La polizia di San Pietroburgo ha arrestato almeno 350 manifestanti contro la guerra, secondo un sito di sorveglianza locale.

La città ucraina di Kherson Ihor Kolykhaiev ha affermato che l’esercito ucraino non era più in città e che i suoi cittadini ora devono eseguire le istruzioni degli “uomini armati che sono venuti all’amministrazione cittadina” – indicando che la città ora esiste. Passò sotto il controllo russo.

L’annuncio sulla sua pagina Facebook era che Kerson era stato sotto pressione per diversi giorni dalle forze russe che circondavano la città.

Kherson è una città strategicamente importante alle porte del Mar Nero con una popolazione di circa 300.000 abitanti. Mercoledì a Kiev, il sindaco ha negato le pretese di controllo russo, sostenendo che le forze ucraine stavano ancora combattendo in alcune parti della città. Un nuovo post dice che le forze ucraine si sono ritirate.

In un’intervista al New York Times, il sindaco ha affermato che un gruppo di circa 10 ufficiali russi armati, incluso il comandante della forza offensiva della città, è entrato mercoledì nel municipio. Ha detto in un’intervista al NY Times di essere stato informato da funzionari russi che intendeva istituire una nuova amministrazione simile a quella nei due territori separatisti sostenuti dalla Russia nell’Ucraina orientale.

Questo significa: Se Kherson è ora sotto il controllo russo, sarà un momento significativo del conflitto perché sarà la prima grande città ad essere catturata dalle forze russe.

Nella tarda serata di mercoledì, Hernandez Lahuda, capo dell’amministrazione regionale di Kerson, ha emesso un messaggio: “Esorto tutti coloro che non sono a casa ora, o che intendono trasferirsi, a non farlo. Gli invasori sono in tutte le parti della città e sono molto pericolosi.

READ  La Russia esorta l'Ucraina a deporre le armi nella guerra di Siverodonetsk

Senza affermare esplicitamente che i russi controllassero la città, il sindaco Kolikhov ha detto mercoledì sera che “oggi c’erano osservatori armati nell’amministrazione cittadina”.

“Io e la squadra siamo persone pacifiche. Non abbiamo armi e nessuna aggressione da parte nostra”.

“Non ho fatto loro alcuna promessa. Non ho niente da promettere. Mi interessa solo la vita normale della nostra città! Ho solo chiesto alla gente di non sparare.

Ha detto nel suo messaggio su Facebook: “Non abbiamo forze armate in città, solo civili e persone che vogliono vivere qui!”

Kolikov ha affermato che la città ora ha nuove regole che includono ordini di coprifuoco e restrizioni al traffico all’interno e all’esterno della città.

Un’altra regola è: “I pedoni camminano uno dopo l’altro, al massimo due. Non provocare l’esercito”.

Ha concluso: “Lascia che sia per ora. La bandiera sopra di noi è ucraina. Per mantenerlo tale, questi requisiti devono essere soddisfatti. Non posso offrire nient’altro.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews