La Cina è ossessionata dalla disinfezione contro il Covid. Ma fa più male che bene?

A Shanghai, l’epicentro dell’epidemia nel Paese, i media statali hanno riferito che migliaia di lavoratori sono stati organizzati in squadre per disinfettare i distretti, concentrandosi su quelli noti per ospitare i pazienti Covid, una mossa che il governo considera fondamentale per frenare la diffusione della malattia. Diffusione variabile Omicron.

Ma la pratica spesso si estende molto oltre. Qualsiasi area esterna sembra essere a rischio di essere presa di mira dai lavoratori che utilizzano macchine per la disinfezione simili a soffiatori di foglie, poiché la rigida politica cinese “zero Covid” porta all’ossessione di sanificare tutto.

A Shanghai, i vigili del fuoco sono stati ritirati dai loro doveri per assumere ruoli di disinfettanti, una lega giovanile locale ha reclutato volontari per le squadre di disinfezione e squadre di soccorso di emergenza da parti remote della Cina sono state reclutate nella campagna, spesso in collegamento. su attrezzature pesanti e piene di materiali pericolosi.

In alcuni quartieri di Shanghai sono stati allestiti impianti speciali per la produzione di sostanze chimiche, mentre in altre aree i veicoli sono stati dotati di serbatoi di sostanze chimiche e dispositivi simili a cannoni per lanciare disinfettanti nelle strade, secondo i media locali. I robot di disinfezione sono stati posizionati nelle stazioni ferroviarie e sono allestiti per pattugliare alcuni centri di quarantena.

Ma questi sforzi – e altri, come l’insistenza sul fatto che i lavoratori indossino tute ignifughe e i messaggi ad alto volume registrati che vengono ripetuti ripetutamente per ricordare alle persone come prevenire le malattie – possono essere una perdita di tempo, fatica e risorse.

Gli esperti affermano che la trasmissione del virus attraverso le superfici contaminate è molto bassa: si tratta di un disinfettante Le aree all’aperto come i parchi e le strade cittadine sono in gran parte inutili e, peggio ancora, possono rappresentare un pericolo per la salute pubblica.

READ  Un maggiore generale in pensione indaga sulle pressioni segrete a favore del Qatar

Notando come le autorità cinesi abbiano citato a lungo l’inquinamento ambientale come parte della loro retorica, ha affermato Nicholas Thomas, assistente professore presso la City University di Hong Kong, che il virus potrebbe non aver avuto origine in Cina.

“È un problema quando la politica domina e si discosta dalla scienza della risposta a un’epidemia: devono essere compiuti sforzi sempre maggiori per far avanzare la politica attraverso azioni che non aumentino necessariamente la biosicurezza delle popolazioni colpite nella stessa misura dello sforzo richiesto per fateli”.

Virus importato?

La disinfezione di massa fa parte di una lunga campagna in Cina per combattere i rischi di trasmissione del virus Covid-19 che gran parte del mondo ha ritenuto troppo pochi per giustificare le misure in passato per lavarsi le mani e mantenere disinfettate alcune superfici, come quelli in luoghi pubblici affollati e mangiare o curare i pazienti COVID-19.

In un briefing scientifico lo scorso anno, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno affermato che gli studi scientifici indicano che ogni contatto con una superficie contaminata da Covid-19 contiene meno di 1 possibilità su 10.000 per causare l’infezione. Tale ricerca ha portato molti a considerare l’attenzione esplicita sulla purificazione come Teatro dell’Igiene. A differenza di qualsiasi misura efficace di prevenzione delle malattie.

La disinfezione di massa non faceva parte delle misure di controllo delle malattie nei paesi occidentali “perché le autorità sanitarie pubbliche seguivano la scienza”, secondo Emmanuel Goldman, professore di microbiologia al Rutgers College of Medicine, nel New Jersey.

“(È molto improbabile che eventuali casi siano dovuti al contatto con superfici contaminate. Il virus muore rapidamente all’esterno della persona infetta… e si trasmette in modo inefficace attraverso le dita”, ha detto. “Lavarsi le mani con sapone o salviettine imbevute di alcol, è tutto ciò che serve per ridurre l’infezione a Zero”.

In Cina, dove le pratiche rigorose si sono concentrate sull’arginare qualsiasi diffusione del virus, le preoccupazioni per le superfici contaminate risalgono ai primi mesi della pandemia, soprattutto dopo che i funzionari cinesi hanno affermato che l’epidemia in Il mercato di Pechino Probabilmente è iniziato a causa di un’infezione del lavoratore dovuta alla manipolazione del salmone importato e congelato contaminato dal virus.

Sebbene l’Organizzazione Mondiale della Sanità affermi che è “estremamente improbabile” che le persone contraggano il Covid-19 attraverso alimenti o imballaggi alimentari, le autorità cinesi hanno in numerose occasioni indicato le importazioni della catena del freddo o altre superfici contaminate, come aerei o persino posta internazionale, come come vettori.

READ  Tesla sospende la produzione nella fabbrica di Shanghai per quattro giorni a causa delle restrizioni COVID

Ciò ha portato a una serie di misure in gran parte uniche in Cina, come testare le superfici delle importazioni per tracce di virus e disinfettare in massa i prodotti congelati dall’estero, mentre alcune città hanno emesso vari ordini per disinfettare la posta e i pacchi internazionali, sebbene a livello nazionale. Gli esperti sanitari hanno affermato all’inizio di quest’anno che non c’erano prove sufficienti che tali articoli non refrigerati potessero trasportare il virus.

Mentre Pechino ha cercato di riformulare la narrativa sull’origine del coronavirus, scoperta per la prima volta in Cina, i funzionari hanno avanzato la teoria secondo cui il virus avrebbe potuto essere Importato su prodotti congelati In primo luogo – un’ipotesi ampiamente respinta dagli esperti internazionali.

Sebbene ci siano alcune prove che il virus possa rimanere contagioso sui pacchetti congelati, il modo in cui i paesi potrebbero voler affrontarlo varia, secondo Liu Bun, professore presso la School of Public Health dell’Università di Hong Kong.

“Per i paesi che utilizzano la strategia di smaltimento, questo è un rischio significativo. Tuttavia, per la maggior parte dei paesi ora, potrebbe non essere così. assolutamente fantastico.”

Quando si tratta di toccare superfici normali, questa “non è una modalità di trasmissione importante per Covid-19”, ha affermato, aggiungendo che un po’ di disinfezione all’interno potrebbe essere una buona idea.

potenziali rischi

In luoghi come Shanghai, dove le risorse sono già scarse mentre la città lotta per settimane di blocco, schierando volontari e lavoratori per scopi di disinfezione maionese Concentrati sui rischi sbagliati.

ha affermato Dale Fisher, professore universitario nazionale della Yong Lo Lin School of Medicine di Singapore.

READ  La guerra ucraino-russa: ultime notizie - The New York Times

Potrebbero anche esserci degli svantaggi in tale lavoro, secondo Goldman della Rutgers New Jersey Medical School, che afferma che le persone possono essere danneggiate dall’esposizione a una dura sterilizzazione.

Mentre l’Organizzazione Mondiale della Sanità sostiene la disinfezione come pulire aree come le maniglie delle porte in luoghi pubblici affollati, Linee guida dell’OMS “Spruzzare disinfettanti, anche all’esterno, può essere dannoso per la salute delle persone e causare irritazioni o danni agli occhi, al sistema respiratorio o alla pelle”, afferma.
All’inizio dell’epidemia, un gruppo di scienziati cinesi aveva avvertito a Una lettera alla rivista scientifica L’uso eccessivo di disinfettanti a base di cloro minaccia di inquinare l’acqua e persino di mettere in pericolo gli ecosistemi dei laghi e dei fiumi vicini.

Ci sono segnali di preoccupazioni simili da parte delle autorità di Shanghai, anche se continuano le loro misure di disinfezione.

Alla fine del mese scorso, i funzionari hanno formulato raccomandazioni ai residenti su come sterilizzare, esortandoli a non “spruzzare disinfettanti direttamente sulle persone”, utilizzare “camion Canon” e droni o disinfettare l’aria esterna.

“Queste pratiche sono sostanzialmente inefficaci e possono causare rischi per la salute e inquinamento ambientale”, ha affermato un funzionario di Shanghai.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews