Il telescopio Webb condivide le sue prime osservazioni di Marte

L’osservatorio spaziale ha catturato le sue prime immagini e dati del pianeta rosso il 5 settembre.

Orbite multiple su Marte e Rovers Curiosità e perseveranzaVaga per la superficie, pubblicando regolarmente idee. Le capacità a infrarossi di Webb contribuiscono a un’altra prospettiva che potrebbe rivelare dettagli sulla superficie e l’atmosfera di Marte.

Webb, situato a 1 milione di miglia (1,6 milioni di km) dalla Terra, è in grado di rilevare il lato illuminato dal sole di Marte di fronte al telescopio spaziale, mettendo l’osservatorio in una posizione ideale per spiare i cambiamenti stagionali del pianeta, le tempeste di sabbia e il tempo contemporaneamente.

Il telescopio è così sensibile che gli astronomi hanno dovuto apportare modifiche per evitare che l’accecante luce infrarossa di Marte saturasse i rivelatori Webb. Invece, Webb ha osservato Marte usando esposizioni molto brevi.

Nuove immagini immaginate L’emisfero orientale di Marte a diverse lunghezze d’onda della radiazione infrarossa. A sinistra c’è una mappa di riferimento dell’emisfero terrestre presa dalla missione Mars Global Surveyor, che si è conclusa nel 2006.

L’immagine in alto a destra di Webb mostra la luce solare che si riflette sulla superficie di Marte, mostrando caratteristiche marziane come il cratere Huygens, rocce ignee scure e Hellas Planitia, un enorme cratere sul pianeta rosso che si estende per oltre 1.200 miglia (2.000 km).

L’immagine in basso a destra mostra l’emissione termica di Marte, ovvero la luce emessa dal pianeta mentre perde calore. Le regioni più luminose indicano le regioni più calde. Inoltre, gli astronomi hanno scoperto qualcos’altro sotto forma di emissione termica.

Quando questa luce termica attraversa l’atmosfera marziana, parte di essa viene assorbita dalle molecole di anidride carbonica. Questo fenomeno ha fatto apparire Hellas Planitia ancora più scuro.

READ  Perché gli scienziati sono preoccupati per W Boson: "Qualcosa non va"

“Questo in realtà non è un effetto di calore in Hellas”, ha detto in una dichiarazione Jeronimo Villanueva, uno scienziato planetario presso il Goddard Space Flight Center della NASA, a Greenbelt, nel Maryland.

“Il bacino dell’Hellas è considerato a un’altitudine inferiore e quindi sperimenta una pressione atmosferica più elevata”, ha detto a Webb Villanueva, che è anche ricercatrice principale negli studi su Marte e sui mondi oceanici. “L’alta pressione sopprime l’emissione termica in questo specifico intervallo di lunghezze d’onda a causa di un effetto chiamato ampliamento della pressione. Sarebbe molto interessante separare questi effetti concorrenti in questi dati”.

Il telescopio Webb acquisisce la prima immagine diretta di un esopianeta

Grazie alle potenti capacità di Webb, Villanueva e il suo team sono stati anche in grado di catturare il primo spettro nel vicino infrarosso di Marte.

Lo spettro indica differenze più sottili di luminosità in tutto il pianeta, che potrebbero evidenziare aspetti della superficie e dell’atmosfera di Marte. Un’analisi iniziale ha rivelato informazioni su nubi di ghiaccio, polvere, tipi di roccia in superficie e composizione dell’atmosfera che si trova nello spettro. Ci sono anche firme per acqua, anidride carbonica e monossido di carbonio.

Gruppo di ricerca della NASA Maggiori informazioni sulle osservazioni di Webb su Marte in uno studio che sarà sottoposto a revisione tra pari e pubblicazione futura. Il team di Marte sta cercando di utilizzare le capacità di Webb per identificare le differenze tra le regioni del Pianeta Rosso e cercare gas come metano e acido cloridrico nell’atmosfera.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews