La prima famiglia di Neanderthal conosciuta è stata trovata in una grotta in Russia

Sospensione

Gli scienziati hanno scoperto per la prima volta i resti di un clan di Neanderthal strettamente imparentato, tra cui una famiglia – padre e figlia – in una grotta russa, fornendo una rara finestra sull’antichità.

Il clan è stato scoperto in uno dei più grandi studi genetici sulla popolazione di Neanderthal fino ad oggi, Inserito questa settimana sulla rivista Natura. Gli scienziati ritengono che siano morti insieme circa 54.000 anni fa – forse tragicamente, per fame o per una grande tempesta – nelle montagne della Siberia meridionale. Vivevano in cima a una scogliera all’estremo confine dei Neanderthal gamma notache si estendeva dalle regioni atlantiche dell’Europa all’Asia centrale.

L’organizzazione sociale della popolazione di Neanderthal è poco conosciuta. L’ultima ricerca indica che almeno in Siberia i Neanderthal vivevano in gruppi da 10 a 20 persone, simili agli odierni gorilla di montagna, che sono una specie in via di estinzione.

Lo studio è stato condotto da un team internazionale di scienziati, tra cui Svante Pääbo, un genetista svedese che questo mese ha vinto il Premio Nobel per la Medicina su Il suo lavoro è mappare le relazioni genetiche ai Neanderthal.

Premio Nobel per lo scienziato svedese che ha decodificato il genoma dei Neanderthal

A differenza di molti siti archeologici, che contengono fossili accumulati in lunghi periodi, studi genetici su 11 Neanderthal trovati nella grotta Chagirskaya – nei Monti Altai, vicino ai confini della Russia con Kazakistan, Mongolia e Cina – hanno dimostrato che molti di loro erano parenti stretti, indicando che tutti vissuti nello stesso periodo.

READ  L'Agenzia Spaziale Europea sospende la missione su Marte con la Russia

Roberts, ricercatore presso l’Università di Wollongong in Australia e uno degli autori dello studio, ha detto in un’intervista di persona.

“La maggior parte dei siti archeologici, le cose si accumulano lentamente e tendono a essere masticate dalle iene o qualcosa del genere”, ha detto. “Non hai davvero siti pieni di cose. Era pieno di ossa, ossa di Neanderthal, ossa di animali e manufatti. È un momento, letteralmente congelato nel tempo”.

Gli scienziati hanno utilizzato il DNA estratto dai fossili nella grotta di Chgerskaya e da altri due Neanderthal trovati in una grotta vicina per mappare le relazioni tra gli individui e cercare indizi su come vivevano.

La grotta Chagirskaya si trova in cima a una collina, ha detto Roberts, e domina una pianura alluvionale dove un tempo potevano pascolare mandrie di bisonti e altri animali. I ricercatori hanno trovato strumenti di pietra e ossa di bisonte sepolte nella grotta accanto ai resti.

Roberts ha detto che i dati genetici ottenuti da denti e frammenti ossei hanno mostrato che gli individui includevano un padre e una figlia, insieme a una coppia di parenti di secondo grado, forse una zia, uno zio, una nipote o un nipote. genitori DNA mitocondriale – un insieme di geni tramandati dalle madri ai loro figli – era simile anche ad altri due maschi nella grotta, ha detto, suggerendo che probabilmente avevano un antenato materno comune.

“Sono strettamente imparentati”, ha detto, “è come un clan che vive davvero in questa grotta”. “Pensare che possano persistere per generazioni dopo generazioni sembra improbabile. Penso che potrebbero essere tutti morti da vicino in tempo. Forse è stata solo una terribile tempesta. Dopotutto sono in Siberia”.

READ  Tracce dell'antico oceano scoperte su Marte: questo significa "potenziale maggiore per la vita"

Lo studio ha anche rivelato che la diversità genetica dei cromosomi Y (trasmessi solo attraverso la linea maschile) era molto inferiore alla diversità genetica nel DNA mitocondriale degli individui, il che, secondo gli autori, indica che le femmine di Neanderthal avevano maggiori probabilità di migrare rispetto alle femmine. maschi. Questo modello compare anche in molte società umane, dove una donna si sposa e si trasferisce con la famiglia del marito prima di avere figli.

Il lavoro precedente del genetista svedese Papo ha mostrato che i Neanderthal si mescolarono con gli esseri umani preistorici dopo essere migrati dall’Africa e che i resti di queste interazioni vivono oggi nei genomi di molte persone. Durante l’epidemia, è stato riscontrato che un fattore di rischio genetico era associato casi gravi di covid-19 Trasmesso dai Neanderthal, circa la metà delle persone nell’Asia meridionale e circa 1 su 6 in Europa lo portava.

Gli autori affermano che la dimensione del campione dell’ultimo studio è piccola e potrebbe non rappresentare la vita sociale di tutti i Neanderthal.

“Se solo potessimo riprodurci [the study] In un paio di altri posti, avremo davvero una comprensione di come i Neanderthal abbiano gestito le loro vite e forse qualche indicazione del motivo per cui si sono estinti e noi no”, ha affermato Roberts, il ricercatore australiano.Siamo molto simili. Allora perché siamo gli unici rimasti su questo pianeta?

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews