La NASA e SpaceX hanno interrotto il lancio di Dragon per studiare il problema dell’idrazina

Ingrandisci / A gennaio, si vedono i pennacchi dei motori Draco di SpaceX Cargo Dragon mentre viene lanciato dopo essere stato disimpegnato dalla Stazione Spaziale Internazionale.

Nasa

La NASA e SpaceX hanno posticipato di almeno due settimane il lancio della navicella spaziale Cargo Dragon a causa di un problema durante il precaricamento dei potenti propulsori.

L’agenzia spaziale aveva pianificato di lanciare il veicolo spaziale il 12 giugno, ma ha annunciato il ritardo in un’e-mail lunedì sera ai giornalisti.

“Durante il carico di spinta della navicella spaziale Cargo Dragon, sono state misurate letture di vapore elevate di monometil idrazina in una regione isolata del sistema di propulsori Draco”, ha affermato l’agenzia spaziale in una nota. “Il propellente e l’ossidante sono stati scaricati da quell’area per supportare ulteriori ispezioni e test”.

I motori Draco forniscono la spinta per manovrare in orbita per la navicella Dragon. La NASA ha affermato che sta lavorando con SpaceX per identificare la fonte delle letture elevate e intraprendere eventuali azioni correttive. Martedì mattina, il Controllo Missione a Houston ha notificato agli astronauti a bordo della Stazione Spaziale Internazionale che la data di lancio sarebbe stata posticipata almeno fino al 28 giugno.

Questo non è il nuovo veicolo Dragon. Designato come “C208” Dragon, questo veicolo ha precedentemente svolto due missioni di rifornimento, entrambe nel 2021. Si tratta di una versione aggiornata della navicella spaziale Cargo Dragon originale, nota come “Cargo Dragon 2”.

La NASA vorrà studiare attentamente questo problema perché il sistema di propulsione in questa versione Cargo Dragon ha molto in comune con il Crew Dragon, che utilizza anche i propulsori di Draco e gli stessi iper-propulsori. Ci dovrebbe essere tutto il tempo per farlo funzionare, tuttavia, poiché il lancio del prossimo Crew Dragon, che porta la “missione Crew 5”, non è previsto fino a settembre.

READ  Una nuova scoperta afferma che il buco nero più vicino alla Terra non è affatto un buco nero

Questi propulsori Draco hanno una spinta molto inferiore rispetto ai propulsori SuperDraco utilizzati per alimentare il sistema di fuga di lancio del Crew Dragon. Durante un test condotto nell’aprile 2019, un agente ossidante è trapelato poco prima dell’accensione dei propulsori SuperDraco. ha portato a un’esplosione che ha distrutto una navicella spaziale. Nessuno è ferito.

Il Cargo Dragon non ha questi motori SuperDraco, ma ciononostante, la NASA e SpaceX vorranno capire tutti i problemi con l’ultima perdita prima di rilasciare forniture o persone.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews