Justin Lin è fuori da “Fast X”: un mondo in una corsa costosa per sostituirlo

il 22 aprile vin Diesel Propagazione Un video Instagram di 19 secondi che riassume la prima settimana di produzione su “X veloce“L’ultima voce nel franchise di 21 anni della Universal. Nella clip, Diesel prende un livello Giustino Lin Per chiedere al regista e co-sceneggiatore del film come si sentiva alla fine della prima settimana di produzione.

Mentre Diesel sorride alla sua telecamera, Lin si siede, sembrando a disagio, annuendo mentre cerca di trovare le parole giuste.

“Sembra l’inizio, ah, di un finale epico”, dice Lynn francamente.

Apparentemente, Lane si riferiva alle riprese successive pianificate del decimo e dell’undicesimo sequel della serie d’azione, presumibilmente destinate a porre fine alla saga di Diesel di Dominic Toretto e della sua famiglia “veloce”.

In alternativa, Lynn, che ha diretto cinque delle dieci puntate della serie del franchise, potrebbe aver erroneamente previsto la fine del suo tempo al volante di “Fast X”. Solo quattro giorni dopo, il regista 50enne ha annunciato che non avrebbe più diretto il film.

“Con il supporto della Universal, ho preso la difficile decisione di dimettermi dalla carica di regista di ‘Fast X’, pur rimanendo con il progetto come produttore”, ha detto Lynn in una nota. Propagazione All’indirizzo ufficiale dei social media del film.

La notizia è stata un enorme shock per i fan, che hanno visto Lin come uno dei principali artefici dell’approccio della serie al cuore, all’umorismo e alla carneficina automobilistica da quando ha guidato il progetto con “The Il veloce e il furioso: Deriva di Tokyo. Da allora, ha diretto alcuni dei film più acclamati dalla critica, tra cui Fast Five del 2011, e ha portato i suoi thriller a nuove vette – e totalmente fuori dal mondo – con il suo ritorno nel 2021 F9: The Fast Saga.

Secondo quanto riferito, l’uscita di Lynn è stata “amichevole” e attribuita a “differenze creative”. Ma lasciare diversi milioni di giorni di franchising in produzione ha messo la Universal nella rara e non invidiabile posizione di trovare un sostituto in tempo per una data di uscita nelle sale prevista per il 19 maggio 2023.

READ  Al Pacino ripercorre il suo fantastico ruolo in Il Padrino

I rappresentanti universali non hanno risposto immediatamente alle richieste di commento.

La sfida più grande per la produzione è il tempo. Dicono le fonti diverso Che la seconda unità avrebbe continuato a essere prodotta nel Regno Unito, mentre l’unità principale sarebbe stata messa in pausa fino alla nomina di un manager sostitutivo. Fino ad allora, la produzione stava bruciando soldi per mantenere la troupe principale e i membri nel limbo. Fonti di vari studi con esperienza nella sostituzione dei manager a metà hanno stimato che potrebbe costare alla Universal da $ 600.000 a $ 1 milione al giorno. Gran parte del costo dipende dal fatto che la produzione di tracce fisse sia già in corso – più grande è l’azione, più costoso è il ritardo – indicando che Lynn ha preso la decisione di lasciare la sedia del regista molto presto durante le riprese per evitare ulteriori sforamenti dei costi. lungo il calendario di produzione.

C’è anche la questione delle nuove star del franchise, Jason Momoa e Brie Larson, così come Charlize Theron, che farà una terza apparizione come il cattivo Cipher. Tutti e tre sono dedicati ai vantaggi in corso che richiedono il loro tempo e la loro attenzione, quindi i ritardi potrebbero richiedere alcune modifiche affrettate e costose per adattarsi ai loro impegni.

Gli osservatori notano che l’annuncio di Lane è stato fatto sui canali dei social media “Fast and Furious”, non dai rappresentanti di Lane o sui suoi social media personali – ed è stato formattato nella linea ufficiale del franchise. A causa delle formalità coinvolte, la Universal avrà probabilmente un preavviso della sua decisione e quindi più tempo per iniziare a cercare un sostituto.

La risposta più logica per sostituirlo sarebbe introdurre qualcuno che abbia familiarità con i meccanismi del franchise. Il problema è che, oltre a Lynn, solo cinque registi hanno diretto “Fast and Furious”: Rob Cohen (2001 “The Fast and the Furious”), il compianto John Singleton (“2 Fast 2 Furious” 2003), James Wan ( “The Fast and the Furious” 2003). Furious 7 del 2015, F. Gary Gray (2017 “The Fate of the Furious”) e David Leech (2019 “Fast & Furious Presents: Hobbs and Shaw”).

READ  Catturato dalla telecamera: i visitatori osservano un leone scioccato mentre morde il dito di un uomo allo zoo della Giamaica

Wan, Gray e Leitch sarebbero tutte opzioni praticabili, se non fossero occupati. Circa un’ora dopo la notizia che Lynn si sarebbe dimessa dalla regia, Wan era sul palco del CinemaCon di Las Vegas per un’anteprima di Warner Bros. “Aquaman and the Lost Kingdom”, che è ancora in post-produzione e l’uscita è prevista per marzo 2023. Questo film ha effetti speciali elaborati, rendendo quasi impossibile per Wan essere in grado di spostare la sua attenzione altrove. Gray sta attualmente girando “Lyft” di Netflix, con Kevin Hart, e Leitch inizierà presto la produzione di Universal Fall Guy con Ryan Gosling.

Nel frattempo, Cohen non dirige un film dal 2018, poco prima di essere coinvolto in una controversia personale con diverse accuse di aggressione sessuale. (I rappresentanti di Cohen hanno negato le accuse.)

Un dirigente di uno studio rivale ha ipotizzato che la Universal potrebbe essere alla ricerca di un abile regista della seconda unità, in particolare uno esperto di film d’azione ad alto budget, per co-sponsorizzare il sequel. Un regista nella prima lista potrebbe non essere disposto a unirsi alla serie senza chiedere modifiche alla sceneggiatura o tempo aggiuntivo per farsi strada nella storia.

Inoltre, Diesel, l’OG “Fast and Furious”, è noto per essere il vero motore del franchise. È anche un produttore cinematografico e non è stato timido nell’esprimere pubblicamente il suo dispiacere per le decisioni creative che gli altri prendono. Il 20 aprile, Diesel ha pubblicato che la prima bozza della sceneggiatura di “Fast X”, scritta da Lin e dal co-sceneggiatore Dan Mazo, non includeva il personaggio di Jordana Brewster, Mia, che, i fan sanno, è anche la sorella di Dom. “Ero così deluso che non riuscivo a vedere come avrei potuto continuare”, ha scritto Diesel. L’attore ha ottenuto quello che voleva e Brewster ha finito per unirsi al film.

READ  Alec Baldwin intervista Woody Allen su Instagram Live | Film

Ci sono stati altri ostacoli alla produzione di Fast X, inclusa la faida di Diesel con Dwayne Johnson, che si è unito alla troupe in Fast Five e poi si è rifiutato di unirsi al gruppo con lui in “Fate”. Quando Diesel ha fatto un’offerta pubblica a Johnson su un ritorno per il nuovo film, Johnson, pubblicamente, l’ha chiusa.

“Ho detto [Diesel] “Non tornerò direttamente nel franchise”, ha detto Johnson in un’intervista alla CNN. “Sono stato fermo ma amichevole con le mie parole e ho detto che sarei sempre stato di supporto al cast e ho sempre fatto il tifo per il successo del franchise, ma non c’era possibilità di un ritorno”.

Ci ha provato anche Diesel Reclutare Rita Moreno nella troupe cinematografica come Abuela Dome, ma la programmazione ha impedito la comparsa del vincitore dell’EGOT. “Ho detto, ‘Farò un controllo della pioggia’”, ha detto Moreno, “e siamo diventati amici”. diverso nel mese di marzo.

Nonostante la sua influenza, le possibilità che Diesel ottenga il regista non sembrano alte. Sebbene abbia diretto il cortometraggio del 2009 “Los Bandoleros”, il precursore del ritorno di Dom nel franchise in “Fast and Furious” del 2009 dopo aver saltato la seconda e la terza parte, Diesel ha diretto un solo film, “Strays” del 1997. Di cui la Universal avrebbe bisogno una mano più esperta per affrontare una produzione così gigantesca già in corso.

Certamente, le ambizioni dell’attore per “Fast X” sono evidenti. Nel suo video con Lynn, il regista ha chiesto: “È giusto dire che questo sarebbe il migliore?”

Lynn alza le spalle. “Nel mio cuore sì.”

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews