La Russia annuncia il ritiro delle sue forze dalla regione ucraina di Kharkiv

Kiev, Ucraina (AFP) – Sabato il ministero della Difesa russo ha annunciato che ritirerà le sue forze da due distretti nella regione di Kharkiv, nell’Ucraina orientale, dove la controffensiva ucraina ha compiuto progressi significativi la scorsa settimana.

La notizia è arrivata pochi giorni dopo che l’Ucraina ha fatto evidenti progressi a sud di Kharkiv, la seconda città più grande del paese, in quello che potrebbe diventare il più grande successo sul campo di battaglia per le forze ucraine da quando hanno sventato un tentativo russo di impadronirsi della capitale Kiev all’inizio della guerra. Quasi sette mesi di guerra.

“L’esercito russo in questi giorni sta mostrando quello che sa fare meglio – mostrando le spalle”, ha detto il presidente ucraino Volodymyr Zelensky in un video diffuso dal suo ufficio sabato sera. “E, naturalmente, correre è una buona decisione per loro”.

Il portavoce del ministero della Difesa russo Igor Konashenkov ha detto che le forze sarebbero state raggruppate dalle regioni di Balaklya e Izyum alla regione orientale di Donetsk. Izyum è stata un’importante base per le forze russe nella regione di Kharkiv e all’inizio di questa settimana i video sui social media hanno mostrato i residenti di Balaklia che esultavano di gioia mentre le forze ucraine avanzavano.

Konashenkov ha affermato che il passo russo viene compiuto “per raggiungere gli obiettivi dichiarati dell’operazione militare speciale per liberare il Donbass”, una delle regioni dell’Ucraina orientale su cui la Russia ha dichiarato la sovranità.

La pretesa di ritirarsi per concentrarsi su Donetsk è simile alla giustificazione data dalla Russia per aver ritirato le sue forze dalla regione di Kiev all’inizio di quest’anno, quando non è riuscita a catturare la capitale.

Igor Girkin, un russo che è stato uno dei primi leader di una rivolta separatista sostenuta da Mosca a Donetsk nel 2014, ha deriso il fatto che il ritiro fosse strategico. Nell’app di messaggistica di Telegram, lo ha descritto con entusiasmo come “il processo straordinario (chiaramente all’interno del piano e anche prima del previsto) per trasferire le città di Izyum, Balaklia e Kobjansk a rispettati partner ucraini”.

READ  La Russia afferma che Israele sostiene le faide neonaziste sull'Ucraina

Sabato scorso, funzionari ucraini hanno annunciato guadagni significativi nella regione di Kharkiv, affermando che le loro forze avevano interrotto i rifornimenti vitali a Izyum.

Il portavoce del ministero degli Esteri Ole Nikolenko ha anche osservato che le truppe hanno riconquistato Kobyansk, una città lungo la principale via di rifornimento per Izyum, che è stata a lungo il fulcro della prima linea russa e sede di artiglieria pesante e altre battaglie. Nikolenko ha twittato una foto che mostra i soldati davanti a quello che ha detto essere un edificio governativo a Kobyansk, 73 chilometri (45 miglia) a nord di Izyum.

Il servizio di sicurezza ucraino ha pubblicato un messaggio ore dopo in cui affermava che le truppe erano a Kobyansk, indicando che erano state catturate. I militari non hanno immediatamente confermato di essere entrato nella città, uno snodo ferroviario che la Russia ha catturato a febbraio.

I video sono emersi sui social media che mostrano le forze ucraine alla periferia di Izyum a un posto di blocco lungo la strada. Nelle foto si può vedere una grande statua con il nome della città. Le forze ucraine non hanno riconosciuto il controllo della città.

Sabato il ministero della Difesa britannico ha dichiarato di ritenere che le forze ucraine siano avanzate fino a 50 chilometri (30 miglia) a sud di Kharkiv, descrivendo le forze russe intorno a Izyum come “sempre più isolate”.

È possibile che le forze russe siano state colte di sorpresa. “Il controllo del settore era limitato e le unità ucraine catturarono o assediarono diverse città”, ha affermato l’esercito britannico, aggiungendo che la perdita di Kobyansk avrebbe influenzato notevolmente le linee di rifornimento russe.

Allo stesso modo l’Institute for the Study of War, un think tank con sede a Washington, ha notato gli ampi guadagni ucraini, stimando che Kiev abbia catturato circa 2.500 chilometri quadrati (965 miglia quadrate) nella sua penetrazione orientale. L’istituto ha affermato che sembrava che “forze russe disorganizzate (sono state catturate) nel mezzo della rapida avanzata ucraina” e ha citato le foto sui social media di prigionieri russi apparentemente catturati intorno a Izyum e nelle città circostanti.

READ  L'arrivo in Spagna dell'ex re di Spagna Juan Carlos dopo due anni di esilio

Lo stesso rapporto affermava che le forze ucraine “potrebbero far crollare le posizioni russe intorno a Izyum se le linee di comunicazione terrestri russe fossero tagliate” a nord ea sud della città.

Vladislav Sokolov, capo dell’amministrazione locale nominata dalla Russia, ha dichiarato sui social media che le autorità di Izyum hanno iniziato a evacuare i residenti in Russia.

I combattimenti nell’Ucraina orientale arrivano nel mezzo di un’offensiva in corso intorno a Kherson, nel sud. Gli analisti suggeriscono che la Russia potrebbe aver preso soldati dall’est per sostenere quest’ultimo, fornendo agli ucraini l’opportunità di colpire una debole linea del fronte.

Il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov ha detto al canale televisivo ucraino che i russi non avevano cibo o carburante per le loro forze nella regione perché Kiev aveva tagliato le loro linee di rifornimento.

“Sarà come una valanga”, ha detto, prevedendo la ritirata della Russia. “Una linea di difesa tremerà e cadrà”.

L’esercito ucraino è stato più cauto, affermando di aver catturato “più di 1.000 chilometri quadrati” (386 miglia quadrate) dalle forze fedeli al Cremlino questa settimana. Ha affermato che “in alcune aree unità delle forze di difesa sono penetrate nelle difese nemiche fino a una profondità di 50 km”, coerentemente con la stima britannica, ma non ha rivelato dettagli geografici.

I funzionari di Kiev hanno resistito per settimane ai piani per lanciare un contrattacco, esortando i residenti ad astenersi dal condividere informazioni sui social media.

Tuttavia, venerdì, Zelensky ha affermato che le truppe hanno riconquistato più di 30 insediamenti nella regione di Kharkiv dall’inizio della controffensiva.

Altrove, i servizi di emergenza ucraini hanno riferito che una donna di 62 anni è stata uccisa in un attacco missilistico russo nella regione di Kharkiv quando la sua casa è stata rasa al suolo durante la notte.

Il governatore ucraino di Kharkiv, Oleh Sinihopov, ha accusato Mosca di aver colpito gli insediamenti che aveva riconquistato. Ha detto tramite Telegram che cinque civili sono stati portati in ospedale nel distretto di Izium, mentre altri nove sono rimasti feriti in altre parti del distretto.

READ  Tracker Ucraina-Russia in diretta: Israele, Zelensky e NATO

Nella regione assediata del Donbass, il governatore ucraino ha detto che i civili sono stati uccisi e feriti durante la notte dai bombardamenti russi vicino alla città di Bakhmut, l’obiettivo principale della vacillante offensiva russa. Pavlo Kirilenko ha detto su Telegram che due persone sono state uccise e due ferite a Bakhmut e nel vicino villaggio di Yehdana.

L’elettricità e l’acqua sono state ripristinate dopo un’interruzione di quattro giorni a causa di un’esplosione, ha detto il sindaco Dmitro Orlov nella città di Enerhodar, controllata dalla Russia, sede della più grande centrale nucleare d’Europa.

Enerhodar e la centrale nucleare di Zaporizhzhia sono state ripetutamente bombardate nelle ultime settimane, perpetrate tra loro da Russia e Ucraina. L’attentato ha sollevato i timori di una fuga radioattiva nella stazione, che è stata tagliata fuori dalle fonti di energia esterne. La struttura è stata costretta a fare affidamento sull’energia del suo unico reattore funzionante per i sistemi di raffreddamento e altre misure di sicurezza.

Orloff ha detto che i lavoratori dell’impianto hanno contribuito a ripristinare l’energia di Enerhodar, ma non era chiaro se l’elettricità provenisse dall’impianto o da una vicina centrale termoelettrica.

Sempre sabato, il ministro degli Esteri tedesco Annallina Barbock ha fatto una visita senza preavviso a Kiev e ha affermato che l’Europa non si stancherà di aiutare l’Ucraina, nonostante gli sforzi del presidente russo Vladimir Putin per aumentare la pressione trattenendo le forniture di energia.

Barbock ha affermato che la Germania aiuterebbe l’Ucraina a trovare e ripulire mine e altri ordigni inesplosi lasciati dalle forze russe nelle aree rimosse da loro.

Nonostante i guadagni dell’Ucraina, venerdì il segretario di Stato americano Anthony Blinken e il capo della NATO hanno avvertito che la guerra potrebbe protrarsi per mesi. Blinken ha affermato che il conflitto sta entrando in una fase critica e ha esortato i sostenitori occidentali dell’Ucraina a continuare il loro sostegno durante il difficile inverno.

___

Kozlowska ha riferito da Londra. Lo scrittore dell’Associated Press Frank Jordan a Berlino ha contribuito a questo rapporto.

___

Segui tutti gli articoli di AP sulla guerra in Ucraina su https://apnews.com/hub/russia-ukraine.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews