La perdita di idrogeno ritarda il lancio lunare di Artemis di diverse settimane

Il razzo lunare dell’Interstellar Space Launch System della NASA è stato messo a terra per la seconda volta in cinque giorni sabato, questa volta a causa di una grande perdita di idrogeno in uno dei dispositivi di disconnessione rapida della linea del carburante che ritarderà di diverse settimane il primo volo booster da 4,1 miliardi di dollari, probabilmente in Ottobre.

Il recente ritardo è stato una frustrante delusione per la forza lavoro del Kennedy Space Center, poiché ha invitato gli ospiti e migliaia di residenti e turisti della zona che hanno fiancheggiato le strade e le spiagge della zona per assistere al decollo del razzo più potente della NASA, svelando il programma lunare Artemis dell’agenzia.

Ma di fronte a una grave perdita di idrogeno e senza tempo per effettuare riparazioni prima che l’attuale periodo di lancio lunare scada martedì, gli amministratori della NASA non hanno avuto altra scelta che richiedere un ritardo nella data di lancio lunare. Artemide 1 volo di prova.

090322-down1.jpg
Il vapore di ossigeno fuoriesce da un razzo Space Launch System mentre gli ingegneri, lavorando in remoto, cercano di fermare una perdita di idrogeno in un’installazione a disconnessione rapida alla base del razzo dove il propellente super raffreddato viene immesso nel primo stadio del booster. Dopo tre tentativi falliti, il lancio è stato annullato.

Nasa


Gli ingegneri stanno valutando due opzioni per risolvere quest’ultimo problema: sostituire i componenti nell’installazione sospetta sulla rampa di lancio ed eseguire un piccolo test del carburante con idrogeno liquido per verificare le prestazioni senza perdite. Oppure fai rotolare il missile nell’edificio di assemblaggio del veicolo e fai le riparazioni lì.

Mentre il VAB fornirà riparo dalle intemperie e non richiederà l’assemblaggio di un involucro ambientale per proteggere i componenti sensibili durante i lavori di riparazione, gli ingegneri non saranno in grado di testare l’installazione con idrogeno raffreddato. Questo è il momento in cui è più probabile che le perdite emergano.

Entrambe le opzioni significano un ritardo di lancio di diverse settimane. Il prossimo periodo di lancio lunare inizia il 19 settembre e dura fino al 4 ottobre. Ma la NASA ha in programma di lanciare un nuovo equipaggio sulla Stazione Spaziale Internazionale a bordo della capsula SpaceX il 3 ottobre e l’agenzia vuole evitare un conflitto.

Ciò significa che il lancio di SLS probabilmente scivolerà nel prossimo periodo di lancio, che inizierà il 17 ottobre e durerà fino ad Halloween, a meno che non venga trovata una soluzione per accelerare i lavori di riparazione.

“Questo è un lavoro molto duro”, ha affermato Mike Sarafin, responsabile della missione Artemis 1. “Il nostro obiettivo è comprendere il problema… e la prossima settimana, quando avremo più di queste opzioni, daremo seguito”.

Durante il conto alla rovescia di sabato, gli ingegneri hanno fatto tre tentativi per “posizionare” correttamente un sigillo sospetto nei raccordi a sgancio rapido da 8 pollici, ma nessuno è riuscito. A seguito di una raccomandazione di “divieto” degli ingegneri che stavano lavorando al problema, il responsabile del lancio Charlie Blackwell-Thompson ha annullato il conto alla rovescia alle 11:17 EDT.

“Andremo quando saremo pronti”, ha detto l’amministratore della NASA Bill Nelson. “Non andremo fino ad allora, specialmente ora, su un volo di prova”.

Non è ancora chiaro cosa abbia causato la perdita, ma Sarafin ha affermato che la valvola è stata ruotata inavvertitamente durante i momenti iniziali del processo di caricamento del carburante, brevemente a causa dell’eccessiva pressione sulle linee e di una rapida installazione di disconnessione.

“C’era una pressione involontaria sulla linea di trasmissione dell’idrogeno che andava oltre quanto previsto, che era di circa 20 libbre per pollice quadrato”, ha detto. “Stavamo salendo a circa 60 psi. La macchina volante stessa, sappiamo che è buona, non abbiamo superato la pressione massima di progettazione.

“Ma c’è la possibilità che Soft Commodity, o il sigillo nello sgancio rapido da otto pollici, abbia visto alcuni effetti, ma è troppo presto per dirlo… quello che sappiamo è che abbiamo visto una perdita importante”.

090322-padview.jpg
Il razzo lunare dello Space Launch System in cima alla piattaforma 39B lunedì durante il rifornimento durante il suo primo volo di prova. Il razzo è stato bloccato a causa di una perdita di idrogeno nel sistema che fornisce propellente ai serbatoi del primo stadio.

Nasa


L’obiettivo della missione Artemis 1 è quello di spingere la capsula Orion senza pilota in un’orbita lontana attorno alla Luna, testando la navicella spaziale in un ambiente spaziale profondo prima di riportarla sulla Terra per il rientro ad alta velocità e ad alta temperatura.

Se il volo di prova senza equipaggio iniziale andrà bene, la NASA prevede di lanciare quattro astronauti in un volo esorbitante intorno alla luna – Artemis 2 – nel 2024 e far atterrare la prima donna e il prossimo uomo vicino al polo sud della luna nel periodo 2025-26. Ma tutto dipende dal successo del volo di prova di Artemis 1.

La tanto attesa missione deve decollare durante specifici periodi di lancio in base alle posizioni in continua evoluzione della Terra e della Luna, all’orbita lunare richiesta per la navicella Orion e alla potenza del razzo SLS per metterla sulla giusta strada.

Complicando la pianificazione, i pianificatori di volo vogliono evitare di posizionare il veicolo spaziale a energia solare all’ombra della luna per lunghi periodi e vogliono assicurarsi che venga emessa la luce del giorno.

L’attuale finestra di lancio si chiude martedì, lo stesso giorno scade il certificato per le batterie nel sistema di autodistruzione del missile. Questo da solo avrebbe richiesto il ritorno all’edificio di assemblaggio dei veicoli per il servizio già pianificato perché le batterie sulla rampa di lancio non erano accessibili.

Lunedì la NASA ha tentato di lanciare il razzo SLS sul suo primo volo Dopo quattro esercitazioni per il conto alla rovescia e test di alimentazione del carburante, si sono imbattuti in molteplici ostacoli tecnici, comprese perdite di idrogeno in vari sistemi.

Durante il tentativo di lancio di lunedì, un sensore di temperatura difettoso ha portato all’incertezza sul fatto che i quattro motori del primo stadio RS-25 del razzo SLS stessero ricevendo un raffreddamento adeguato prima del lancio.

Inoltre, la stessa installazione trapelata sabato è trapelata anche durante il tentativo di lancio di lunedì, ma le concentrazioni erano molto più basse e gli ingegneri sono stati in grado di rimuovere il serbatoio dell’idrogeno prima che si verificasse il problema di raffreddamento.

Come si è scoperto, i motori erano, infatti, adeguatamente raffreddati e un sensore di temperatura difettoso era responsabile di fuorviare gli ingegneri.

READ  Ecco l'ultimo selfie dello sbiadito lander Insight Mars

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews