INS Vikrant: la prima portaerei indigena dell’India si colloca tra l’élite navale mondiale.

Con i 3 miliardi di dollari di Vikran, l’India si unirà solo a un piccolo numero di paesi che hanno più di una portaerei o portaelicotteri in servizio e diventerà il terzo paese, dopo il Regno Unito e la Cina, a gestire in passato una portaerei costruita internamente . Tre anni.

Il vettore ha riempito la nazione di “nuove speranze”, ha detto il primo ministro Narendra Modi durante una cerimonia segnata da fanfara presso il cantiere navale di Kochi, nello stato meridionale del Kerala, in India.

“L’obiettivo può essere difficile. Le sfide possono essere grandiose. Ma se l’India si concentra su di esso, nessun obiettivo è impossibile”, ha detto Modi prima di salire a bordo della portaerei e issare la nuova bandiera navale del Paese.

“Finora questo tipo di portaerei era prodotto solo dai paesi sviluppati. Oggi l’India ha fatto un altro passo per diventare un paese sviluppato entrando in questo campionato”, ha detto Modi, aggiungendo che la regione indo-pacifica “è una delle principali priorità di sicurezza “per l’India.

S. a Singapore. John Bradford, ricercatore presso la Rajaratnam School of International Studies, ha affermato che l’impegno dell’India nei confronti della nave riflette la sua “visione a lungo termine di mantenere una forza navale di livello mondiale”.

“Ci sono domande sulla sopravvivenza di qualsiasi vettore nell’era dei missili, ma le principali marine – comprese quelle di Stati Uniti, Giappone, Cina e Regno Unito – stanno raddoppiando gli investimenti dei vettori. In questo senso, l’India ha la corsa “, ha detto Bradford.

Vikrant si unisce alla marina indiana su INS Vikramaditya, una portaerei ristrutturata dell’era sovietica acquistata dalla Russia nel 2004.

READ  Pence dice ai donatori del GOP: "Coloro che si scusano per Putin non hanno posto nel partito", il che contraddice Trump

Con un dislocamento di circa 40.000 tonnellate, Vikrant è leggermente più piccola di Vikramaditya e più grande dei vettori giapponesi di Stati Uniti, Cina e Regno Unito.

Ma gli analisti hanno elogiato la sua potenziale potenza di fuoco.

Quando la sua ala aeronautica diventerà pienamente operativa nei prossimi anni, il Vikrant trasporterà 30 velivoli tra cui jet da combattimento MiG-29K lanciati dal suo ponte in stile rampa aerea, insieme a elicotteri e sistemi di difesa superficie-superficie. – Missili aerei.

Alimentato da quattro motori a turbina a gas, la sua velocità massima è valutata a 32 mph (52 km/h) a un’autonomia di 8.600 miglia (13.890 chilometri).

“L’India sta inviando un messaggio che ha una forza dominante, le portaerei, e quindi la potenza aerea negli angoli più remoti dell’Oceano Indiano”, ha affermato Ajay Shukla, un ex ufficiale dell’esercito indiano diventato analista della difesa.

Esploratori, una nuova portaerei, cacciatorpediniere e fregate alla fine costituiranno il suo gruppo d’attacco, offrendo all’India più opzioni.

Vikrant ha un'autonomia di 8.600 miglia (13.890 chilometri).

“L’India può influenzare e coordinare potenziali soluzioni di sicurezza alle preoccupazioni regionali. Contribuire a una task force navale con capacità di mare aperto si aggiunge all’influenza e alle opzioni dell’India. Non ha bisogno di unirsi a una risposta multilaterale, ma può farlo o stabilire una presenza indipendente separata, se lo desidera”, ha detto Carl Schuster, un ex capitano della Marina degli Stati Uniti che ora insegna alla Hawaii Pacific University.

Il nuovo vettore aiuterà l’India ad assumere un ruolo più importante nelle esercitazioni militari attraverso il Quadrilateral Defense Dialogue, o “Quad”, un’alleanza informale tra Stati Uniti, Giappone, Australia e India.

Ad esempio, i vettori statunitensi e giapponesi hanno partecipato alle esercitazioni annuali di Malabar a cui partecipano i membri del Quad.

La costruzione di Vikrant è stata ritardata a causa della ristrutturazione e della pandemia di Covid-19.

Fare Vikrant non è stato facile per l’India.

READ  Kevin Durant sull'amicizia con Kyrie; Influenza come LeBron

Il governo ha firmato la sua progettazione e costruzione nel 2003 e la chiglia è stata posata nel febbraio 2009. La nave, chiamata Vikrant, che in sanscrito significa “audace” o “vittoriosa”, è stata varata nell’agosto 2013.

Ma poi sono arrivati ​​i ritardi: è stato necessario ridisegnare le caratteristiche, ci sono stati problemi a proteggere le attrezzature degli aerei dalla Russia e poi c’è stata la pandemia di Covid-19.

Tuttavia, gli esperti affermano che l’India può migliorare la sua capacità di costruzione navale nazionale e imparare dall’esperienza.

“Ora hanno l’esperienza per costruire il prossimo vettore più velocemente e con un design migliore”, ha detto Shuster.

La Marina indiana sta valutando la costruzione di una seconda portaerei indigena. È ancora nella fase concettuale, ma si ipotizza che qualsiasi nuovo vettore possa essere nella gamma di 65.000 tonnellate, di dimensioni simili all’HMS Queen Elizabeth inglese o al secondo vettore cinese Shandong.

La Cina è considerata il principale concorrente navale dell’India nella regione. Con due vettori in servizio e un terzo vettore più avanzato lanciato lo scorso anno, la Cina guida l’India in termini di numero e tecnologia, ma gli analisti danno all’India un vantaggio nell’esperienza operativa del vettore.

La Marina indiana iniziò a operare portaerei nel 1961. Il suo primo vettore acquistato dall’Inghilterra si chiamava anche Vikrant. Il primo Vikrant si ritirò nel 1997. La seconda portaerei di costruzione britannica, INS Virat, ha prestato servizio nella Marina indiana per 30 anni prima di essere dismessa nel 2017.

Non importa la nuova portaerei cinese, queste sono le navi di cui l'America deve preoccuparsi
La prima portaerei cinese, la Liaoning, è la terza portaerei, una nave incompiuta dell’era sovietica acquistata da Pechino dall’Ucraina nel 1998. Fujian — Portaerei avanzato con sistemi di lancio assistiti da catapulte elettromagnetiche utilizzati dagli Stati Uniti.

“Sulla carta, i nuovi vettori cinesi sono più capaci in termini di carico utile e tecnologia rispetto al Vikrant. Tuttavia, l’India ha decenni di esperienza nella gestione delle forze aeree dei vettori mentre la Cina sta ancora imparando”, ha affermato l’analista di Singapore Bradford.

READ  Il comitato del 6 gennaio ha messaggi di testo tra Ginny Thomas e Mark Meadows

Anche con quell’esperienza potrebbe volerci un anno o più prima che Vikrant raggiunga la piena velocità come forza combattente. Questo è comune per le portaerei. La nuova compagnia aerea americana, la USS Gerald Ford, è stata lanciata nel 2017 e dovrebbe fare il suo primo schieramento solo entro la fine dell’anno.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews