La corsa ai viaggi del Ringraziamento è tornata con alcune nuove usanze

La corsa ai viaggi del Ringraziamento è tornata quest’anno, poiché le persone decollano dagli aerei in numeri mai visti da anni, mettono da parte i timori dell’inflazione per ricongiungersi con i propri cari e godersi un po’ di normalità dopo due festività natalizie segnate dalle restrizioni del coronavirus.

Tuttavia, il cambiamento delle abitudini di lavoro e di svago può diffondere la folla e ridurre la normale quantità di stress da viaggio durante le vacanze. Gli esperti affermano che molte persone inizieranno presto le vacanze o torneranno a casa più tardi del solito perché trascorreranno alcuni giorni lavorando da remoto, o almeno dicendo al loro capo che stanno lavorando da remoto.

I giorni più affollati per i viaggi durante la settimana del Ringraziamento sono solitamente il martedì, il mercoledì e la domenica dopo le vacanze. Quest’anno, la FAA prevede che martedì sarà il giorno più impegnativo per i viaggi, con circa 48.000 voli programmati.

Chris Williams, di Raleigh, nella Carolina del Nord, è volato martedì mattina con sua moglie e due figli ad Atlanta, in Georgia, per le vacanze con la famiglia allargata.

“Ovviamente è un tempo di volo stressante e costoso”, ha detto Williams, 44 anni, che lavora nel settore finanziario. “Ma dopo due anni in cui non abbiamo trascorso il Ringraziamento con la nostra famiglia allargata, voglio dire che siamo grati che il mondo sia arrivato in un posto abbastanza sicuro dove possiamo stare di nuovo con i nostri cari”.

Sebbene Williams abbia affermato che quest’anno il budget familiare è stato limitato, ha approfittato dell’opportunità per insegnare ai suoi figli alcune basi della finanza personale. La più giovane, 11 anni, sta imparando come mettere in bilancio i suoi soldi per i soccorsi da marzo ed è entusiasta di comprare piccoli regali ai suoi amici questo Black Friday o Cyber ​​​​Monday. “Forse melma”, disse, “glitter”.

READ  Futures Dow Jones: il mercato sale nel punto di successo o rottura; Elon Musk decide di concludere l'accordo su Twitter

La TSA ha esaminato martedì quasi 2,3 milioni di passeggeri, in calo rispetto agli oltre 2,4 milioni del martedì prima del Ringraziamento nel 2019. Lunedì, i numeri sono aumentati rispetto al 2019: oltre 2,6 milioni di passeggeri rispetto a 2,5 milioni. La stessa tendenza si è verificata domenica, il primo anno in cui il numero di persone che hanno preso gli aerei nella settimana del Ringraziamento ha superato i livelli pre-pandemia.

“Le persone volano in giorni diversi. Non tutti volano quel mercoledì sera”, afferma Sharon Pinkerton, vicepresidente senior, American Airlines Commercial Group. “Le persone distribuiscono i loro viaggi nel corso della settimana, il che penso contribuirà anche a garantire operazioni più fluide. ”

AAA prevede che 54,6 milioni di persone viaggeranno ad almeno 50 miglia da casa negli Stati Uniti questa settimana, con un aumento dell’1,5% rispetto al Ringraziamento dello scorso anno e solo il 2% in meno rispetto al 2019. Il club automobilistico e il fornitore di assicurazioni affermano che quasi 49 milioni di persone lo faranno voglio viaggiare. In auto, 4,5 milioni voleranno tra mercoledì e domenica.

Le compagnie aeree statunitensi hanno faticato a tenere il passo con l’aumento del numero di passeggeri quest’anno.

“Abbiamo avuto un’estate impegnativa”, ha detto Pinkerton, il cui gruppo parla a nome di membri che includono American, United e Delta. Ha detto che le compagnie aeree hanno ridotto gli orari e assunto migliaia di lavoratori e ora hanno più piloti rispetto a prima della pandemia. “Di conseguenza, siamo fiduciosi che la settimana andrà bene”.

Le compagnie aeree statunitensi prevedono di operare il 13% in meno di voli questa settimana rispetto alla settimana del Ringraziamento nel 2019. Tuttavia, utilizzando in media aerei più grandi, il numero di posti diminuirà solo del 2%, secondo i dati del ricercatore di viaggi Cirium.

READ  Le azioni di Taiwan scendono di oltre il 4% nel commercio misto asiatico con TSMC in calo dell'8%

Le compagnie aeree continuano ad attribuire le interruzioni dei voli alla carenza di controllori del traffico aereo, soprattutto in Florida, una delle principali destinazioni di vacanza.

I controllori, che lavorano per la FAA, “vengono testati durante le vacanze. Sembra che accada quando siamo messi alla prova”, ha detto pochi giorni fa Barry Biffle, CEO di Frontier Airlines. “La FAA aggiunge un altro 10% al numero di Personale, speriamo che sia abbastanza.”

Il ministro dei trasporti Pete Buttigieg ha contestato tali affermazioni, affermando che la stragrande maggioranza dei ritardi e delle cancellazioni è causata dalle stesse compagnie aeree.

La TSA prevede che gli aeroporti saranno più affollati rispetto allo scorso anno e forse alla pari con il 2019. Il giorno più trafficato nella storia della TSA è arrivato la domenica dopo il Ringraziamento nel 2019, quando quasi 2,9 milioni di persone sono state controllate ai checkpoint aeroportuali.

Stephanie Escutia, che viaggiava con quattro figli, suo marito e sua madre, ha detto che la famiglia ha impiegato quattro ore per passare i controlli e la sicurezza all’aeroporto di Orlando all’inizio di martedì. La famiglia è tornata a Kansas City in tempo per il Ringraziamento dopo un viaggio di compleanno a Disney World.

Escutia, 32 anni, ha dichiarato: “Siamo rimasti sorpresi da quanto fosse pieno il parco. Abbiamo pensato che potesse essere parcheggiato in disparte ma era pieno”.

Ha accolto con favore il senso di normalità e ha detto che la sua famiglia si sarebbe riunita per il Ringraziamento senza preoccuparsi di mantenere le distanze quest’anno. “Ora siamo tornati alla normalità e non vediamo l’ora di trascorrere una vacanza felice”, ha detto.

READ  Altri 3 querelanti si sono uniti a un'azione legale collettiva contro American Express per presunta discriminazione contro i dipendenti bianchi

Le persone che si mettono al volante o salgono su un aereo non sembrano turbate dall’aumento dei prezzi del gas e delle tariffe aeree rispetto a un anno fa o dalla diffusa preoccupazione per l’inflazione e l’economia. Ciò ha già portato a previsioni di forti viaggi a Natale e Capodanno.

“Questa domanda repressa di viaggi è ancora molto reale. Non sembra che stia per scomparire”, afferma Tom Hall, vicepresidente e scrittore di lunga data presso Lonely Planet, editore di guide di viaggio. tiene alti i prezzi.”

___

Gli scrittori dell’Associated Press Hannah Schoenbaum a Raleigh, nella Carolina del Nord, Margaret Stafford a Kansas City e il video giornalista dell’Associated Press Terrence Chia a Oakland, in California, hanno contribuito a questo rapporto.

___

David Koenig può essere raggiunto su twitter.com/airlinewriter

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews