Il telescopio spaziale James Webb della NASA rivela un terrificante vortice viola nel nostro universo

La nuova immagine del James Webb Space Telescope sembra più un terrificante vortice psichedelico di un film Marvel che la forma di una galassia a spirale familiare dai telescopi visibili, che mostra lo scheletro polveroso della lontana galassia NGC 628.

“Questa è una galassia che probabilmente assomiglia molto a quella che pensiamo sia la nostra Via Lattea”, Gabriel Brammer, astronomo del Cosmic Dawn Center presso il Niels Bohr Institute dell’Università di Copenaghen, che Condividi la foto su Twitter Lunedì, disse indipendente in un’intervista. “Puoi vedere tutti questi nodi di singole stelle che si formano, singole supernove che esplodono e studiarlo davvero in dettaglio”.

I bracci a spirale di NGC 628 sono stati ripresi in precedenza, ma le immagini della galassia catturate in luce visibile dal telescopio spaziale Hubble non assomigliano alla struttura a spirale viola vista nell’immagine del medio infrarosso di Webb.

L’immagine del telescopio spaziale Hubble della galassia a spirale NGC 628, che potrebbe assomigliare alla nostra Via Lattea.

(NASA)

“Guardi questa galassia con Hubble o con telescopi terrestri, vedi stelle blu, stelle rosse, vedi braccia a spirale, vedi corsie di polvere”, ha detto il dottor Brammer.

Quelle corsie di polvere, ha detto, i filamenti bruno-rossastri nei bracci a spirale tendono a oscurare le stelle nelle immagini visibili scattate da Webb e altri telescopi.

“Nell’infrarosso medio, ciò che si vede effettivamente è un po’ l’opposto, dove quella polvere non viene più assorbita; in realtà stiamo osservando direttamente che la stessa polvere ora brilla, perché la polvere stessa la emette”, Dr. Brammer detto. In realtà vediamo un’immagine di gas e polvere in questa galassia, piuttosto che di stelle”.

Un’immagine nel medio infrarosso di NGC 628 scattata dal James Webb Space Telescope il 17 luglio

(Composito a colori, Gabriel Brammer (Cosmic Dawn Center, Niels Bohr Institute, University of Copenhagen); dati grezzi, Janis Lee et al., e la collaborazione PHANGS-JWST.)

Webb ha catturato l’immagine di NGC 628 il 17 luglio e l’ha restituita sulla Terra dove è stata registrata Archivi di Barbara Mikulsky per i telescopi spaziali, (MAST), dove i dati sono disponibili a chiunque, compreso il pubblico. Il dottor Brammer in realtà studia galassie molto distanti nel suo stesso lavoro piuttosto che galassie relativamente vicine come NGC 628, ma quando ha visto l’immagine grezza nei dati lunedì mattina, ha capito che voleva colorare e condividere l’immagine.

“È stata davvero la prima cosa che si è presentata”, ha detto. “Mi ha davvero stupito non appena l’ho aperto sul mio schermo.”

Mentre la NASA ha creato un capolavoro rivelando le prime cinque immagini a colori di Webb il 12 luglioIl telescopio non è rimasto inattivo da allora e continua a scattare foto e metterle nell’archivio MAST, secondo il dottor Brammer. Per gli astronomi che hanno aspettato più di 20 anni per avere la possibilità di vedere cosa può fare Webb, questi sono tempi molto eccitanti.

“Stiamo aspettando Webb in alcuni casi da decenni ormai, e non abbiamo dormito molto nell’ultima settimana e abbiamo guardato quante più immagini possibili di Webb”, ha detto il dottor Brammer. “Tutto è davvero fantastico.”

READ  L'innovativo elicottero della NASA scopre i detriti di veicoli spaziali su Marte - Copertina posteriore del cono di perseveranza

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

Altcoinews