionari stranieri – inclusi i leader dell’Unione Europea, il Primo Ministro britannico Boris Johnson e il Segretario di Stato americano Anthony Blinken – hanno visitato il paese, hanno anche Entra e esci in treno.
È anche un’importante ancora di salvezza per molti che hanno sopravvissuto al combattimento. Secondo le ferrovie ucraine, 3,8 milioni di persone – quasi il 10% della popolazione totale del paese – hanno utilizzato i treni per mettersi in salvo nei primi due mesi di guerra.

Per gli oltre 230.000 ucraini che lavorano sulla rete ferroviaria, i recenti attacchi hanno ricordato quanto siano pericolosi e vitali il loro lavoro.

READ  La Russia afferma che ridurrà in modo significativo la sua offensiva militare su Kiev e Chernihiv

Andrei, un ferroviere su una delle linee dalla Polonia a Leopoli, ha detto alla Galileus Web: “Siamo preoccupati. Quando sentiamo la sirena, dobbiamo correre al rifugio. Proprio ieri, due missili sono atterrati nelle vicinanze”. Andre ha rifiutato di fornire il suo cognome per motivi di sicurezza. Le ferrovie sono una risorsa strategica e i loro dipendenti non sono ufficialmente autorizzati a parlare con i media.

Andrey, che opera nel settore ferroviario da 28 anni, si è detto molto orgoglioso di far parte dello sforzo che fa muovere l’Ucraina.

Mentre estraeva pietre e terra da sotto la ringhiera, parlò della sua paura. “Vogliamo solo lavorare in sicurezza e nessuno vuole farsi male dall’aria”, ha detto.

I ferrovieri riparano parte della ferrovia che collega Leopoli alla Polonia.

Poiché le ferrovie hanno svolto un ruolo importante nel conflitto, anche gli ucraini le hanno utilizzate con tatto, colpendo parti chiave della loro rete nelle regioni del paese occupate dalla Russia.

Giovedì scorso, le forze ucraine hanno fatto saltare in aria un ponte che collegava la Crimea alla parte occupata dai russi dell’Ucraina meridionale nel tentativo di interrompere il flusso di armi.

Serhiy Prachuk, portavoce dell’amministrazione militare di Odessa, ha affermato che le forze russe stanno usando il ponte “per rifornire la Crimea di armi e carburante”.

Maxim, un collega di Andrey, lavora nelle ferrovie come parte del servizio militare obbligatorio.

Come pastore, Maxim, che si rifiutò anche di rivelare il suo cognome, disse che la sua fede non gli permetteva di portare armi. “Quindi lo sto facendo come sostituto”, ha detto alla CNN, dicendo che assicurarsi che i treni continuino a circolare è il suo modo di combattere.

READ  La Germania dice che si sta muovendo per tagliare il cordone sull'energia russa

Tim Lister della CNN, Madalina Araujo Issa Soares, ha contribuito con reportage da Leopoli, Ucraina. Anche Michael Conti, Barbara Starr e Nikki Robertson della CNN hanno contribuito al reportage.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews