La Corte Suprema sta bloccando la capacità dell’EPA di combattere il cambiamento climatico

Inoltre, la corte ha ridotto il potere dell’agenzia, comunemente noto come il principio delle “grandi questioni”, che influenzerebbe il potere del governo federale di regolamentare altre aree della politica climatica, nonché Internet e i controlli dei lavoratori. Sicurezza.

Il giudizio è stato dato come 6-3. Il capo della giustizia John Roberts ha scritto il parere per la maggioranza conservatrice, mentre i tre giudici liberali non erano d’accordo. R.“La legge le autorizza a creare limiti di emissioni di carbonio basati su un approccio di passaggio generazionale”, ha affermato Oberts, aggiungendo che “il nostro precursore mette in dubbio l’affermazione dell’EPA”.

“Sotto i nostri precedenti, questo è un grande caso interrogativo”, ha scritto Roberts.

Roberts ha scritto che il controllo delle emissioni di anidride carbonica a un livello tale da costringere a un passaggio a livello nazionale dall’uso del carbone potrebbe essere una soluzione “sensata”.

“Ma non è credibile che il Congresso abbia dato all’EPA il potere di adottare da solo un tale piano normativo”.

“Il risultato di tali dimensioni e conseguenze spetta al Congresso o a un’agenzia che agisce su chiara delega di quell’organo rappresentativo”, ha scritto.

Questa storia sarà interrotta e aggiornata.

READ  Olimpiadi 2022: annunci in tempo reale e conteggio delle medaglie

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews