La Cina potrebbe chiedere più debito mentre i blocchi colpiscono l’economia

Gli arresti del Covid hanno colpito l’economia cinese e il colosso asiatico potrebbe dover emettere più debito per continuare a raggiungere il suo obiettivo di crescita.

Kevin Friggitrice | Notizie Getty Images | Getty Images

La Cina potrebbe dover emettere più debito mentre cerca di continuare a crescere di fronte al blocco del Covid che paralizza la sua economia.

Il paese ha indicato nelle ultime settimane di voler ancora raggiungere il suo obiettivo di crescita del 5,5% quest’anno.

Gli analisti di ANZ Research hanno scritto in una nota lo stesso giorno in cui la riunione del Politburo cinese del 29 aprile ha inviato “un forte segnale che i responsabili politici si impegnano a raggiungere l’obiettivo del PIL di quest’anno nonostante i rischi al ribasso dovuti alle interruzioni del COVID-19 e alle tensioni geopolitiche”.

Per raggiungere l’obiettivo del 5,5%, la Cina potrebbe prendere in prestito dal futuro e assumere più debiti.

Venerdì, i media statali cinesi hanno riportato i dettagli della riunione del Politburo, in cui i funzionari hanno promesso maggiore sostegno all’economia per raggiungere l’obiettivo di crescita economica del Paese per quest’anno. Questo sostegno includerà investimenti in infrastrutture, tagli e sconti fiscali, misure di aumento dei consumi e altre misure di sgravio per le imprese.

Questo è come un investimento estero Le banche prevedono che la crescita scenda significativamente al di sotto 5,5% n.con attività manifatturiera in calo ad aprile.

Ciò significa che è probabile che la Cina acquisisca più debiti mentre cerca di raggiungere i suoi obiettivi di crescita, secondo gli osservatori del mercato.

“Per raggiungere l’obiettivo del 5,5%, la Cina potrebbe prendere in prestito dal futuro e assumere più debiti”, hanno affermato l’economista cinese Betty Wang, capo di ANZ Research, e Zhaopeng Xing, capo stratega cinese.

READ  La banca centrale sta cercando di rallentare l'indebolimento dello yuan nei confronti del dollaro USA

Leggi di più sulla Cina da CNBC Pro

Andrew Tilton, capo economista per l’Asia del Pacifico presso Goldman Sachs, ha dichiarato alla CNBC la scorsa settimana che la Cina si sta preparando ad aumentare la spesa per le infrastrutture.

Dal punto di vista di Pechino, un aumento di tale spesa fiscale e una riduzione del debito sarebbero più auspicabili dell’allentamento monetario, ha detto alla CNBC.Squawk Box Asia. “

Tuttavia, Tilton ha affermato che uno degli ostacoli agli sforzi del governo per gli investimenti nelle infrastrutture è che le restrizioni legate al Covid vengono imposte a casaccio ovunque.

“Ci sono molte restrizioni in tutto il paese anche in alcuni casi in luoghi dove non ci sono casi di Covid, di natura più precauzionale”, ha affermato. “Quindi uno degli ostacoli alla campagna infrastrutturale è mantenere le restrizioni Covid rivolte solo alle aree dove sono più necessarie”.

Un’opzione a disposizione del governo, ha affermato Tilton, è quella di emettere i cosiddetti titoli speciali del governo locale.

Si tratta di obbligazioni emesse da unità costituite da governi locali e regionali per finanziare progetti di infrastrutture pubbliche.

Nel mercato immobiliare in difficoltà, il governo ha anche incoraggiato gli istituti di credito a supportare gli sviluppatori, ha affermato Tilton.

Prendere in prestito di più per stimolare la crescita sarebbe un passo indietro per Pechino, che stava cercando di ridurre il debito anche prima dell’inizio della pandemia. Il governo ha preso di mira in modo aggressivo il settore immobiliare attuando la sua politica delle “tre linee rosse”, che mira a frenare gli sviluppatori dopo anni di crescita alimentata da un debito eccessivo. La politica fissa un limite di indebitamento in relazione ai flussi di cassa, alle attività e ai livelli di capitale dell’azienda.

READ  Bezos di Amazon critica il supervisore di Biden, affermando che l'inflazione danneggia i poveri

Tuttavia, ciò ha portato a una crisi del debito alla fine dell’anno scorso, con Evergrande e altri sviluppatori che hanno iniziato a non pagare i propri debiti.

Shock aziendali, previsioni del PIL

Presidente cinese Xi Jinping la scorsa settimana Ha chiesto uno sforzo “completo” per costruire infrastruttureIl paese ha lottato per mantenere attiva la sua economia da quando è iniziata l’ultima epidemia di Covid-19 nel paese circa due mesi fa.

Sono state imposte restrizioni Nelle due città più grandi, Pechino e Shanghai, milioni di persone sono state costrette a rimanere a casa e le attività hanno chiuso.

Le restrizioni Covid Zero in Cina Ha danneggiato gravemente gli affari. Quasi il 60% delle aziende europee nel paese ha dichiarato di abbassare le previsioni di entrate per il 2022 a causa dei controlli Covid, secondo un sondaggio della Camera di commercio europea in Cina alla fine del mese scorso.

Tra le aziende cinesi, i sondaggi mensili pubblicati la scorsa settimana hanno mostrato che il sentimento tra le aziende manifatturiere e di servizi è crollato ad aprile al livello più basso dallo shock iniziale della pandemia nel febbraio 2020.

Il Caixin Services Purchasing Managers’ Index, un sondaggio speciale che misura l’attività manifatturiera in Cina, è sceso a 36,2 ad aprile, secondo i dati diffusi giovedì scorso. Questo è ben al di sotto del segno di 50 punti che separa la crescita dalla contrazione.

La politica anti-coronavirus del Paese è già iniziata e l’economia sta rallentando Previsioni delle banche d’affari Altri analisti hanno affermato che la sua crescita scenderà significativamente al di sotto del suo obiettivo del 5,5% quest’anno.

Le aspettative variano Da oltre il 3% a circa il 4,5%.

La banca privata svizzera Lombard Odier ha dichiarato: “Dato l’impatto dell’epidemia di Covid sui consumi e sulla produzione industriale nella prima metà del 2022, prevediamo una crescita del PIL per il 2022 vicino al 4,3%, supponendo che l’economia possa iniziare a riprendersi prima di giugno, e poi recuperare”. Chief Investment Officer Stephen Mounir.

“Se l’economia continua a risentire dei successivi shock di chiusura delle principali aree urbane, la crescita per l’intero anno scenderà sicuramente al di sotto del 4%”, ha scritto in una nota mercoledì.

Evelyn Cheng della CNBC ha contribuito a questo rapporto.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews