La Corte Suprema del Regno Unito ha rifiutato di votare sul referendum sull’indipendenza scozzese


Londra
Cnn

L’Alta corte britannica ha stabilito che il governo scozzese non può reggersi unilateralmente Un secondo referendum sull’opportunità di secedere dal Regno Unito, in un duro colpo per gli attivisti per l’indipendenza che sarebbe stato accolto con favore dalla Westminster Institution pro-sindacale.

La corte ha respinto all’unanimità il tentativo del Partito nazionale scozzese di forzare il voto in ottobre, poiché non aveva l’approvazione del parlamento britannico.

Ma è improbabile che la decisione si fermi caldo dibattito Sull’indipendenza che incombeva sulla politica britannica dieci anni fa.

L’ultima volta che la Scozia ha votato sulla questione con l’approvazione di Westminster è stato nel 2014, quando gli elettori hanno rifiutato la prospettiva di indipendenza dal 55% al ​​45%.

Tuttavia, negli anni successivi, la politica a nord del confine è stata dominata dall’SNP indipendentista, a scapito dei tradizionali gruppi pro-sindacali. I successivi leader del SNP si sono impegnati a dare agli elettori scozzesi un’altra possibilità di votare, in particolare da quando il Regno Unito ha votato per lasciare l’Unione europea nel 2016.

L’ultima spinta del leader dell’SNP Nicola Sturgeon include un referendum consultivo alla fine del prossimo anno, simile al sondaggio del 2016 che ha portato alla Brexit. Ma l’Alta Corte del paese ha convenuto che anche un voto non legalmente vincolante richiederebbe la supervisione di Westminster, date le sue implicazioni pratiche.

Leggendo la sentenza della corte, Lord Reed ha dichiarato: “Un referendum legale avrebbe importanti conseguenze politiche in relazione all’Unione e al Parlamento del Regno Unito”.

Ha detto: “Rafforzerà o indebolirà la legittimità democratica della Federazione e la sovranità del Parlamento del Regno Unito sulla Scozia, a seconda dell’opinione prevalente, e sosterrà o minerà la credibilità democratica del movimento indipendentista”.

READ  Lo Sri Lanka potrebbe dover comprare più petrolio russo: il primo ministro Ranil Wickremesinghe

Sturgeon ha dichiarato di aver accettato la sentenza mercoledì, ma ha cercato di inquadrare la decisione come un altro pilastro della controversia sulla secessione. Ha scritto su Twitter: “La legge che non consente alla Scozia di scegliere il nostro futuro senza il consenso di Westminster sfata il mito di qualsiasi idea del Regno Unito come partenariato volontario e sostiene ‘l’indipendenza’”.

Ha accusato il governo britannico di una “totale negazione della democrazia” in un discorso ai giornalisti più tardi mercoledì.

Sturgeon ha affermato che il suo prossimo passo nei suoi sforzi per ottenere un voto sarebbe quello di caratterizzare le prossime elezioni generali del Regno Unito – previste al più tardi nel gennaio 2025 – come un referendum per delega in Scozia su quale corso prendere.

Ma il primo ministro britannico Rishi Sunak ha annunciato la “decisione chiara e definitiva” della corte come un’opportunità per uscire dal dibattito sull’indipendenza. “Il popolo scozzese vuole che lavoriamo per risolvere collettivamente le principali sfide che dobbiamo affrontare, che si tratti dell’economia, del sostegno al servizio sanitario nazionale o del sostegno effettivo all’Ucraina”, ha affermato in parlamento.

I sondaggi suggeriscono che gli scozzesi rimangono fortemente divisi sulla secessione dal Regno Unito e che deve ancora emergere un chiaro consenso in entrambe le direzioni.

L’Inghilterra e la Scozia si sono unite in un’unione politica dal 1707, ma molti scozzesi sono da tempo preoccupati per quella che vedono come una relazione unilaterale dominata dall’Inghilterra. Gli elettori scozzesi hanno storicamente rifiutato alle urne il partito conservatore al governo e hanno votato con forza – ma invano – contro la Brexit, intensificando il dibattito sulla questione nell’ultimo decennio.

READ  Il governo giapponese accetta la data dei funerali di stato di Abe e il piano provoca proteste

Dal 1999, la Scozia ha un governo devoluto, il che significa che molte, ma non tutte, le decisioni vengono prese nel Parlamento scozzese guidato dal SNP a Holyrood, Edimburgo.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews