La Norvegia alza l’allerta militare in risposta alla guerra in Ucraina

  • Un’allerta alta che dura un anno, può essere più lunga
  • La Norvegia è ora il più grande fornitore di gas in Europa
  • Condivide un confine con la Russia nell’Artico

OSLO (Reuters) – La Norvegia aumenterà il livello di allerta del suo esercito da martedì, ha affermato il governo norvegese, poiché trasferirà più personale in missioni operative e rafforzerà il ruolo della forza di mobilitazione rapida in risposta alla guerra in Ucraina. Lunedi.

Il capo della difesa, il generale Erik Kristofferson, ha affermato che la Norvegia cercherà anche di utilizzare la sua nuova flotta di velivoli da pattugliamento marittimo P-8 Poseidon di fabbricazione statunitense per cacciare i sottomarini a un ritmo più veloce di quanto originariamente previsto.

Tuttavia, la scala di preparazione su cui operano i militari è classificata e il governo si è rifiutato di fornire dettagli sul livello.

Kristoffersen ha detto a Reuters che non c’erano minacce concrete contro la Norvegia che ora hanno portato alla decisione, ma la totalità dei “dubbi” ha spinto le autorità a sollevare la prontezza militare del Paese.

“Abbiamo assistito a un’escalation (nella guerra) in Ucraina, noi (Norvegia) stiamo addestrando le forze ucraine e la guerra in Ucraina è cambiata con la mobilitazione russa”, ha detto in un’intervista.

“Nel frattempo, c’è stata un’esplosione di gas nel Mar Baltico e attività di droni nelle piattaforme del Mare del Nord”.

Christophersen ha aggiunto che l’alto livello dovrebbe continuare per un anno, “forse di più”.

piattaforme offshore

La Norvegia ha schierato il suo esercito per la prima volta per proteggere le piattaforme offshore e le installazioni terrestri dopo le perdite del gasdotto Nord Stream il 26 settembre nelle acque svedesi e danesi e ha ricevuto il sostegno delle forze armate britanniche, olandesi, francesi e tedesche.

READ  Amal Clooney dice alle Nazioni Unite: l'Ucraina è un 'mattatoio'

La scorsa settimana la polizia di sicurezza del Paese ha arrestato una sospetta spia russa e si occupa anche della protezione delle esportazioni di gas, vitale per l’approvvigionamento energetico dell’Europa il prossimo inverno.

La Norvegia, membro della NATO, condivide un confine terrestre di circa 200 chilometri (125 miglia) con la Russia nell’Artico, nonché un vasto confine marittimo.

Il paese scandinavo di 5,4 milioni di persone è ora il più grande esportatore di gas naturale verso l’Unione europea, rappresentando circa un quarto di tutte le importazioni dell’UE dopo il calo dei flussi russi.

“La guerra in corso in Ucraina e i tentativi della Russia di indebolire il sostegno (internazionale) all’Ucraina significano che tutti i paesi europei dovrebbero essere considerati esposti a minacce miste, inclusa la Norvegia”. Lo ha detto a Reuters il primo ministro Jonas Gare Stoer.

Le forze armate trascorreranno meno tempo in addestramento e più tempo in missioni operative. La Home Guard, una forza di mobilitazione rapida, svolgerà un ruolo più attivo.

Kristofferson ha detto che l’Air Force ha annullato l’addestramento negli Stati Uniti con i suoi caccia F-35, preferendo tenerli in Norvegia.

Segnalazione di Gwladys Fouche; Scritto da Terje Solsvik; Montaggio di John Stonestreet, Alison Williams e Alex Richardson

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews