La NASA assume due società private per sviluppare la tuta spaziale lunare

La NASA ha annunciato oggi che due società private – Axiom Space e Collins Aerospace – svilupperanno le tute spaziali di prossima generazione che i futuri astronauti indosseranno per condurre passeggiate spaziali e infine attraversare la superficie della Luna. È una nuova audace direzione per lo sviluppo della tuta spaziale della NASA, con l’agenzia che ha affidato il compito al settore privato dopo anni di lotte per sviluppare una nuova tuta.

Queste nuove tute spaziali giocheranno un ruolo importante nel programma Artemis della NASA, l’iniziativa rivoluzionaria dell’agenzia per riportare gli esseri umani sulla superficie lunare. La NASA punta attualmente a far atterrare i primi astronauti Artemis sulla Luna entro il 2025, con un anno di ritardo rispetto Scadenza 2024 Originariamente era stato determinato dall’amministrazione Trump. Quando gli astronauti atterrano, la NASA vuole che siano equipaggiati con tute spaziali appropriate che possano utilizzare per esplorare il terreno della Luna.

Molto dubbio che la NASA Tuttavia, potrebbe rispettare la scadenza del 2025, poiché c’è ancora una notevole quantità di lavoro rimanente sull’hardware e sui veicoli necessari per raggiungere il primo atterraggio. Ma lo sviluppo delle tute spaziali in seguito si è rivelato essere uno dei motivi principali dell’interruzione. Più controlli Ha rivelato che la ricerca della NASA per creare tute di nuova generazione era inefficace, ha dovuto affrontare molte sfide tecniche ed era in ritardo di molti anni. Ora, dopo 15 anni di lotte per realizzare questi nuovi abiti, l’agenzia sta cedendo le redini al settore commerciale. Collins Aerospace ha una storia nella costruzione di tute spaziali Aiuta a creare le tute attuali utilizzate dalla NASAmentre Axiom Space è una società relativamente nuova che mira a creare stazioni spaziali private.

Lo ha annunciato la NASA Il valore totale del contratto è di $ 3,5 miliardi, sebbene l’agenzia spaziale non indichi i valori contrattuali individuali per ciascuna società. $ 3,5 miliardi è il limite che copre la durata dei contratti e include sia i costi di sviluppo parziali che i futuri acquisti di tute per l’uso da parte della NASA. Una volta completate le indennità, le aziende le possederanno e avranno la possibilità di utilizzarle per altri scopi non correlati alla NASA.

READ  Una nuova teoria suggerisce che la materia oscura potrebbe essere un ulteriore rifugiato cosmico

Le tute sono pensate per adattarsi a un’ampia gamma di tipi di corporatura, dal 5° percentile femminile al 95° percentile maschile. L’obiettivo è che le tute spaziali siano pronte per essere indossate dagli astronauti su Artemis III, il terzo lancio del nuovo razzo della NASA, lo Space Launch System, e l’attuale obiettivo per il primo atterraggio. Artemis si sta anche sforzando di far atterrare la prima donna e la prima persona di colore sulla luna. Dan Burbank, un ex astronauta senior, associato tecnico di Collins Aerospace, ha detto durante una conferenza stampa.

Tuttavia, le nuove tute che queste aziende stanno sviluppando non sono solo per l’esplorazione lunare. La NASA vuole un nuovo set di tute che siano più versatili dei loro predecessori per l’uso da parte degli astronauti Artemis durante l’esplorazione della Luna e per sostituire le vecchie tute sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Negli ultimi quattro decenni, gli astronauti della NASA hanno fatto affidamento sullo stesso design di base della tuta spaziale per eseguire passeggiate spaziali sulla Stazione Spaziale Internazionale. Soprannominata EMU, per l’Extravehicular Mobility Module, la tuta è apparsa per la prima volta durante l’era dello space shuttle e gli astronauti usano una versione “migliorata” sulla Stazione Spaziale Internazionale per lasciare il laboratorio e apportare miglioramenti e riparazioni all’esterno della stazione. Nonostante ciò, le EMU non vengono aggiornate da decenni e non sono destinate all’uso nelle passeggiate spaziali sulla Luna. Più, Era di dimensioni limitate.

Un prototipo della tuta xEMU della NASA, con bianco, rosso e blu al centro, è stato presentato nel 2019.
Foto di Joel Kosky/NASA tramite Getty Images

Ma il passaggio all’indossare una nuova tuta spaziale si è rivelato difficile per la NASA. L’agenzia ha iniziato a lavorare su nuove tute spaziali nel 2007 e da allora ha speso un totale di 420 milioni di dollari per lo sviluppo di tute spaziali. Questi sforzi alla fine sono culminati in una nuova tuta chiamata xEMU, che ne era un prototipo È stato presentato nel 2019. Al momento della divulgazione, la NASA sperava di avere due tute pronte per i test presso la stazione spaziale prima di essere inviate sulla superficie lunare per un atterraggio nel 2024.

Ma, ad agosto, una revisione dell’Ufficio dell’ispettore generale della NASA ha rilevato che lo sviluppo di nuove tute della NASA troppo tardi Per mancanza di fondi, problemi tecnici e problemi associati alla pandemia di COVID-19. Alla fine, il rapporto affermava che XEMU non sarebbe stato pronto entro la scadenza dell’amministrazione Trump del 2024. (Pochi mesi dopo, la NASA Spostare la scadenza al 2025.) L’audit ha anche indicato che la NASA probabilmente spenderà 1 miliardo di dollari per lo sviluppo di tute spaziali prima che le prime tute di volo saranno pronte, il che sarebbe “al più presto nell’aprile 2025”.

Nel frattempo, nell’aprile 2021, la NASA ha presentato una richiesta di informazioni da parte di società private ai progetti di nuove tute spaziali che potrebbero essere utilizzate nelle missioni Artemis. All’epoca, la NASA disse che avrebbe continuato a sviluppare xEMU internamente, ma la mossa indicava che l’agenzia avrebbe potuto fare affidamento invece su cause commerciali. “La NASA ha la responsabilità nei confronti dei contribuenti e dei futuri esploratori di riesaminare la sua infrastruttura secondo necessità per ridurre i costi e migliorare le prestazioni”, L’agenzia ha scritto Quando la notizia viene annunciata.

Ora, la NASA sta piazzando tutte le sue previsioni su Collins Aerospace e Axiom Space. L’agenzia spaziale ha affermato che i suoi ingegneri continueranno a testare su xEMU fino alla fine dell’anno, ma alla fine sposterà l’attenzione e fornirà informazioni alle società commerciali mentre avanza. Inoltre, i dati e le ricerche raccolti dalla NASA durante lo sviluppo di xEMU saranno messi a disposizione delle due società.

Per quanto riguarda le capacità delle aziende di rispettare la scadenza del 2025, sarà implementata nei prossimi anni. Collins Aerospace ha rivelato un prototipo di tuta lunare Nel 2019 Oggi, Burbank ha affermato che la società ha già trascorso anni a sviluppare una tuta. Per quanto riguarda Axiom Space, Mike Suffredini, CEO dell’azienda, ha affermato che lo sviluppo della tuta è iniziato alcuni anni fa, poiché la società aveva a lungo considerato la possibilità di realizzare tute per le sue future stazioni spaziali. “Abbiamo un certo numero di clienti che vogliono davvero fare una passeggiata nello spazio”, ha detto Suffredini. “E avevamo programmato di costruire una tuta come parte del nostro programma”.

Al 2025 mancano ancora pochi anni. La NASA afferma di essere fiduciosa nel trasferire i compiti della tuta spaziale in questo frangente, sostenendo che l’attuale ricerca xEMU aiuterà a “ridurre i rischi” e ad accelerare le cose. “Eravamo in un ottimo posto dove andare, proprio per la maturità di xEMU in quel momento”, ha detto durante la conferenza Lara Kearney, direttrice dell’Extravehicular Activity and Surface Human Mobility Program della NASA. “E penso che far uscire quelle persone prima consenta loro di scappare.”

Inoltre, ci sono tutta una serie di pietre miliari che la NASA e i suoi partner commerciali devono raggiungere per rendere il 2025 un successo, incluso il lancio per la prima volta del nuovo razzo spaziale dell’agenzia e il completamento di un atterraggio lunare umano verso portare le persone sulla luna. Aspetto superficiale. Le tute spaziali sono solo un pezzo del complesso puzzle che la NASA deve risolvere per tornare sulla luna.

Correzione 1 giugno, 19:53 ET: una versione precedente di questa storia affermava che i valori dei singoli contratti saranno rivelati alla fine del mese, sulla base delle informazioni ricevute durante una conferenza stampa della NASA. La NASA in seguito ha chiarito che queste informazioni erano imprecise e le informazioni sono state rimosse.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews